Denuncia sanitaria

L'uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

mano antibiotici

Un uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson a distanza di 10-15 anni. È quanto emerge da uno studio dei ricercatori dell'ospedale universitario di Helsinki che hanno messo nel mirino gli antibiotici presi per bocca, in particolare quelli ad ampio spettro e quelli contro batteri e funghi anaerobici. All'origine di questa relazione vi sarebbero gli effetti dirompenti di questi medicinali sull'ecosistema microbico intestinale.

 

Pubblicato sulla rivista scientifica Movement Disorder, lo studio ha confrontato l'esposizione agli antibiotici, nel periodo che va dal 1998 al 2014, in 13.976 pazienti con la malattia di Parkinson e l'ha confrontata con 40.697 persone non affette dal morbo ma corrispondenti per età, sesso e luogo di residenza. L'esposizione agli antibiotici è stata analizzata in tre diversi periodi di tempo: tra 1 e 5 anni, tra 5 e 10 e infine tra 10 e 15 anni, anche considerando i dati di acquisto degli antibiotici da consumare per via orale.

 

L'esposizione è stata esaminata inoltre classificando gli antibiotici in base alla loro struttura chimica, allo spettro antimicrobico e al meccanismo d'azione. Nell'intestino dei partecipanti ai test sono stati osservati cambiamenti patologici tipici della malattia di Parkinson, fino a 20 anni prima della diagnosi. Costipazione, sindrome dell'intestino irritabile e uno stato infiammatorio intestinale sono stati sintomi riscontrati e quindi correlati ad un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson. Questo perchè l'esposizione agli antibiotici provoca cambiamenti nel microbioma intestinale.

 

"Il legame tra l'esposizione agli antibiotici e il morbo di Parkinson si adatta alla visione attuale secondo cui in una proporzione significativa di pazienti sviluppa la patologia del Parkinson con origine nell'intestino. Questa è possibilmente correlata a cambiamenti microbici, anche alcuni anni prima dell'inizio dei tipici sintomi motori del Parkinson che implicano, ad esempio, lentezza nei movimenti, rigidità muscolare e tremore delle estremità”, ha spiegato il neurologo Filip Scheperjans.


In particolare, come aggiunge l’esperto, era già noto che la composizione batterica dell'intestino nei pazienti con Parkinson fosse anormale, ma la causa non è mai stata chiarita. “I nostri risultati suggeriscono che alcuni antibiotici comunemente usati, che sono noti per influenzare fortemente il microbiota intestinale, potrebbero essere un fattore predisponente", ha poi aggiunto Scheperjans.


1. University of Helsinki. "Increased use of antibiotics may predispose to Parkinson's disease." ScienceDaily. ScienceDaily, 22 November 2019.

 








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

I cellulari sono come droga per i giovanissimi 2 DIC 2019 DENUNCIA SANITARIA
I medici che ricevono regali dalle aziende farmaceutiche prescrivono di più e meno bene 27 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Brasile sospende l’autorizzazione per 63 pesticidi tossici 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieci consigli per una spesa amica del clima e del pianeta 22 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
I farmaci in Italia hanno prezzi più alti del 90% rispetto alla media 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Italia è la prima in Europa per morti da antibiotico-resistenza 20 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo zafferano frena una grave malattia degenerativa della vista 18 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Insufficienza renale acuta in gravidanza: aumentano i ricoveri 18 NOV 2019 SALUTE
Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fame, obesità e diete improprie: la malnutrizione affligge i bambini 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I dieci cibi più pericolosi venduti in Italia 14 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I PFAS interferiscono con la vitamina D e causano l'osteoporosi 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
“Farmaco antipsicotico fa crescere il seno agli uomini”: condanna record per Johnson & Johnson 9 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bambini e sport: sfatiamo i falsi miti! 7 OTT 2019 INFANZIA
Gli adolescenti italiani tra poco sport, troppo alcol e social media 4 OTT 2019 SALUTE
Dieta mediterranea: il rimedio vincente per la cura del fegato grasso 25 SET 2019 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione