Vaccinazioni

Vaccini, Glaxo in aula: di chi è il Parlamento?

Fonte: Il Giornale.it



vaccini

Oggi [9 ottobre] alla Commissione Sanità, in parlamento, si inizia a discutere della nuova legge sui vaccini che sostituirà la legge Lorenzin. (Ddl 770, primo firmatario Stefano Patuanelli, M5S). Le audizioni si terranno all’interno della Commissione durante le prossime settimane: non vi sarà un dibattito esteso all’aula. I parlamentari, nel loro insieme, potranno approvare o bocciare soltanto il testo finale. La richiesta per presentarsi in audizione è scaduta oggi. È doveroso, nel frattempo, denunciare un fatto che non so se sia meglio definire “ingiusto” o dovuto a un “conflitto di interessi” o, peggio ancora, chiamarlo uno “scippo della democrazia”. Ma temo che le tre espressioni non bastino a descrivere l’accaduto.


I fatti.

A fine settembre il Comitato per la libera scelta vaccinale – che riunisce 70 associazioni di genitori, sparse sul territorio italiano – ha chiesto un’aula in parlamento per presentare una proposta di legge popolare. Sono state raccolte 75.000 firme certificate (15mila in più di quelle previste dalla Costituzione), per un disegno di legge che prevede la raccomandazione delle vaccinazioni e la non esclusione dalle scuole. 

La richiesta però è stata rifiutata. Il parlamento ha detto No. No, voi non potete presentare qui il vostro disegno di legge (senza dire perchè, e stop). No ai genitori (che sono anche elettori e contribuenti). Ma dove avrebbero dovuto presentare una proposta di legge i cittadini italiani, se non in parlamento? E di chi è il parlamento? Andiamo avanti.

Si è poi saputo che oggi, poco dopo l’inizio dei lavori in Commissione Sanità, alla Sala Atti parlamentari, si sta svolgendo un convegno della Glaxo: “Global Health: l’Italia driver di best practice”. L’azienda produttrice di vaccini discuterà del ruolo di primo piano svolto dall’Italia nell’ambito delle strategie vaccinali. Prendetevi qualche minuto di tempo per leggere il comunicato dei genitori, qui https://drive.google.com/drive/folders/1rbf_Xfexm0xR2oaZOdfNkO6gafBBo70T: al convegno sono stati invitati gli stessi deputati della Commissione sanità che dovrebbero lavorare sulla legge. Poi, dopo le richieste di spiegazioni, qualcuno ha deciso di non partecipare al convegno.

Morale: alla richiesta di avere un’aula in parlamento, alla Glaxo è stato risposto sì. E stop. La Glaxo produce vaccini; è un nostro fornitore. Ma lo Stato siamo noi e il portafogli è nostro… Ma noi no, non abbiamo diritto a un posto in parlamento. Loro sì e noi no. Paga e taci.

Mi rivolgo al ministro Grillo e al suo primo consigliere scientifico, l’epidemiologo e studioso Vittorio Demicheli che nel 2015 davanti a un Piano Vaccinale da lui giudicato “fotocopia di quello delle industrie”, scrisse su Il Sole24ore che “questo modo di fare politica sanitaria avrebbe danneggiato la cultura delle vaccinazioni e favorito quella del complotto”.

Una profezia?

E ora, ministro Grillo, che il testo di legge in discussione prevede un “obbligo flessibile” da 0 a 90 anni, per “tutte le vaccinazioni che le autorità riterranno necessarie, quando la situazione lo richiederà”, noi dovremmo stare tranquilli?

Ps. Illustro brevemente cosa occorrerebbe per farci stare tranquilli: nessun obbligo preventivo in vista di infezioni che “potrebbero” colpirci, visto che le possibilità di contrarre virus e batteri per ciascuno di noi sono infinite, possibili ma non necessarie (non è detto che tutti ci si ammali). Le misure obbligatorie (vedi blocco del traffico causa polveri sottili o chiusura delle scuole quando c’è un’alluvione) si attuano quando un pericolo è reale; insomma, la società in cui viviamo ha tutti gli strumenti per far fronte alle emergenze (vere).

Ps. Legenda sul Ddl 770. Il testo parla di urgenze epidemiche o epidemiologiche per attuare l’obbligo vaccinale su tutta la popolazione. “Epidemica” sta per pandemia (ad esempio la suina o l’aviaria in passato solo paventate e mai avvenute). Una pandemia è già stata prevista nei prossimi anni da Bill Gates: il fondatore della Microsoft ha già calcolato che farà 33 o 34 milioni di morti. Leggete qui.

“Epidemiologica” invece si riferisce al caso in cui le coperture vaccinali dovessero scendere sotto gli obbiettivi del Piano vaccinale (95% di copertura per tutti?). Ci chiediamo: obbligo flessibile significa obbligo forever?

 

 



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Le Vaccinazioni Pediatriche  Roberto Gava   Salus Infirmorum

Le Vaccinazioni Pediatriche

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale

Roberto Gava

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici, fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale, sull'utilizzo personalizzato dei vaccini e sul loro rapporto rischio/beneficio alla luce delle attuali condizioni socio-sanitarie e ambientali   Le vaccinazioni pediatriche, da… Continua »
Pagine: 1056, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
33,92 € 39,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Gioia Locati

Studio sul vaccino MPVR: eventi avversi per 4 bimbi su 100 (!) 23 NOV 2018 VACCINAZIONI
Così la pillola spacciata per contraccettiva è abortiva 14 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ipocrisia tossica 29 OTT 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quei farmaci in gravidanza 8 AGO 2018 DENUNCIA SANITARIA
Eventi avversi e vaccini, ora si riconosce la correlazione causale 20 LUG 2018 VACCINAZIONI
Xylella o pesticidi, cosa avvelena la Puglia 8 GIU 2018 DENUNCIA SANITARIA
Espulso da scuola perché non vaccinato (a 4 giorni dalla festa di fine anno) 25 MAG 2018 VACCINAZIONI
Il vaccino anti Hpv e lo studio incompleto 18 MAG 2018 VACCINAZIONI
500 miliardi di terapie inutili (e di effetti collaterali) 6 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Toh, i bambini non vaccinati possono restare all’asilo 15 MAR 2018 VACCINAZIONI
Ecco come suonano le nostre cellule 16 FEB 2018 SALUTE
Vaccini sicuri ai militari. E ai bambini? 6 FEB 2018 VACCINAZIONI
Vermi 31 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Così Lorenzin fa sparire la pubblicità scomoda (ma vera) 17 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vacci-Nazione 11 DIC 2017 VACCINAZIONI
Vita, morte e miracoli. Tutta la verità sul cacao 4 DIC 2017 ALIMENTAZIONE
Il dolore del cancro 30 OTT 2017 SALUTE
Se lo studio clinico non c’è, via libera all’estrapolazione 29 SET 2017 VACCINAZIONI
Bye, bye, PD 10 LUG 2017 VACCINAZIONI
Dall’obesità al cancro, come il cibo può curare 23 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Criminali “dalla forza scientifica” 24 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini o tavole della legge? 2 MAG 2017 VACCINAZIONI
Così l’Agenzia europea imbosca i dati sul vaccino anti-papilloma 21 APR 2017 VACCINAZIONI
Le morti da papilloma virus? Nessuno sa quante siano 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Anche le formiche nel loro piccolo… si vaccinano 10 APR 2017 VACCINAZIONI
L’orchestra del morbillo. Qualche numero per (s)montare l'emergenza 20 MAR 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, quando l’allarme sanitario è deciso dai politici 1 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Vi spiego perché i vaccini sono inquinati” 6 FEB 2017 VACCINAZIONI
25 casette ai terremotati e 733 milioni in vaccini 23 GEN 2017 VACCINAZIONI
Il metodo Juncker applicato ai vaccini (1° puntata) 4 GEN 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Gioia Locati







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione