Vaccinazioni

[SENTENZA] Vaccino esavalente e morte in culla: tribunale di Pesaro riconosce nesso causale

Fonte: Comilva


CATEGORIE: Vaccinazioni , Infanzia

vaccino esavalente
Vaccino esavalente e morte in culla: tribunale di Pesaro riconosce nesso causale

Il tribunale di Pesaro, sezione lavoro, nella persona del dott. Pio Baldi, Giudice del Lavoro, nell'udienza del 1.7.2013 scorso ha pronunziato una sentenza di grande rilevanza per la giurisprudenza di questo paese (vedi allegato a questo articolo): viene indennizzata ai sensi della L. 210/92, art. 2, la morte in culla (SIDS) di una bambina in seguito al nesso causale con la somministrazione del vaccino (ESAVALENTE). I genitori erano rappresentati e difesi dall'Avv. Luca Ventaloro.

Il tribunale di Pesaro ha riconosciuto colpevole il Ministero della Salute e stabilito un risarcimento di 200.000 euro, più un vitalizio di circa 700 euro al mese e un ulteriore indennizzo ancora da quantificare, da destinare alla famiglia della bambina.

La bambina, nata nel settembre 2002, è stata sottoposta a vaccinazione il 17.01.2003 ed è deceduta il successivo 07.02.2003. Si tratta di una sentenza in seguito al ricorso proposto dai genitori (28.01.2011) della bambina contro il Ministero che aveva negato l'indennizzo nel classico percorso ad ostacoli che molti genitori intraprendono nel tentativo di veder riconosciuto il loro sacrosanto diritto.

Come sempre il Ministero aveva giocato la carta del difetto di legittimazione passiva (mancanza della titolarità del rapporto giuridico dedotto in giudizio) e di infondatezza della domanda della famiglia.

Il giudice ha liquidato subito la prima istanza del Ministero: l'art. 123 del D.L. 31.03.1998 stabilisce che “sono conservate dallo Stato le funzioni in materia di ricorsi per la corresponsione degli indennizzi a favore di soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie …”. Questo impianto normativo è stato successivamente confermato dal DPCM 26.05.2000 all'art. 2. Si sono susseguite poi altre Sentenze della Corte di Cassazione dalla quale abbiamo l'ultimo pronunciamento (N. 12538 del 9.6.2011) che ha confermato sussistenza della Legittimazione passiva a carico del Ministero.

Nel merito della domanda di indennizzo (fondatezza) il giudice ha nominato all'uopo un CTU. Nel caso concreto, il CTU dott. Fucili ha ritenuto che questo decesso (avvenuto pochi giorni dopo la vaccinazione) possa essere casualmente riconducibile alla stessa in termini possibilistici, per cui la sentenza è perfettamente in linea con lo spirito della L. 210/92.

Le valutazioni del CTU sono state definite “frutto di esaurienti ed accurate indagini, immuni da vizi logici o da errori di metodo".

Il CTP (consulente di parte della famiglia) ha ritenuto che, in termini medici, sia altamente probabile che la morte della minore sia da attribuire alla somministrazione del vaccino del 17.01.2003. il Giudice ha fatto proprio questo assunto per i seguenti fondanti motivi:
- non è stato oggetto di contestazione da parte del Ministero che l
- la bambina nei primi tre mesi di vita era cresciuta in modo costante e quindi il suo dato di benessere precedente alla somministrazione del vaccino è un dato certo inconfutabile,
- soltanto dopo la vaccinazione si sono manifestati i problemi di salute che, debitamente documentati, nel giro di venti giorni hanno portato al decesso.

La notizia è stata ripresa da diverse testate giornalistiche, tra cui “Il Resto del Carlino”, nelle pagine di Pesaro e “Viverepesaro”. Come da prassi oramai consolidata si sono levate immediatamente le proteste dei benpensanti difensori ad oltranza delle vaccinazioni: una delle “perle di saggezza” che ci hanno somministrato in questi giorni è quella dell'esimio Prof. Roberto Burioni, virologo e immunologo Università Vita Salute San Raffaele, Milano, il quale, sempre dalle pagine dello stesso quotidiano ci illumina sull'argomento con un articolo dal titolo “Vaccinarsi non uccide”.

Il professore ci rassicura in quanto alla pericolosità del vaccino esavalente, che lui stesso definisce “… assolutamente sicura ed è oramai provato oltre ogni ragionevole dubbio che ad essa non sono associati effetti collaterali di una qualunque importanza …”. Una sicurezza imbarazzante!!!

Chi volesse leggere dell'esimio Prof. può consultare la pagina http://www.unisr.it/persona.asp?id=359, dove potrà trovare, fra la lista di innumerevoli attestati curriculari di cui egli si può fregiare, l'indicazione:

… È responsabile di un laboratorio di ricerca immunologica volto allo studio della risposta immune contro patogeni umani e alla progettazione di vaccini artificiali, finanziato ininterrottamente dal 1999 fino ad oggi dall'Istituto Superiore di Sanità e dal Fondo per la Ricerca di Base del Ministero della Ricerca Scientifica. È autore di numerosi lavori scientifici su riviste internazionali ed è stato relatore a numerosi congressi internazionali. È titolare di diversi brevetti internazionali relativi a procedure di immunologia molecolare, anticorpi monoclonali umani e a farmaci immunologici …

Possiamo dire quindi che, se non altro, l'opinione dell'emerito … non dovrebbe essere, in teoria, del tutto disinteressata. Ma il nostro “emerito” non si limita a snocciolare la solita litania: temerario com'è si lancia in un impavido giudizio di merito anche sul giudice del lavoro che viene definito (indirettamente) un IGNORANTE. Per noi invece riserva un appellativo più “scolastico” dandoci dei “somari” … “… Nonostante la moltitudine di somari che su internet sostiene senza alcuna prova scientifica il contrario, le vaccinazioni sono sicurissime …”.

Dal momento che, probabilmente, l'esimio Burioni non ha nemmeno lui delle forti argomentazioni a sostegno delle sue “opinioni” non trova di meglio che affidarsi ad uno “studio estremamente rigoroso ed ampio pubblicato dal Robert Koch Institute a pagina 2349 della prestigiosissima rivista scientifica Vaccine nel marzo del 2012”, studio dal quale ovviamente si deduce che “il rischio di morte improvvisa non è né aumentato né ridotto dopo la vaccinazione”.

Ora, per curiosità, siamo andati a cercarci questo studio “rigoroso” e abbiamo scoperto delle cose abbastanza interessanti!

Innanzitutto si apprende dal Sommario che lo studio è stato condotto nel periodo che va dal luglio 2005 al luglio 2008. Sono stati studiati 254 casi di SIDS per stabilire una eventuale correlazione fra loro e la vaccinazione esavalente. Già questa premessa denota una indagine con un pregiudizio di fondo: non si indagano le morti di SIDS per capirne la causa, bensì per escluderne una in particolare.

L'analisi di studio principale, più ulteriori analisi, non hanno mostrato (ovviamente …) un aumento del rischio di morte improvvisa entro una settimana dopo la vaccinazione esavalente. C'è da chiedersi chi abbia stabilito questo criterio temporale “restrittivo” (il caso in questione è avvenuto dopo venti giorni dalla somministrazione del vaccino e non sarebbe mai rientrato in questa statistica …).

Ma la cosa più ridicola sono le conclusioni a cui arriva uno studio così “prestigioso”: “Quasi tutti i bambini che sono morti in stretta relazione temporale con la vaccinazione avevano riportavano i fattori di rischio per la sindrome da morte improvvisa del lattante (SIDS): dormire in posizione prona, fumo materno o rischio di ipertermia (bambini troppo vestiti)”.

Dulcis in fundo la presentazione del lavoro ci dona involontariamente un rigurgito di “trasparenza”, quando nel pavoneggiarsi per il prestigio ci informa che “Per questo studio, l'RKI ha avuto il sostegno delle autorità sanitarie locali, istituti di medicina legale e pediatri della Germania. Lo studio è stato sostenuto e sponsorizzato inoltre dal Paul-Ehrlich-Institute (PEI) e dal Ministero federale della sanità (Bundesministerium für Gesundheit). Inoltre è stata fornita la sponsorizzazione di prestigiose aziende farmaceutiche come GlaxoSmithKline Biologicals e Sanofi-Pasteur MSD”. COMPLIMENTI, siamo senza parole!!!

Nello stesso periodo in cui è stato condotto questo studio abbiamo cercato (a campione) altri contributi in rete e abbiamo scovato questo interessante lavoro:
Sudden infant death syndrome (SIDS)
Standardised investigations and classification: Recommendations

Di Thomas Bajanowski, Åshild Vege, et al., accepted 10 May 2006, published online 28 June 2006.

Abstract
: La Sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) rappresenta ancora una parte considerevole di morti infantili inaspettate in molti paesi. Mentre numerose teorie sono state avanzate per spiegare questi eventi, è sempre più chiaro che queste mortisono la conseguenza di una complessa interazione di fattori endogeni e idiosincratici ereditabili che interagiscono con fattori esogeni … sono emerse contraddizioni e mancanza di consistenza nella letteratura scientifica per diversità di approccio nelle autopsie, applicazioni variabili di criteri diagnostici e l'uso incoerente di definizioni. Viene delineato un approccio alla morte improvvisa del neonato con una discussione sul prelievo dei campioni dei tessuti, indagini accessorie e utilizzo di controlli nei progetti di ricerca. La standardizzazione delle indagini mortalità infantile, con l'applicazione delle definizioni e protocolli uniformi garantirà una indagine ottimale dei casi individuali e permetterà dei confronti internazionali.

Quindi nello stesso periodo in cui veniva effettuato lo studio dell'RKI altri studiosi (non il COMILVA …) si ponevano ancora tutta una serie di interrogativi sulle metodologie di indagine per spiegare questo fenomeno e arrivavano, comunque, ad una conclusione ragionevole, ossia che l'evento fosse una “conseguenza di una complessa interazione di fattori endogeni che interagiscono con fattori esogeni” … e le vaccinazioni sono certamente uno di questi!


Caro Prof. Burioni, noi forse potremo essere anche dei “somari” ma certamente non siamo così sciocchi e disponibili a berci il suo brodino tiepido di corbellerie confezionate tanto per rilasciare un'intervista “riparatrice”. Per quanto riguarda il Giudice e l'offesa che lei le ha maldestramente indirizzato se la vedrà direttamente con chi di dovere. Da parte nostra sappiamo come difenderci, non si preoccupi.

Come sempre, persone come lei, quando non sanno come controbattere con “argomentazioni scientifiche” passano direttamente all'offesa generalizzata: grande segno di maturità e spessore morale, non c'è che dire!!!



Scarica allegato



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione


"Quest’anno il vaccino antinfluenzale è pressoché inefficace" 10 DIC 2014 VACCINAZIONI
Vaccinazioni antinfluenzali e pediatriche: "una reale emergenza sanitaria" 1 DIC 2014 VACCINAZIONI
Smog e salute: emergenza in tutta Europa 21 NOV 2014 DENUNCIA SANITARIA
“In soli due anni le allergie sono aumentate del 10%” 4 NOV 2014 SALUTE
Si parla di danni da vaccino e il sindaco revoca il patrocinio 17 OTT 2014 VACCINAZIONI
Omeopatia: storia moderna di una terapia antica 19 SET 2014 OMEOPATIA
Agricoltura Sinergica. Le origini, l'esperienza, la pratica 20 GIU 2014 ALIMENTAZIONE
Latte materno, in America trovati residui di erbicida Roundup 6 GIU 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'imbarazzate silenzio sull'omeopatia 21 MAG 2014 OMEOPATIA
Vaccinazioni e Autismo: aggiornamenti dalla Procura di Trani 20 MAG 2014 VACCINAZIONI
Il virus del morbillo sconfigge il cancro. Ma ci si ostina a sconfiggere il virus del morbillo! 19 MAG 2014 VACCINAZIONI
In Svizzera le Medicine Complementari e Alternative saranno equiparate alle altre specialità mediche 7 MAG 2014 OMEOPATIA
Bimbo morto a 5 mesi. Sotto accusa il vaccino esavalente Infanrix-Hexa 30 APR 2014 VACCINAZIONI
26 aprile 2014 - Convegno 'Vaccinazioni pediatriche: per una scelta consapevole' 16 APR 2014 CONVEGNI
GlaxoSmithKline accusata di corruzione in Polonia 15 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
Omeopatia: le risposte alle domande più frequenti 31 MAR 2014 OMEOPATIA
Autismo: i casi continuano a crescere 28 MAR 2014 AUTISMO
Vaccini. Lorenzin: 'Da procure sentenze contro scienza'. Codacons: 'Affermazioni gravissime' 26 MAR 2014 VACCINAZIONI
Vaccini-autismo, l'avvocato: 'In arrivo decine di esposti' 24 MAR 2014 VACCINAZIONI
3 Maggio 2014: a Perugia un convegno sul danno da vaccinazioni 21 MAR 2014 CONVEGNI
Si vaccina poco? Big Pharma fa pressing sulle Asl e telefona alle famiglie 14 MAR 2014 VACCINAZIONI
Morte improvvisa dopo vaccinazione esavalente: uno studio neuropatologico 12 MAR 2014 VACCINAZIONI
Conferenza: 'Il benessere quotidiano. Come le nostre scelte creano la nostra vita!' (13 marzo 2014) 17 FEB 2014 CONVEGNI
Iniziare la dieta vegetariana? Non è mai troppo presto, parola di LeAnne Campbell 14 FEB 2014 ALIMENTAZIONE
Corso 'omeopatia per la famiglia' - dr.ssa Nicoletta Zappa 14 FEB 2014 CONVEGNI
Tariffe registrazione omeopatici, Tar Lazio interviene su Decreto Balduzzi 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Vaccinazioni. Vittoria storica a Trieste: accolto ricorso avverso sanzione amministrativa 22 GEN 2014 VACCINAZIONI
Vaccino Gardasil: Merck ritira volontariamente 743.360 fiale 2 GEN 2014 DENUNCIA SANITARIA
Cina, 7 bambini morti dopo aver fatto il vaccino contro l'epatite B 26 DIC 2013 VACCINAZIONI
Integratori contaminati da antibiotico: l'allerta del Ministero della Salute 25 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita