Omeopatia - Casi Clinici

Terapia omeopatica di una paziente scettica

Fonte: Il Medico Omeopata



omeopatia

Donna di 54 anni, casalinga, vive ad Atene. Viene visitata il 25/08/2011. Riferisce tosse, bruciore a livello della gola e retrosternale, iniziati circa 2 settimane prima, dopo aver preso freddo la sera in montagna. Dall’anamnesi patologica risulta che ha avuto vari episodi di bronchite ed un episodio di broncopolmonite 15 anni fa. La paziente dice: “Di notte la tosse aumenta. Mi sveglio più volte con crisi di tosse e sensazione di soffocamento. Perciò mi alzo dal letto e vado al bagno perché a volte tossisco fino a vomitare. Nonostante la tosse, non riesco ad espettorare il muco che sento nella gola e nella parte alta del torace. Ho notato che il catarro è trasparente con delle macchie rossastre”.

 

All’esame obbiettivo del torace non viene rilevato nessun reperto auscultatorio alterato. La paziente riferisce che il suo umore, malgrado la malattia, è buono. Presenta anche lieve scolo nasale con sapore amaro in bocca e assenza di sete con appetito normale. Ho considerato i seguenti sintomi utilizzando il Repertorio Synthesis 9.2. Tenendo conto del carattere introverso, permaloso e irritabile prescrivo IPECA 30CH.

 

Il 27-08-2011 visito di nuovo la paziente, che mi riferisce che la notte ha dormito meglio, con un paio di risvegli notturni a causa della tosse e con un episodio di vomito. Il suo umore è migliorato, nonché la tosse. Ora sente il torace libero, ma sente il catarro attaccato alla gola, anche se non le brucia più. Si sente soffocare quando tossisce. Consiglio alla paziente di continuare la terapia per alcuni giorni ancora. Il 10-09-2011 sento la paziente telefonicamente e mi dice che la tosse è quasi scomparsa, ma ha muco attaccato in gola. Con la deglutizione di cibo a volte sente strozzarsi. Prescrivo IPECA 200CH.

 

Sento telefonicamente la paziente il 28-09-2011. È irritabile, collerica nei miei confronti quando le chiedo circa la sua salute. Con tono aggressivo mi risponde che questi granuli non le hanno fatto niente finora e che lei ha ancora questo catarro di colore giallastro che non se ne va, anche se la tosse è scomparsa. È rilevante durante la conversazione la sua rabbia e la sua contrarietà verso la cura omeopatica, ma anche uno stato di malessere generale. Per la repertorizzazione prendo i seguenti sintomi: La prescrizione scelta è HEPAR SULPHUR 30CH.

 

Risento la paziente una settimana più tardi e mi riferisce che sta meglio di umore e che le è rimasto un leggero fastidio in gola con poco catarro giallastro. Le consiglio di assumere HEPAR SULPHUR 200K, che la porta a guarigione.

 

Il ritardo della guarigione è dovuto in parte a impedimenti di tipo pratico, visto che la paziente abita in un’altra città, in parte alla sua opposizione a fornire sintomi ed elementi significativi ed in parte alla sua diffidenza rispetto alla validità stessa della medicina omeopatica. Un’altra considerazione che si può fare riguardo alla resistenza alla guarigione è l’uso nel passato di terapia antibiotica da parte della paziente; per questo è stata utilizzata la dinamizzazione 200K dello stesso rimedio dopo aver somministrato la 30CH, che non è risultata sufficiente per la completa guarigione. Il dato oggettivo interessante è stato il giovamento apportato dalla giusta scelta del rimedio omeopatico, malgrado la riluttanza e la diffidenza dimostrati dalla paziente. Nello stesso periodo di tempo sono stati risolti quadri clinici simili di tosse, altrettanto resistenti, sempre attraverso l’utilizzo di IPECA.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Charalampos Katsoulas

Due casi clinici trattati con Arnica montana in Omeopatia 25 NOV 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione