Vaccinazioni

Vaccini obbligatori in Francia: dov’è finita la “libertè”?


CATEGORIE: Vaccinazioni

vaccini bambini
In un paese in cui liberté è uno dei tre pilastri del motto nazionale, la politica della mano pesante potrebbe avere un effetto che nessuno si augura'

In un paese in cui "liberté" è uno dei tre pilastri del motto nazionale, la politica della mano pesante potrebbe avere un effetto che nessuno si augura: alimentare ulteriormente la resistenza ai vaccini salvavita.

E' quanto conclude un editoriale pubblicato qualche giorno fa sull’autorevole rivista Nature in merito al dibattito accesosi in Francia in seguito all’approvazione del provvedimento che estende da tre a undici il numero delle vaccinazioni obbligatorie per l'ammissione dei bambini nella comunità scolastica (asilo nido e scuola dell'obbligo).

Si tratta di una misura necessaria?
"I dati sulla copertura vaccinale della maggior parte delle malattie in Francia – si legge su Nature - mostrano che la situazione è ora migliore di quanto lo sia stata negli anni passati. I tassi di copertura per alcuni nuovi vaccini sono troppo bassi, ma sono comunque aumentati; i tassi di vaccinazione contro la meningite C, ad esempio, sono aumentati costantemente da quando è stato introdotto dieci anni fa, dal 48% dei bambini di 2 anni alla fine del 2011 al 71% nel 2016. Ma la copertura vaccinale in Francia per la maggior parte delle malattie è nel complesso alta".

Nell’editoriale si fa poi riferimento ai dati sul richiamo del vaccino contro il morbillo: solo otto bambini su dieci ricevono il richiamo MMR (per parotite, morbillo e rosolia) a 18 mesi di età, un tasso inferiore rispetto a molti altri paesi. “Ciò – si legge nell’editoriale - ha indubbiamente contribuito ad una leggera recrudescenza del morbillo nel paese, con alcune dozzine o poche centinaia di casi all'anno - e in particolare a un'epidemia di diverse migliaia di casi nel 2010 e 2011.

Ma la reazione del governo francese è semplicistica e rinnega la maggiore responsabilità dell'amministrazione di lavorare pazientemente di pari passo con gli operatori sanitari e il pubblico per migliorare la copertura vaccinale, che è già alta. Diversi studi dimostrano che semplici promemoria per i vaccini ed i richiami possono avere un grande impatto sulla conformità e la copertura. Lo stesso vale per i sistemi informativi nazionali di vaccinazione elettronica per monitorare le vaccinazioni delle persone, un settore in cui resta ancora molto da fare”.

Il dibattito in Francia
La legge sull’obbligatorietà dei vaccini sta dividendo gli scienziati della sanità pubblica nel paese. Molti medici generici francesi sostengono che si tratta di una misura autoritaria e potrebbe ritorcersi contro, non da ultimo alienando i genitori e aumentando la diffidenza verso i vaccini in un paese in cui vari scandali sanitari hanno diffuso sfiducia nei confronti delle autorità sanitarie.

"In modo fuorviante – si legge nell’editoriale -  le autorità sembrano pensare che la nuova legge sia una risposta pertinente alle storie spaventose sulla sicurezza dei vaccini per l'infanzia, in particolare quelle raccontate dai gruppi anti-vaccino. Contrastare tale disinformazione è importante, ma non costituisce da sola la base per una politica coerente in materia di vaccini”.

“Trattare l'esitazione della società nei riguardi della vaccinazione come una semplice battaglia tra gruppi anti-vaccino e persone ignoranti da una parte, e la ragione scientifica e la salute pubblica dall'altra - come ha fatto il governo francese – genera una polemica improduttiva e sterile ed una semplificazione che oscura questioni complesse, come le molteplici cause di ‘esitazione dei vaccini’ nelle popolazioni”, continua Nature.

 



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Vaccini. Come orientarsi  Henry Joyeux   Nuova Ipsa Editore

Vaccini. Come orientarsi

Una guida illuminante per tutti

Henry Joyeux

Vaccini per tutti? no! Risponde il professor Joyeux. Le recenti polemiche riguardo all'obbligo di vaccinazione contro 10 malattie in Italia (e 11 in Francia), quella contro l'influenza, quella che riguarda i bambini e le bambine di 9 anni contro i papillomavirus (responsabili dei tumori del collo dell'utero e ORL), la scomparsa… Continua »
Pagine: 224, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Nuova Ipsa Editore
17,00 € 20,00 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

I residui di antibiotici contaminano il terreno e le acque 21 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Scuole, aziende e ospedali: ecco i decaloghi contro lo spreco alimentare 21 MAG 2018 ALIMENTAZIONE
Depressione: in Italia cure fai da te con psicofarmaci 21 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Corruzione: rinviato a giudizio il colosso Novartis 21 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Musicisti e bilingue? Hanno un cervello più efficiente 18 MAG 2018 SALUTE
Aifa: i farmaci scaduti possono essere mortali 18 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
“Aboliamo i vaccini obbligatori, misura inaccettabile”: presentata proposta di legge 16 MAG 2018 VACCINAZIONI
Omeopatia inefficace? Omeoimprese invita Garattini e Burioni ad un confronto 15 MAG 2018 OMEOPATIA
L'omeopatia resta nelle farmacie australiane. Così ha deciso il governo 15 MAG 2018 OMEOPATIA
Danni da vaccino. La Cassazione: “Risarcimento legittimo anche per quelli non obbligatori” 14 MAG 2018 VACCINAZIONI
Rughe: la prevenzione inizia a tavola 14 MAG 2018 ALIMENTAZIONE
Farmaci antiepilettici in gravidanza: quali rischi? 14 MAG 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Tutte le vittime dell'antibiotico-resistenza 11 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Nelle acque italiane oltre 250 pesticidi 11 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Dieci regole per combattere lo stress 11 MAG 2018 SALUTE
Obesità in gravidanza? Figlie a rischio di pubertà precoce 9 MAG 2018 SALUTE
Raffreddori: perché non bisogna curarli con gli antibiotici 9 MAG 2018 SALUTE
Test animali per i cosmetici: Parlamento Ue chiede divieto mondiale 7 MAG 2018 ANIMALI
Big Pharma: quasi 3 miliardi di multe in due anni 4 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Demenza: ecco i farmaci che possono aumentare il rischio 4 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Veneto: calo delle iscrizioni alle scuole materne per i vaccini obbligatori 4 MAG 2018 VACCINAZIONI
Il 90% del mondo respira aria inquinata 2 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'amianto continua a minacciare la salute degli italiani 2 MAG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Troppo lavoro fa male: ecco il decalogo del benessere 30 APR 2018 SALUTE
Il nostro mare soffoca sotto una montagna di plastica e microplastica 30 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi: Ue mette al bando i killer delle api 30 APR 2018 ANIMALI
“Informati prima di vaccinare”: nessun reato nei manifesti di Torino 30 APR 2018 VACCINAZIONI
La strategia Ue sui vaccini: dov'è la libera scelta? 27 APR 2018 VACCINAZIONI
Cioccolato: più è fondente e più fa bene 27 APR 2018 ALIMENTAZIONE
Anoressia e bulimia: tre milioni di italiani con disturbi alimentari 23 APR 2018 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione