Vaccinazioni

New York vieta i vaccini al mercurio


CATEGORIE: Vaccinazioni

Il Senato di New York ha vietato la somministrazione di vaccini contenenti “tracce di mercurio” a bambini di meno di 3 anni e a donne incinte.

La decisione prende di mira (senza nominarlo esplicitamente) il thimerosal, un antibatterico al mercurio, prodotto dalla Eli Lilly, che viene aggiunto da decenni ai più comuni vaccini.

Esso è ritenuto responsabile di migliaia di casi di autismo infantile, essendo il mercurio un potente neurotossico.

La fonte della notizia – In-Pharma, sito ufficiale delle industrie farmaceutiche USA – si premura di precisare che “dal 2000 [sic] i vaccini per bambini sono disponibili in versioni che non contengono mercurio (‘Thiomersal-free’) o che lo contengono solo in tracce…eccettuate le fiale multidose destinate al Terzo Mondo” [sospiro di sollievo].

La sostanza è già stata vietata da Iowa e California, e il divieto sta per essere sancito anche da Delaware, Florida, Maryland, Massachusettes, Minnesota, Missouri, Nevada, North Carolina, Ohio, Oregon, Pennsylvania, Rhode Island, Tennessee, Utah e Washington.

Questa notizia viene fornita a beneficio speciale di una lettrice che, avendo letto a mia firma la notizia sul Thimerosal e la sua pericolosità, mi ha accusato di esagerare per “antiamericanismo”.
Evidentemente molti Stati in USA sono antiamericani.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Blondet Maurizio

Perchè ci vogliono vaccinare? 30 AGO 2009 VACCINAZIONI
Pubertà accelerata da junk food 15 GEN 2008 SALUTE






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione