Vaccinazioni

La vaccinazione delle bambine di 11 anni contro il papillomavirus è un grande esperimento di salute pubblica


CATEGORIE: Vaccinazioni , Infanzia

Diane M. Harper, una delle più importanti Ricercatrici che hanno lavorato allo sviluppo del vaccino contro il papillomavirus (HPV) ha dichiarato che la vaccinazione delle bambine di 11 anni è il più grande esperimento di salute pubblica mai compiuto.

L’Harper è direttore del Gynecologic Cancer Prevention Research Group al Norris Cotton Cancer Center presso la Dartmouth Medical School negli Stati Uniti.

Secondo la Ricercatrice non ci sono dati clinici a sufficienza per rendere obbligatoria la vaccinazione contro il papillomavirus per le ragazze di 11-12 anni.

Infatti, gli studi clinici effettuati sono focalizzati su soggetti di età compresa tra 15 e 25 anni.

Il dossier di registrazione presentato dalla società produttrice Merck & Co (già nota per il caso Vioxx) conteneva dati insufficienti riguardo a bambine/ragazze di 9-14 anni, Nonostante questo, l’FDA (Food and Drug Administration) ha approvato il vaccino, ed i CDC (Centers for Disease Control and Prevention) hanno raccomandato la vaccinazione delle bambine di 11 anni in assenza di dati di sicurezza e di efficacia.

L’Harper ritiene che le persone più adatte ad essere vaccinate contro il papillomavirus siano le donne di età superiore ai 18 anni. Al momento della prima inoculazione, queste donne dovrebbero sottoporsi ad un test per verificare la presenza del virus HPV. Nel caso di test negativo la donna dovrebbe essere sottoposta al programma vaccinale di 3 iniezioni nell’arco di 6 mesi. Qualora il test risultasse positivo il vaccino non dovrebbe essere somministrato perché probabilmente inefficace.

Vaccinare le bambine di 11 anni presuppone che nell’arco di 10 anni potrebbe essere necessario un richiamo, e qualora questa ulteriore somministrazione non dovesse essere fatta la persona vaccinata potrebbe non risultare protetta nei confronti dei sierotipi oncogenici per i quali il vaccino è stato disegnato.

Merck & Co, ha commentato l’Harper, è a conoscenza di questo; rendere obbligatorio il vaccino per le bambine di 11 anni significa fare solo gli interessi di Merck & Co e non della popolazione.

Sia il vaccino Gardasil (disegnato contro 4 sierotipi di HPV: 6,11,16,18) che il vaccino Cervarix (disegnato contro i sierotipi 16 e 18 di HPV) di GlaxoSmithKline, non proteggono contro tutti e 15 i tipi di HPV che causano il cancro, ma sono efficaci solo contro due (16 e 18) che sono alla base del 70% dei tumori della cervice.

Il vaccino contro il papillomavirus può causare in alcuni soggetti disordini immunitari, tra cui la sindrome di Guillain-Barre, una radicolo-polinevrite che si manifesta con paralisi progressiva agli arti. I casi sono pochi, ma più del previsto.

Diane M Harper ha ammesso di aver incontrato difficoltà nel rendere pubbliche le proprie osservazioni; le maggiori televisioni ed i più importanti giornali si sono rifiutati di riportare il suo pensiero.



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Vaccinare contro il Papillomavirus?  Roberto Gava Eugenio Serravalle  Salus Infirmorum

Vaccinare contro il Papillomavirus?

Quello che dobbiamo sapere prima di decidere

Roberto Gava, Eugenio Serravalle

Ci sono fortissime pressioni commerciali da parte delle Ditte produttrici, sia a livello politico che dei mass media, per promuovere campagne di vaccinazione di massa contro il Papillomavirus, ma a livello scientifico ci sono grandi perplessità, dubbi e preoccupazioni sul reale rapporto rischio/beneficio di questo vaccino. -… Continua »
Pagine: 240, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
13,50 € 15,00 € (-10%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Xagena

Papillomavirus: possibile associazione tra vaccinazione con Gardasil e sindrome di Guillain-Barre 4 SET 2009 VACCINAZIONI
Vaccinazione contro HIV: scoperto meccanismo mediante il quale il vaccino favorisce l’infezione da virus HIV 6 MAR 2009 VACCINAZIONI
Vaccinazione anti-papillomavirus: stato epilettico con mioclono per due ragazze vaccinate con Gardasil 23 FEB 2009 VACCINAZIONI
Il TGA ha avviato un’indagine per appurare l’esistenza di una relazione tra vaccino anti-papillomavirus Gardasil e pancreatite 7 GEN 2009 VACCINAZIONI
Anafilassi: più alta incidenza con il vaccino contro il papillomavirus che con il vaccino contro il menigococco C 5 NOV 2008 VACCINAZIONI
Vaccinazione contro il papillomavirus umano: Merck & Co ha adottato un marketing aggressivo per indurre le donne a vaccinarsi 21 OTT 2008 VACCINAZIONI
Malattie autoimmuni dopo somministrazione del vaccino contro il papillomavirus 15 OTT 2008 VACCINAZIONI
Papillomavirus: il vaccino quadrivalente Gardasil è associato ad eventi avversi 23 SET 2008 VACCINAZIONI
Papillomavirus: reazioni anafilattiche dopo somministrazione del vaccino Gardasil 13 SET 2008 VACCINAZIONI
Papillomavirus: il marketing aggressivo di Merck & Co 13 SET 2008 VACCINAZIONI
Più alta incidenza di anafilassi con il vaccino contro il papillomavirus rispetto al vaccino contro il menigococco C 13 SET 2008 VACCINAZIONI
Due ragazze europee morte dopo essere state vaccinate con Gardasil, un vaccino tetravalente contro il papillomavirus 18 APR 2008 VACCINAZIONI
Un caso accertato di autismo correlato alle vaccinazioni per l'infanzia 18 APR 2008 VACCINAZIONI
Vaccinazione anti-papillomavirus: 2 morti sospette dopo somministrazione del vaccino Gardasil 25 GEN 2008 VACCINAZIONI
Vaccinazione anti-HPV - Il caso Gardasil: necessità o interesse? 15 OTT 2007 VACCINAZIONI
Un vaccino sperimentale anti-HIV ha aumentato il rischio di infezione 10 GEN 2007 VACCINAZIONI
Dubbi sui benefici della vaccinazione antinfluenzale negli anziani 10 GEN 2007 VACCINAZIONI
Canada: critiche alla vaccinazione di massa contro il papillomavirus umano 10 GEN 2007 VACCINAZIONI






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione