Infanzia

13/10/2010

Uno schermo come baby-sitter, a rischio il benessere dei bambini

di Alessandra Profilio


CATEGORIE: Infanzia

televisione
Limitare il tempo che i ragazzi passano davanti alla tv o al computer è importante per garantire la loro salute futura

Poca concentrazione e difficoltà di comunicazione con gli altri. Uno studio inglese lancia l’allarme sulle conseguenze psicologiche di una prolungata esposizione dei bambini (più di due ore al giorno) agli schermi televisivi ed ai monitor dei pc. 
La ricerca condotta dagli studiosi dell’Università di Bristol, che sarà pubblicata sulla rivista Pediatrics, ha coinvolto oltre 1000 bambini di età compresa tra 10 e 11 anni ai quali sono stati sottoposti una serie di questionari per misurare il loro benessere psicologico.

Come spiega Angie Page, che ha guidato la ricerca, “limitare il tempo che i ragazzi passano davanti alla tv o al computer  è importante per garantire la loro salute futura. Molti credono che se un bambino fa sport può passare diverse ore davanti allo schermo senza problemi, ma non è così. Anche in questo caso se sta due ore al giorno davanti al monitor ha il 50 per cento in più di possibilità di avere problemi psicologici”.
Spesso lo schermo viene utilizzato come una baby-sitter, senza considerare che la tele-dipendenza conduce i bambini all’isolamento e ad una scarsa predisposizione a relazionarsi con gli altri.

E questi sono i rischi in cui incorrono i bambini italiani, stando all’indagine “Okkio alla Salute”, promossa dal ministero e dall'Istituto superiore di sanità, che ha osservato lo stile di vita e i comportamenti di oltre 42.000 scolari di terza elementare.

I bambini italiani guardano troppa televisione, mangiano male e non praticano sport: questi i dati emersi dallo studio.

In particolare, la ricerca ha rivelato che il 23% dei piccoli osservati è in sovrappeso e l'11% è obeso. Tra i comportamenti 'non salutari' l’abitudine di saltare la colazione (9% dei bambini) o di non farla adeguatamente (30%). Inoltre un bambino su 4 non mangia quotidianamente frutta e verdura, mentre circa il 50% beve bevande zuccherate o gassate durante la giornata.
Un bambino su 5 pratica sport per non più di un’ora a settimana, mentre 1 su 2 ha la televisione in camera.

Un ritratto, insomma, tutt’altro che rassicurante.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o o o o x  | Votazioni (1)

Articoli di Alessandra Profilio

Non solo glifosato: nuova condanna a Bayer e Basf per il pesticida Dicamba 19 FEB 2020 DENUNCIA SANITARIA
Sangue dal naso: perché avviene e quando preoccuparsi 17 GEN 2020 SALUTE
Pesticidi e rischi per la salute umana 13 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
La dieta del diabetico: cosa mangiare e i cibi da evitare 20 DIC 2019 ALIMENTAZIONE
Colesterolo alto: i soggetti più a rischio di infarto e ictus 4 DIC 2019 MEDICINA PREVENTIVA
L'utilizzo dell'agopuntura nelle donne con tumore 2 DIC 2019 SALUTE
“La Medicina che vorrei? Personalizzata, integrata e umanizzata”. Intervista al dott. Roberto Gava 29 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
“Noi donne trattate come cavie”: Johnson&Johnson perde class action in Australia 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Antibiotici: in Italia il 70% finisce negli allevamenti di animali 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Nasce in Italia un centro che studia i cibi con maggior impatto su longevità e salute 20 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
Italia prima in Europa per morti premature da polveri sottili 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Mangiate tanto la sera? È un rischio per il cuore 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
Mandarino: un frutto invernale dalle mille proprietà 11 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
Obesi, schiena curva, occhi rossi: ecco il ritratto dei lavoratori del futuro 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
I cambiamenti climatici minacciano anche la fertilità maschile 28 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
A Treviso il primo ristorante per diabetici d'Italia 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Singapore vieta le pubblicità di bevande zuccherate 14 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Il latte materno contiene un potente antibiotico naturale 11 OTT 2019 SALUTE
Il Consiglio d'Europa si impegna contro la violenza ostetrica e ginecologica 9 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Così i cambiamenti climatici peggiorano la salute nel mondo 7 OTT 2019 SALUTE
Si apre il processo sul caso Mediator, il farmaco accusato della morte di 2000 persone 2 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Franco Berrino: “Vivere e morire senza malattie è possibile” 30 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Polmone da svapo: negli USA le sigarette elettroniche stanno provocando un'epidemia 23 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Una dieta con pochi grassi combatte il cancro al seno 6 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
#BastaTacere: dai social alla proposta di legge contro la violenza in sala parto 9 MAG 2016 DENUNCIA SANITARIA
Cosa succede se una coppia affronta un rapporto sessuale nelle stesse condizioni in cui una donna affronta il travaglio? 11 DIC 2015 DENUNCIA SANITARIA
Farmaco passa da 13 a 750 dollari. Hillary Clinton contro Big Pharma 23 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
Ebola spaventa il mondo. Cosa sapere dell'epidemia? 15 OTT 2014 SALUTE
Irlanda: bimbi usati come cavie per i vaccini 18 GIU 2014 DENUNCIA SANITARIA
Traffico di virus per il business delle epidemie 7 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessandra Profilio


Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione