Omeopatia per Animali

Il caso di Sultan: un bullo spaventato

Fonte: Il Granulo



sultan
Sultan è, per parte di padre, un puro sangue irlandese, la madre è un cavallo italiano da sella molto equilibrato: ha sicuramente del sangue effervescente

Sultan è un cavallo da sella italiano di otto anni, ma è ancora un bambinone, anzi un bambinone bullo. A chi non lo conosce, potrebbe anche far paura: ti si lancia contro e poi scarta all’ultimo momento; ogni tanto s’impenna, ma senza un motivo ben preciso, è solo un’esibizione. Viene spontaneo chiedersi se abbia bisogno di attenzione o sia semplicemente un po’ originale.

Da sempre vive con la madre che è la sua unica compagna di vita cospecifica; con lei è molto affettuoso, ancora dipendente come se la sua presenza gli desse sicurezza, la cerca di continuo con lo sguardo e se non la vede diventa matto e scavalcherebbe anche una staccionata di due metri pur di raggiungerla.

Sultan è, per parte di padre, un puro sangue irlandese, la madre è un cavallo italiano da sella molto equilibrato: ha sicuramente del sangue effervescente.

Ama saltare e galoppare: corre sempre, si spaventa al minimo rumore che gli provoca evidente ansia; anche il minimo movimento lo turba, basta che si alzi un fagiano al limitare della recinzione e perde il controllo, perfino il rumore delle covate dei fagiani lo altera. Vive in un ampio spazio dove può sfogarsi come vuole ed è ricoverato solo di notte.

Risente anche della presenza di sconosciuti e richiede del tempo per abituarsi al nuovo e tranquillizzarsi.
Ci riferiscono che, appena nato, ha subito un grave trauma: è stato aggredito e buttato nella mangiatoia da un altro cavallo. Il proprietario l’ha salvato mentre l’altro gli stava per saltare addosso; davvero vive nella paura di un’aggressione.

Presenta gonfiore del garretto sinistro, edematoso e freddo e gonfiore del garretto destro nonostante sia stato sottoposto a infiltrazioni. La zoppia è sempre a carico dell’arto posteriore destro, porta il ginocchio destro tutto verso l’esterno.
Quando è montato a destra, parte sempre con il piede sbagliato. Ha scarsa sudorazione e il pelo gli cresce lungo d’inverno.
In base a tutte queste caratteristiche comportamentali e fisiche abbiamo impostato la terapia omeopatica. Subito dopo l’inizio della terapia, il cavallo è stato più equilibrato e tranquillo.

E’ notevolmente più distaccato dalla madre e, addirittura, prende iniziative proprie come entrare per primo nel box o stare nel prato da solo: di sicuro prima di essere sottoposto alla cura omeopatica non si era mai comportato cosi autonomamente. Anche il problema al garretto si è risolto. Dopo cinque mesi dall’inizio della terapia è sempre più tranquillo nella gestione quotidiana e nei rapporti sia con la madre sia con i proprietari.

La proprietaria può finalmente montarlo senza problemi ed è rimasta piacevolmente sorpresa perché, in occasione di una caduta, Sultan si è mantenuto molto tranquillo e ha attentamente evitato di urtarla.

In sintesi: un caso di disturbo comportamentale da spavento alla nascita che ha condizionato tutta la vita dell’animale cui, più tardi, si è aggiunta un’infiammazione dei garretti. Nonostante il tempo trascorso dal trauma psichico iniziale – otto anni - l’azione profonda del rimedio ha sortito il suo effetto innescando un processo di maturazione e conseguente indipendenza che finora era rimasto bloccato dalla paura insorta a causa della precocissima esperienza negativa e ha determinato anche la scomparsa del problema fisico ai garretti.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione