Omeopatia

Troppa ideologia in chi contesta l’Omeopatia

Fonte: quotidianosanità.it


CATEGORIE: Omeopatia

omeopatia

Gentile direttore,

mi sorprende che un medico – nello specifico il dottor Sarti nella lettera pubblicata recentemente da QS - possa dire che “non è mai stato provato il principio fondamentale dell’omeopatia, che il simile cura il simile”, quando la similitudine è un principio riconosciuto nella medicina da molto tempo e sono diverse le terapie che lo applicano.

 

Tra queste, la terapia desensibilizzante o immunoterapia specifica (ITS) per le allergie, ma anche l'uso di endotossine batteriche come immunostimolante o di immunoglobuline nel trattamento di disordini immunitari (1-4). Anche il noto fenomeno della “ormesi” rappresenta un chiaro esempio di come una sostanza tossica o velenosa in alte dosi, o sostanze analoghe, possano produrre un effetto terapeutico allorché somministrate in basse o bassissime dosi (5).

 

Ecco, a mio parere troppo spesso chi contesta l’omeopatia lo fa partendo da una posizione ideologica così accanita e pregiudiziale che finisce per formulare affermazioni errate, come in questo caso.

 

Pur nel dissenso totale dei contenuti, del dottor Sarti ho apprezzato il tono non astioso. Cercherò quindi non tanto di esprimere opinioni diverse, ma di portare fatti oggettivi - unici punti di partenza del metodo scientifico - sui quali sento il bisogno di fare chiarezza.

 

1. Il primo fatto oggettivo è che – al contrario di quanto continuano ad affermare gli oppositori dell’omeopatia – la letteratura scientifica sull’argomento, seppur lontana dall’essere esaustiva e ne siamo consapevoli, è ampia. Per rendersene conto basta consultare banche dati biomedicali quali PubMed e leggere i lavori scientifici pubblicati su riviste peer review, con Impact Factor. Tra questi, meta-analisi, studi osservazionali, clinici e preclinici, per citarne alcuni. E’ peraltro online da alcuni mesi anche un database nel quale sono raccolti gli studi pubblicati sul tema negli ultimi 70 anni.

 

La mia impressione è che, spesso, chi dice che non esistono ricerche di qualità sull’omeopatia non le abbia mai cercate e tantomeno studiate. Un atteggiamento in completa antitesi a ciò che dovrebbe essere il pensiero scientifico, che spinge a studiare e sperimentare ciò che non si comprende fino in fondo.

 

2. Il secondo fatto oggettivo è relativo al processo di registrazione dei farmaci omeopatici. È fuorviante dire che “nessuna azienda omeopatica ha fatto richiesta di inserire i propri prodotti nel percorso autorizzativo per i farmaci con indicazione terapeutica”.  Se le aziende non lo hanno fatto, è perché mancano le linee guida per la registrazione non semplificata con indicazioni terapeutiche, possibile solo attraverso l’articolo 18 del D.Lgs. 219/2006, che afferma: “Per tali prodotti (ndr.: i farmaci omeopatici) possono essere previste, con decreto del Ministro della Salute, su proposta dell’AIFA, norme specifiche relative alle prove precliniche e alle sperimentazioni cliniche, in coerenza con i principi e le caratteristiche della medicina omeopatica praticata in Italia”. E’ in corso da alcuni anni un confronto con il Ministero della Salute perché si arrivi all’emanazione di queste linee guida, presenti in quasi tutti gli altri Paesi che hanno recepito in modo completo la Direttiva europea.

 

3. Il terzo fatto oggettivo è strettamente connesso al punto precedente. E’ vero che le indicazioni terapeutiche non si possono comunicare ai pazienti, ma è falso affermare che non esistono, tanto che proprio per legge esse vengono consegnate ai medici e ai farmacisti (art. 120, D.Lgs 219/2006), previa notifica all’Agenzia del Farmaco, esattamente come avviene per tutti gli altri farmaci.

 

4. Un ultimo fatto oggettivo che mi preme sottolineare è questo: un uso consapevole dei medicinali omeopatici può avere un impatto positivo sulla salute pubblica e sui suoi costi. Se è vero, come afferma il dottor Sarti, che viviamo in un sistema eccessivamente medicalizzato, in cui si cerca di risolvere con i farmaci qualsiasi problema, la soluzione non è certamente disincentivare l’assunzione dei medicinali omeopatici. Al contrario, senza la presenza dei medicinali omeopatici il rischio è che si possa ulteriormente incrementare il consumo di antibiotici, antinfiammatori, analgesici e benzodiazepine, tutti farmaci indiscutibilmente preziosi, ma non sempre usati in modo pertinente (6-8) come dimostra anche l’ultimo Rapporto Eurispes 2019 (9), in cui per esempio emerge che quasi 4 italiani su 10 ammettono di assumere gli antibiotici senza prescrizione medica.

 

Peraltro, i risultati del programma di ricerca EPI3 (10-20), il più importante studio farmaco-epidemiologico realizzato nel campo della medicina generale in Francia, indicano che, per tutte le condizioni cliniche prese in esame, un paziente seguito da un medico che prescrive medicinali omeopatici ha un decorso clinico simile a quello di un paziente seguito da un medico che non lo fa, senza perdita di opportunità terapeutica e con un minor consumo di farmaci che possono provocare effetti indesiderati.

 

Se poi pensiamo all’allarme lanciato dall’OMS sull’antibiotico resistenza e alla previsione di circa 10 milioni di decessi ogni anno a causa di microrganismi multiresistenti a partire dal 2050 (21), mi chiedo come sia possibile non prendere in considerazione un’opportunità terapeutica come l’omeopatia nel ridurre l’uso eccessivo di antibiotici, laddove opportuno. Fra l’altro, in esperienze-pilota in Italia e da tempo in altri Paesi Europei questa strategia è attuata con successo in medicina veterinaria.

 

In chiusura una mia personale considerazione: credo che la medicina sia una sola e che tutti gli operatori, aziende, ricercatori, medici, farmacisti, stiano lavorando per la salute e il benessere delle persone. Se ci si riconoscesse gli uni agli altri questo intento comune, faremmo un grande passo in avanti, aprendo un dialogo e un confronto quanto mai necessari oggi.

 

 

Bibliografia:

1. Miller A, Hafler DA, Weiner HL. Immunotherapy in autoimmune diseases. Curr Opin Immunol 1991; 3: 936-940.

2. MacDonald TT. Eating your way towards immunosuppression. Curr Biol 1994; 4: 178-181.

3. Weiner HL, Friedman H, Miller A, et al. Oral tolerance: immunologic mechanisms and treatment of animal and human organ-specific autoimmune diseases by oral administration of autoantigens. Annu Rev Immunol 1994; 12: 809-837.

4. Scadding GK, Brostoff J. Low dose sublingual therapy in patients with allergic rhinitis due to house dust mite. Clin Allergy 1986; 16: 483-491.

5. Calabrese EJ. Hormesis: Path and Progression to Significance. Int J Mol Sci. 2018 Sep 21;19(10). pii: E2871. doi:10.3390/ijms1910287

6. Resistenza agli antibiotici: Giornata europea e settimana mondiale degli antibiotici 2018. Available from:

7. JAMA Psychiatry: uso di benzodiazepine nella popolazione anziana negli USA

8. Fick DM, Cooper JW, Wade WE, Waller JL, Maclean JR, Beers MH. Updating the Beers criteria for potentially inappropriate medication use in older adults: results of a US consensus panel of experts. Arch Intern Med. 2003 Dec 8-22;163(22):2716-24.

9. Rapporto Eurispes 2019

10. Rossignol M, Begaud B, Avouac B, Lert F, Rouillon F et al. Who seeks primary care for musculoskeletal disorders (MSDs) with physicians prescribing homeopathy and other complementary medicine? Results form the EPI3-LASER survey in France. BMC Musculoskelet Disord. 2011,12: 21.

11. Rossignol M., Begaud B., Avouac B., Lert F., Rouillon F. et al. Benchmarking clinical management of spinal and non-spinal disorders using quality of life: results from the EPI3-LASER survey in primary care. Eur Spine J. 2011; 20(12):2210-6.

12. GRIMALDI-BENSOUDA L., BEGAUD B., LERT F., ROUILLON F., MASSOL J., et al. Benchmarking the burden of 100 diseases: results of a nationwide representative survey within general practices. BMJ Open. 2011;1(2):e000215.

13. GRIMALDI-BENSOUDA L., ENGEL P., MASSOL J., GUILLEMOT D., AVOUAC B. et al. Who seeks primary care for sleep, anxiety and depressive disorders from physicians prescribing homeopathic and other complementary medicine? Results from the EPI3 population survey. BMJ Open. 2012; 2(6).

14. LERT F., GRIMALDI-BENSOUDA L., ROUILLON F., MASSOL J., GUILLEMOT D. et al. Characteristics of patients consulting their regular primary care physician according to their prescribing preferences for homeopathy and complementary medicine. Homeopathy. 2014;103(1):51-7.

15. ROSSIGNOL M., BEGAUD B., ENGEL P., AVOUAC B., LERT F., et al. Impact of physician preferences for homeopathic or conventional medicines on patients with musculoskeletal disorders: results from the EPI3- MSD cohort. Pharmacoepidemiol Drug Saf. 2012;21(10):1093-101.

16. GRIMALDI-BENSOUDA L., ABENHAIM L., MASSOL J., GUILLEMOT D., AVOUAC B. et al. Utilization of psychotropic drugs by patients consulting for sleeping disorders in homeopathic and conventional primary care settings: the EPI3 cohort study. Homeopathy. 2015; 104(3):170- 5.

17. GRIMALDI-BENSOUDA L., BEGAUD B., ROSSIGNOL M., AVOUAC B., LERT F., et al. Management of upper respiratory tract infections by different medical practices, including homeopathy, and consumption of antibiotics in primary care: the EPI3 cohort study in France 2007-2008. Plos one. 2014; 9(3):e89990.

18. GRIMALDI-BENSOUDA L., ABENHAIM L., MASSOL J., GUILLEMOT D., AVOUAC B. et al. Homeopathic medical practice for anxiety and depression in primary care: the EPI3 cohort study. BMC Complement Altern Med. 2016; 16(1):125.

19. DANNO K., JOUBERT C., DURU G., VETEL J.M. Physician practicing preference for conventional or homeopathic medicines in elderly subjects with musculoskeletal disorders in the EPI3-MSD cohort. Clin Epidemiol. 2014; 6:333-41.

20. Colas A, Danno K, Tabar C, Ehreth, J, Duru G. Economic impact of homeopathic practice in general medicine in France. Health Economics Review; 2015; 5:18.

21. Antimicrobial resistance: from global agenda to national strategic plan, Thailand.

 



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione