Omeopatia

Cos'è Stramonium?


CATEGORIE: Omeopatia

Cos'è Stramonium? - Rimedi Omeopatici
Stramonium

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Datura stramonium
- Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia solanacee

DESCRIZIONE: dalla radice a fittone parte un fusto alto 40-100 cm, molto ramificato, cilindrico e resistente; le foglie di colore verde scuro sono ovali, spesso triangolari, piuttosto grandi, con margini dentati e profondamente curvati; dalle ascelle fogliari nascono singoli fiori con l’aspetto di trombette bianche, lunghe 6-10 cm e che si chiudono in un calice verde; il frutto è una capsula spinosa simile a quella dell’ippocastano e quando matura presenta piccoli semi neri.

DISTRIBUZIONE: cresce a volte spontaneamente nei luoghi incolti e nelle zone calde temperate.

CENNI STORICI: le sue proprietà allucinogene erano conosciute sin dai tempi più antichi e furono citate da Omero nell’Odissea e da Shakespeare in Romeo e Giulietta e in Antonio e Cleopatra.

PRINCIPI ATTIVI: sono degli alcaloidi e sono contenuti nelle foglie e nei semi; i principali sono la hyosciamina, la scopolamina e l’atropina.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Stramonium utilizza la Tintura Madre ottenuta facendo macerare in alcool i fiori e i frutti immaturi.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Sistema nervoso centrale: congestione cerebrale, movimenti involontari, spasmi, convulsioni, agitazione psicomotoria, allucinazioni e delirio.
- Sistema nervoso periferico: ipoestesia e ipoalgesia.
- Sistema nervoso autonomo: tachicardia, tachipnea, midriasi, secchezza delle mucose, soprattutto buccali e spasmi esofagei secondari a un’azione simpatico- mimetica.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: nei casi acuti e cronici; nei bambini; nel periodo puberale; nelle donne; nei fenomeni convulsivi, allucinatori e deliranti; nei soggetti pletorici, ansiosi, labili di umore, aggressivi, spesso con una personalità disturbata, caratterizzata da tratti di iperattività ed espansività e forti complessi di inferiorità e di indegnità.

QUADRO CLINICO
• Acuto

Si può rilevare: in corso di psicosi delirante acuta, processi tossinfettivi, mancata comparsa di esantemi, allucinosi alcolica, delirium tremens ed epilessia. E’ caratterizzato, a seconda dell’eziologia, da: ipertermia elevata, convulsioni, delirio e allucinazioni a esordio brusco e sintomatologia molto grave. Il volto è arrossato e congesto, gli occhi sono lucidi e le pupille midriatiche. In caso di febbre il calore è diffuso a tutto il corpo a eccezione degli arti inferiori che restano gelati. Il paziente è irrequieto e molto agitato, spesso affonda la testa nel cuscino, la ruota da un lato all’altro, può presentare disfagia secondaria a spasmi esofagei, spasmi muscolari o convulsioni generalizzate spesso scatenate dalla luce, dalla vista di superfici brillanti o dal rumore dell’acqua. Al buio è terrorizzato, può avere manifestazioni allucinatorie, si crede circondato da animali, vede ombre e figure nere, si sente doppio o diviso in due. Il delirio in genere è violento, accompagnato da agitazione psicomotoria e manifestazioni di furore incontrollato.
• Cronico
Si può rilevare: in soggetti psicotici, affetti da sindromi psicorganiche o con personalità disturbata. E’ caratterizzato da: sensi di colpa, di indegnità, di abbandono e di isolamento, intenso stato ansioso, paura del buio e di stare solo, labilità del tono dell’umore, logorrea incontrollata, impulsività e spiccata aggressività.
• Bambino
E’ molto aggressivo e disubbidiente. Quando si arrabbia tira calci, graffia, si colpisce la testa per poi sentirsi in colpa e chiedere scusa. Di notte è ansioso e terrorizzato dal buio, vuole la luce accesa, urla nel sonno, vede ombre nere e chiama i genitori per sentirsi tranquillizzato

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Assenza di dolori nonostante la gravità della sintomatologia.
- Paura del buio e di stare solo di notte.
- Delirio di estrema violenza.
- Allucinazioni spaventose.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Persone giovani, pletoriche, con desiderio di luce e di compagnia e con paura del buio e della solitudine.
2 - Stati maniacali acuti e deliri con grande terrore in cui cerca di fuggire e ha le allucinazioni, specialmente di animali terribili; attacchi di ira violenta con urla, morsi e graffi; loquacità, prega e supplica continuamente; gli occhi sono fissi, brillanti, le pupille estremamente dilatate; strane immaginazioni, p. e., di avere una doppia personalità, di avere gli arti sparsi dappertutto, ecc.
3 - Patologie spasmodiche: convulsioni, corea (sono colpiti soprattutto i muscoli facciali), epilessia, dopo uno spavento, scatenata da una luce brillante, dalla vista di oggetti brillanti, tentando di ingerire dei liquidi; strabismo, balbuzie, idrofobia.
4 - Assenza di dolore nella maggior parte dei disturbi, mentre la suppurazione provoca un intenso dolore, specialmente negli ascessi dell’articolazione dell’anca sinistra o nella paronichia.
5 - Febbri con esantema intenso, color rosso scarlatto scuro, diffuso in tutto il corpo; spesso con soppressione di tutte le secrezioni ed escrezioni.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 CERVELLO. MENTE. Circolazione [gola; cute]. Nervi spinali [gambe; anca (sinistra); genitali]. Muscoli. Organi sessuali.

EZIOLOGIA
Soppressione o mancata comparsa di eruzioni cutanee; insolazione; intossicazioni; sequele del parto; abuso di mercurio.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: l’egotismo, la scarsa autostima, la sensazione di abbandono, i sensi di colpa, la paura del buio, di stare solo e di cose immaginarie, l’eccitabilità, l’impulsività, l’irrequietezza, la labilità del tono dell’umore e l’aggressività violenta e incontrollata. L’egotismo, la scarsa autostima, la sensazione di abbandono e il disperato bisogno di amore e di compagnia, rivelano dei tratti predepressivi, forti aspirazioni di tipo narcisistico e un’intolleranza narcisistica molto spiccata. La scarsa capacità di controllo sulle forti pulsioni istintuali, rivelata dalla possibilità di compiere azioni improvvise, tumultuose, disinibite e spesso auto- ed etero-lesive, l’aumento dell’attività motoria, l’arresto psicomotorio e le stereotipie, rivelano dei disturbi della psicomotricità e la compromissione della capacità di esprimersi e di «incontrare gli altri».
L’eccitabilità, l’euforia, la mancanza di freni inibitori, la mimica e la gestualità esagerate, caratterizzano una sintomatologia di tipo maniacale.
Questa, in presenza di crisi di furore, agitazione psicomotoria, allucinazioni e deliri, può assumere le caratteristiche di una crisi maniacale di tipo eccitato-furioso, confusionale o delirante, può manifestarsi nell’ambito di una sindrome psicorganica ed essere associata a insufficienza mentale o demenza; in altri casi, può comparire in situazioni di alcolismo o tossicomania.
La mania, in termini psicodinamici, è da molti considerata come un’elaborazione difensiva contro l’angoscia depressiva. La crisi maniacale sarebbe strettamente connessa al fatto depressivo da cui sorge; è una forma difensiva di negazione, mobilizzata dall'angoscia, pone il soggetto al di fuori delle contingenze temporali ed etiche e permette una fuga dalla realtà.
I contenuti allucinatori e i temi deliranti sono prevalentemente di autoaccusa e di rovina, in alcuni casi persecutori, mistici, di trasformazione, di grandezza e di gelosia. Riflettono sensazioni di indegnità e di abbandono, sensi di colpa, problematiche religiose, conflitti narcisistici tra identificazione e immagine del Sé, ostilità nei confronti dell’ambiente e un’esal-tazione della spinta erotica.

MODALITA'
• Peggioramento

Oggetti luccicanti (specchi, superficie dell’acqua). Spavento. Dopo il sonno. Buio. Giornate nuvolose. Deglutendo. Soppressioni. Abusi. Contatto.
• Miglioramento
LUCE. Compagnia. Calore.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o o o o x  | Votazioni (1)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Causticum? 12 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Ignatia Amara? 28 AGO 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Chamomilla Matricaria? 22 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Carbo Vegetabilis? 8 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Psorinum? 20 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Apis Mellifica? 30 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Dulcamara? 15 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA
Cos'è Veratrum Album? 22 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione