Omeopatia

Una tonsillite ciclica curata con l'omeopatia

Fonte: Il Medico Omeopata


CATEGORIE: Omeopatia

tonsillite
Una tonsillite ciclica curata con l'omeopatia

Giulia è una ragazzina di circa 12 anni, frequenta la II media, è seria, studiosa, affidabile. Il carattere è socievole, si arrabbia difficilmente, tuttavia si offende facilmente: sensibilissima, è facile ferirla; però è impossibile farle fare ciò che non vuole, cioè è fragile, ma non debole. È una bambina vivace con una sensibilità quasi da adulta. I genitori hanno rispettato la sua naturale indole educandola senza troppa fatica, data la disponibilità della bambina, più con la persuasione e le buone maniere che con la coazione diretta.

Fin da piccola il suo organo bersaglio è stato il sistema respiratorio e in particolare la gola e le tonsille. Se prende freddo il mal di gola è pronto a manifestarsi e diventa spesso tonsillite. Viene sempre curata con pochi farmaci, dato che il suo medico curante è assai attento a seguire la natura e a non dare farmaci inutili, evitando gli antibiotici quando non sono strettamente necessari. Altra caratteristica di Giulia è che le bastano poche linee di febbre per andare “fuori uso”: diviene astenica, sta a letto come fosse moribonda e se si alza sta seduta e ferma, diviene di cattivo umore e niente la invoglia, niente la diverte.

Giunta appunto attorno ai 12 anni e prima del menarca, Giulia inizia ad ammalarsi di tonsillite in modo rigorosamente ciclico: che abbia preso freddo o no, sia d’estate che d’inverno, la ragazza avverte prima un fastidio alla gola, poi le viene la febbre, le tonsille si gonfiano, si arrossano e si coprono di placche, diventando ascessi purulenti, con febbre che supera i 38° e spesso i 39°. A quel punto il medico è costretto a prescrivere l’antibiotico, onde evitare guai maggiori.

Dopo oltre un anno di questo continuo ciclo di tonsilliti, ascessi e conseguenti antibiotici, la ragazzina è depauperata energeticamente e diviene più recettiva anche ad altri disturbi minori. Perciò i genitori vorrebbero uscire da quello ch’essi chiamano – giustamente – “il tunnel dell’antibiotico”. Tuttavia le tonsilliti si ripresentano puntuali come una maledizione di Dio e sempre più virulente. I genitori non sanno più a che santo votarsi. E il santo arriva (quale santo? San Samuele, no?) sotto le vesti di una loro amica che li mette in contatto con me.

Vedo Giulia a fine giornata, un po’ frettolosamente. All’esame obiettivo presenta lingua e gengive gonfie e infiammate, lingua coperta da patina bianca, gonfiore e infiammazione delle tonsille, con adenopatie satelliti gonfie e dolenti, nonché alito cattivo.

Alla luce della sintomatologia e della personalità della giovane paziente, prescrivo Mercurius solubilis 6 LM 3 gocce tutti i giorni per una settimana, poi 3 gocce a giorni alterni per un mese. Giulia inizia la terapia, ma nel primo mese non sembra avere un grande effetto. Prescrivo quindi Mercurius solubilis 12 LM sempre 3 gocce a giorni alterni e con lenta progressione, le tonsilliti iniziano a farsi meno virulente e la febbre meno forte. Gli antibiotici vengono sospesi, nonostante la perplessità del medico curante, ma senza la sua opposizione.

Non crede nell’omeopatia, ma è di vedute abbastanza aperte da essere curioso di vedere come andrà a finire; tanto – non lo dice, ma certo lo pensa – se l’omeopatia non funziona c’è
sempre lui a rimediare. E invece l’omeopatia, vedi un po’, funziona e la ragazza, pur con le sue tonsilliti cicliche, continua a migliorare. Il rimedio è sempre Mercurius solubilis.

Passa l’inverno e arriva l’estate; la nostra comune amica invita Giulia, che intanto ha compiuto i 13 anni, nella sua villa in Sardegna e Giulia parte, tutta felice. E qui avviene il dramma prima, il miracolo poi. Giulia durante le sei ore di viaggio in nave da Livorno, prende un’infreddatura per l’aria condizionatissima e il giorno dopo ha una febbre da cavallo con un’incipiente tonsillite che promette di svilupparsi nel peggiore dei modi. L’amica mi telefona e mi descrive con esattezza la sintomatologia.

Alla luce di tali sintomi prescrivo Silicea MK dose unica, da assumere in tre volte secondo lo schema mattina – sera - mattina successiva. La cura funziona con una rapidità che supera ogni aspettativa: tre giorni dopo la ragazza si sente bene e, insieme all’amica, passa un’intera giornata di sole e di mare, gioca e fa due bagni, felice di avere evitato quello che per oltre un anno era stato il suo incubo. E qui viene la vera sorpresa. Tornate la sera a casa, contente e
affamate, l’amica preparando la cena, dice a Giulia: “per precauzione, misurati la febbre, caso mai avessi qualche lineetta”.

“Non credo proprio di averla”
risponde Giulia. Se la misura: 39! La ragazza aveva passato un’intera giornata al sole, aveva nuotato e giocato sulla spiaggia senza accusare la solita astenia! Non lo possiamo chiamare il “Miracolo di San Samuele?”.

Il resto della terapia segue il suo corso prevedibile: le tonsilliti si fanno sempre meno forti, la febbre sempre meno alta e dopo un anno Giulia ha solo un debole fastidio alla gola, una volta al mese, che passa da solo o con qualche globulino di Silicea MK.

Oggi Giulia è una giovane adulta e quando serve si cura ovviamente con l’Omeopatia, studia Medicina e indovinate un po’ quale scuola medica conta di seguire?



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
I sintomi guida nelle malattie respiratorie  Eugene Beauharnais Nash   Salus Infirmorum

I sintomi guida nelle malattie respiratorie

Eugene Beauharnais Nash

Anche se è vero che in questo libro vengono citati e quindi consigliati molti rimedi che spesso vengono definiti "sintomatici", perché scelti in base alla sintomatologia locale, si può dire che non c’è una pagina di questo testo in cui Nash non sottolinei l’importanza di una visione globale dell’individuo. Inoltre, è una grande verità che, se non ci limitiamo all’analisi dei sintomi locali,… Continua »
Pagine: 232, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
7,70 € 14,00 € (-45%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Giovanna Giorgetti

Acqua e omeopatia 15 NOV 2012 SALUTE






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione