Denuncia sanitaria

Killer silenziosi: stufe a legno sotto accusa



stufa legna
"Le particelle che provengono dal fumo della legna possono causare malattie cardiache o polmonari letali"

Le stufe a legna producono particelle invisibili che possono provocare l'insorgenza del cancro e di alcune malattie cardiache. Respirare tali sostanze avrebbe infatti lo stesso effetto che inalare gli scarichi delle automobili e delle centrali elettriche. Il rischio, poi, aumenta nel caso in cui la manutenzione non è fatta bene, i filtri non sono controllati e gli ambienti non sono ideali.

A lanciare l'allarme circa la pericolosità delle stufe a legna è uno studio  studio dell'Università di Copenhagen, pubblicato sulla rivista Chemical Research in Toxicology.

I ricercatori sostengono che il particolato prodotto da questo tipo di stufe può rappresentare 'un killer silenzioso' perché è talmente sottile che se inalato può raggiungere le parti più profonde dei polmoni. Altri studi condotti in precedenza hanno collegato il particolato dei fumi del traffico e delle centrali elettriche a carbone a malattie cardiache, all'asma, alla bronchite, al cancro e ad altri problemi di salute.
Gli scienziati avrebbero ora dimostrato che il fumo della legna può essere altrettanto pericoloso per la salute.

Come ha affermato infatti  Steffen Loft, scienziato che ha coordinato lo studio, “le particelle che provengono dal fumo della legna possono certamente causare malattie cardiache o polmonari letali. Le cellule umane esposte alle particelle hanno subito un danno nel Dna e sono mutate significativamente. Questi effetti sono paragonabili a quelli delle particelle emesse dal traffico”.

Il consiglio dei ricercatori a chi possiede stufe a legna è quello di usare soltanto legno secco, tagliato a piccoli pezzi e garantire inoltre un buon flusso d'aria nell'ambiente per ridurre al minimo il particolato.


Nota informativa dell'ANFUS, Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini

Anfus, Associazione Nazionale Fumisti e Spazzacamini, è da tempo in stretto contatto di collaborazione e scambio di informazioni con le Amministrazioni locali,  al fine di proporre e realizzare misure concrete per il contenimento delle emissioni inquinanti e per scongiurare gli incendi causati da errate installazioni realizzate da personale non qualificato e mancanza di manutenzione periodica dei camini.

Regolamentare l’installazione e la gestione dei piccoli impianti a legna comporta importanti vantaggi sia in termini di inquinamento ‘indoor’, cioè all’interno delle abitazioni, sia in termini di emissioni all’esterno. Le statistiche dei VVFF ci dimostrano che si tratta anche di un  problema di sicurezza: i Vigili del Fuoco segnalano come causa principale degli incendi dei tetti proprio la difettosa installazione e la cattiva manutenzione di camini e stufe, con rischi importanti per l’incolumità delle persone e costi notevoli gravanti sia sui proprietari che sulle pubbliche amministrazioni.

Alla produzione di qualità e realizzata nel rispetto delle normative tecniche EU, deve seguire un’attenta installazione ad opera di fumisti specializzati ed abilitati al DM 37/08 lettera c (con le opportune limitazioni) che conoscono e sanno applicare le normative tecniche di riferimento. All’installazione deve seguire una attenta e periodica manutenzione  ad opera del Maestro Spazzacamino, manutentore specializzato dell’impianto di evacuazione dei fumi. Per la qualità delle emissioni e per un’ ottimale resa è altresì fondamentale il controllo sulla qualità del combustibile utilizzato, che sia legna o pellet. Per quest’ultimo sono in vigore delle normative UE tra cui la UNI CEN /TS 14961, la Ö – Norm M 7135 e la DIN Plus 51731.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Gran Bretagna verso una tassa sulle bibite zuccherate 7 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Non solo vitamina C: gli agrumi proteggono dalle malattie neurodegenerative 7 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Nocciole e frutta secca proteggono il cuore 7 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Fumi una sigaretta al giorno? Ecco cosa rischi 7 DIC 2016 SALUTE
Sport in gravidanza? Ecco perché fa bene 5 DIC 2016 SALUTE
Uomini e donne, chi vince in salute? 5 DIC 2016 SALUTE
Artrosi e mal di schiena in aumento nei giovani: quali le cause? 2 DIC 2016 SALUTE
Orzo, le preziose proprietà di un alimento povero 2 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Lo yoga diventa patrimonio dell'umanità 2 DIC 2016 SALUTE
Perché è importante ridurre i grassi saturi? 30 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Obesi e fumatori inglesi: attesa più lunga per gli interventi 30 NOV 2016 SALUTE
Non solo ai nidi: a Trieste vaccini obbligatori anche all'asilo 30 NOV 2016 VACCINAZIONI
Come manifestano i ragazzi la depressione e l'ansia? 28 NOV 2016 SALUTE
Miopia: "attenzione a smartphone e tablet" 28 NOV 2016 SALUTE
La chiave della felicità? Ecco qual è 28 NOV 2016 SALUTE
Obbligo di vaccinazione: Liguria e Lombardia dicono no 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Glifosato: proroga di 90 giorni 23 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Obesità infantile: che ruolo ha la pubblicità? 23 NOV 2016 INFANZIA
Pressione alta: i dieci alimenti per combatterla 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Insalate in busta, quali rischi per la salute? 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Stress e cattivo umore? Si combattono con le noci 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Aneurisma: il fumo raddoppia il rischio 18 NOV 2016 SALUTE
Bambini: quali effetti ha lo stress psicologico? 18 NOV 2016 INFANZIA
Disabile dopo le vaccinazioni: Ministero della Salute si rifiuta di pagare 17 NOV 2016 VACCINAZIONI
Smog: quanto incide sulle malattie polmonari? 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, no al ripristino dell'obbligo delle vaccinazioni 16 NOV 2016 VACCINAZIONI
Diabete, un'epidemia inarrestabile 14 NOV 2016 SALUTE
Influenza, medici e infermieri dicono 'no' al vaccino 14 NOV 2016 VACCINAZIONI
L'acqua fa bene anche all'umore 14 NOV 2016 SALUTE
Colesterolo alto, ecco gli alimenti per ridurlo 11 NOV 2016 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione