Salute

Perché non basta dire “chi ha di più paghi di più”

Fonte: La Repubblica


CATEGORIE: Salute

salute soldi

L’idea dei ticket differenziati in base al reddito non è nuova. Tutt’altro. Risale ai tempi di Rosy Bindi, ministra della Sanità del primo governo Prodi, quello del 1996. Ma già allora, come oggi, sorsero dubbi sulla applicabilità della misura economica, perché in un Paese di grande evasione, ed elusione, fiscale è sempre stato complicato agire per fasce di reddito. E infatti la Bindi propose il Sanitometro, che però rimase sulla carta.

 

Il neo ministro Speranza adesso riformula la proposta, mettendo come paletto per l’esenzione quello attuale, a 36 mila euro di reddito complessivo familiare. Oltre questa soglia si procederà a differenziare. È una base accettabile o sarebbe preferibile una soglia leggermente più alta? Difficile rispondere, però è ovvio che più si sale con la cifra da esentare, più diminuisce la platea dei cittadini che pagheranno il ticket. Intanto sappiamo che nel territorio italiano esistono grandi differenze di incasso dei ticket per esami e visite. Gli abitanti del Sud pagano molto di meno: ad esempio i siciliani spendono in media 8,7 euro, e i veneti 36,2. Il divario è abissale (come anche quello economico). A dirlo è l’Agenzia nazionale delle Regioni (Agenas) secondo cui in Toscana, Veneto, Friuli, Trento e Bolzano, si spendono in media 36 euro a testa, mentre c’è chi non arriva neppure ai 10 euro, come la Campania e appunto la Sicilia, o li sorpassa di poco, tipo Puglia e Calabria. Le altre Regioni stanno sotto i 23 euro di spesa media.

 

Comunque il principio “chi ha di più paghi di più” è giusto e condivisibile da ogni “latitudine” politica. Però i princìpi vanno applicati in modo saggio ed equilibrato. Vediamo perché.

 

1) Il furto al Fisco in Italia, che poi viene “coperto” dai cittadini che pagano le tasse, è enorme. Siamo nell’ordine di centinaia di miliardi non incassati dallo Stato negli ultimi anni. E parliamo non solo di grandi evasori, ma di quell’esercito di artigiani, di meccanici, di elettricisti, di architetti, di ingegneri, di falegnami e tanti altri, che elude le tasse. Se dicessi che sono tutti evasori sbaglierei. Ma sono tanti, troppi, e appartengono in particolare a quelle categorie che conoscono vagamente le ricevute fiscali.

 

In teoria larga parte di queste persone dovrebbe pagare il ticket, se si comportasse onestamente. In realtà figurano al di sotto della attuale cifra prevista per ottenere l’esenzione. È sempre l’Agenas a dire poi che nel Sud sono presenti numeri elevati di “false esenzioni” (per patologia, invalidità o reddito-età e riguardano chi ha meno di 6 o più di 65 anni e un reddito familiare sotto i 36mila euro). Secondo l’Agenzia nel Sud l’80 per cento degli italiani che usa la sanità pubblica presenta un certificato di esenzione. Per cui, se non si agirà sull’evasione, il ticket sanitario ricadrà soltanto sulle spalle degli onesti.

 

2) Oggi per quanto riguarda i ticket, in Italia è una giungla, perché varia da Regione a Regione. In qualcuna c’è ancora il super ticket generalizzato, in altre si applica la compartecipazione in base al reddito. Unificare il sistema in base ai Livelli essenziali di assistenza sull’intero Paese è dunque necessario. Purché il metodo scelto funzioni.

 

3) Negli ultimi tempi la Sanità privata si è molto sviluppata. In particolare a livello ambulatoriale ha dimostrato di essere molto competitiva. Sui costi e sulla tempistica dei servizi offerti. Se il SSN non vuole perdere questa “partita” (perché sull’assistenza ospedaliera non c’è confronto: è meglio e più sicuro il servizio pubblico), deve essere in grado di competere. Per essere più chiaro: se devo pagare il ticket per una qualsiasi prestazione sanitaria “in giornata”, preferisco farlo nel privato, perché mi garantisce tempi di minima attesa, pagando magari solo qualche euro in più. Se invece sono esente, e posso aspettare, allora scelgo il servizio pubblico. Perché il nodo principale è sempre il solito: i tempi di attesa del SSN. I ticket sono un aspetto relativo rispetto alla propria Salute: si è sempre disposti a fare sacrifici per difenderla. Mentre è fondamentale, nella malattia, il tempo: quello che serve per prevenirla, per diagnosticarla, per curarla. Quando manca uno di questi 3 “fattori tempo”, la malattia prevale.

 

4) Ma la coperta è comunque corta. Perché per abbattere i tempi di attesa, servono una migliore organizzazione del lavoro, le strutture, e più personale. Senza l’assunzione di medici e infermieri, l’intervento sui ticket rimane parziale, con un minimo effetto sui conti, e senza possibilità di incidere sulla qualità della Sanità.

 

Non sono un catastrofista, e non vedo, in questo intervento, dei rischi ulteriori per il nostro welfare, ormai in crisi da parecchi anni. Però se il neo ministro Speranza ha intenzione di riformare il SSN deve sapere che non basta un intervento palliativo, non basta dire “chi ha di più paghi di più”, se non si migliora il funzionamento dell’intero sistema sanitario.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

Le clientele nella Sanità si fermano con il merito 17 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Ma non è da paese civile lo stigma ai non vaccinati 13 MAR 2019 VACCINAZIONI
Ma l’obbligo vaccinale non può essere un dogma 8 MAR 2019 VACCINAZIONI
Lunghe attese? Più soldi più personale più strutture 5 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
La corruzione è un cancro che uccide la nostra salute 26 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Sugar Tax sulle bibite? È solo un altro balzello 21 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Tra redditi, pensioni, tasse la Sanità resta Cenerentola 21 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Torna la guerra sui vaccini ma ora è anche nel M5S 6 AGO 2018 VACCINAZIONI
Il Paese dei Gattopardi e l'Istituto di Sanità 8 GIU 2018 OMEOPATIA
La 180 ci ha insegnato a rispettare la diversità 16 MAG 2018 SALUTE
La crociata anti-omeopati tra faziosità e pregiudizi 9 MAG 2018 OMEOPATIA
Le Cassandre della Sanità avevano previsto tutto 23 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
La violenza contro i medici non migliora la Sanità 18 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
I medici non si vaccinano e sono contro l’obbligo 23 MAR 2018 VACCINAZIONI
Cacciare i bimbi dall’asilo è un atto solo punitivo 9 MAR 2018 VACCINAZIONI
Dai dottori ai giornalisti la medicina a senso unico 7 MAR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quando la piazza rivendica la 'libertà vaccinale' 26 FEB 2018 VACCINAZIONI
Ai malati serve coraggio ma prima l’accesso alle cure 14 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ecco come il Pd ha votato la mozione M5S sui vaccini 5 FEB 2018 VACCINAZIONI
Nella campagna elettorale non c'è tempo per la salute 2 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lorenzin pensava ai vaccini mentre la Sanità affondava 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Sui vaccini sarà possibile andare oltre l'obbligo? 18 DIC 2017 VACCINAZIONI
Superticket, il tassello di un sistema in crisi 4 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Verso i vaccini obbligatori in tutti i paesi europei? 29 NOV 2017 VACCINAZIONI
Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione