Omeopatia

Eventi traumatici e omeopatia: non solo Arnica

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Omeopatia

arnica
La prescrizione di un rimedio deve prendere in considerazione la totalità dei sintomi del paziente

Tra i pazienti che utilizzano rimedi omeopatici è diffusa la tendenza ad assumere Arnica montana per qualsiasi tipo di evento traumatico. Anche gli stessi farmacisti, quando si presenta un paziente che ha subito un trauma, consigliano questo rimedio.

In realtà non dobbiamo mai dimenticare le leggi dell'omeopatia: la prescrizione deve prendere in considerazione la totalità dei sintomi del paziente, valorizzando tutte le modalità che caratterizzano i sintomi stessi.

Quindi risulta veramente limitante utilizzare un solo rimedio in situazioni traumatologiche che spesso si manifestano con modalità e sintomi caratteristici a seconda del paziente e del tipo di trauma.

Arnica montana è indicato quando il dolore conseguente ad un evento traumatico interessa in particolare i tessuti molli (tessuto sottocutaneo) e i muscoli, è accompagnato da uno stravaso di sangue (ecchimosi, edema) ed è aggravato dalla pressione, dall'essere toccati, dai sobbalzi, dal movimento e dall'applicazione di freddo. Quest'ultima modalità deve essere sottolineata perché si pensa comunemente che applicare il ghiaccio dopo un trauma porti sollievo, ma non sempre il paziente trova giovamento dall'applicazione di qualcosa di freddo. Se ciò si verifica, cioè sta meglio con l'applicazione fredda, dimenticate Arnica! Il paziente che necessita di Arnica, inoltre, non vuole essere toccato o avvicinato, perché teme ulteriori traumi e ferite. Il dolore che avverte è un dolore di tipo sordo, come una ammacatura, e deve cambiare posizione frequentemente. Arnica può essere utilizzata anche per atleti con sovraccarichi funzionali che seguono allenamenti o periodi di gare intensi. Arnica non deve mai essere applicata su ferite aperte.

Hypericum perforatum è indicato quando il trauma avviene in parti molto innervate o a livello della colonna vertebrale.

Ledum palustre è utile soprattutto per le distorsioni tibio-tarsiche.

Qualora il trauma coinvolga i tendini o le borse sierose (tendinite, borsiti, distorsioni) può essere indicata Ruta graveolens oppure Rhus toxicodendron.

Symphitum è noto essere un rimedio che agisce sul periostio (la membrana che avvolge le ossa) e nella cura di fratture scomposte, accelera la riparazione di fratture lente a guarire.

Come si può notare non sempre di fronte ad un trauma è corretto assumere Arnica, altri rimedi possono essere più indicati e risolvere la sintomatologia più rapidamente. Il modo migliore per farlo è rivolgersi al vostro medico, che ha la competenza e la conoscenza per scegliere il rimedio più corrispondente al vostro problema.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Maria Rita Gualea

L'omeopatia a servizio dello sport 5 GEN 2011 SALUTE






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione