Medicina preventiva

Strategie per la prevenzione degli infortuni

Fonte: filippo-ongaro.it



jogging
Oggi è sempre più importante svolgere attività motorie funzionali che allenano più muscoli assieme per prevenire gli infortuni e curare il mal di schiena

Oggi è sempre più importante svolgere attività motorie funzionali che allenano più muscoli assieme per prevenire gli infortuni e curare il mal di schiena.

Nei paesi più industrializzati ed avanzati nella nostra quotidia­nità, fin da bambini ed ancora di più negli adulti, si è persa la buona abitudine di svolgere attività motorie funzionali. A seguito di una simile affermazione si rende necessario approfondire brevemente il concetto di atti­vità funzionale.

In tempi ormai lontani per la  sopravvivenza l’uomo si procurava il cibo cacciando, lavorando la terra e spesso doveva fuggire dai predatori. Fino a ieri i bambini potevano giocare eseguendo i movimenti fondamentali come rotolarsi, arrampicarsi, correre, saltare, spingere, tirare e sollevare. Tali movimenti combinano opportunamente tutte le dinamiche corporee articolari, muscolari, e il necessario coordinamento delle sequenze di attivazione spazio temporale. Inoltre bisogna sottolineare l’importanza della muscolatura centrale del busto che sta­bi­lizza la colonna vertebrale per permettere la corretta esecuzione del gesto.

Con la como­dità della vita moderna, tutto ciò si sta dimenticando, senza contare che la cementificazione ha por­tato ad un progressivo triste abbandono del gioco in spazi aperti; la conseguenza è che il nostro corpo si indebolisce esponendoci a maggior rischio di infortuni. La domanda che dovremmo porci allora è come recuperare o migliorare tale fondamentale patrimonio di schemi motori basilari.

In taluni sport la ripetitività del movimento o la specificità della tecnica non permette di sperimentare velocità angolari diverse o acquisire esperienze che richiedono riflessi e controllo posturale.

La teoria dell’allenamento funzionale si è sviluppata alla fine degli anni ’90 negli Stati Uniti e in Australia ed utilizza movimenti che simulano situazioni reali che si verificano nei gesti di tutti i giorni, e piuttosto che lavorare sui singoli muscoli allena l’insieme di più catene muscolari rafforzando l’apparato muscolo-scheletrico, l’equilibrio e il sistema nervoso centrale.

Recuperare tali schemi motori è la solida base per un più moderno allenamento sportivo, fondamenta per la prevenzione degli infortuni e per ridurre e curare il mal di schiena.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Simone Diotallevi

Ridurre il rischio di cadute nell’anziano 25 GEN 2013 MEDICINA PREVENTIVA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione