Salute

10/02/2014

La storia d’Italia nella mortalità infantile

di Roberto Gava

Fonte: Ilfattoquotidiano.it


CATEGORIE: Salute

La storia d’Italia nella mortalità infantile
Quella ricostruibile dai dati sulla mortalità infantile sembra la storia di un progresso. Ma è davvero così?

Ho recentemente incontrato il Dr. Eugenio Serravalle, pediatra Specializzato in Pediatria Preventiva e Puericultura e Patologia Neonatale, che mi ha fatto riflettere su un argomento che gli ho chiesto di mettere per iscritto, in modo che fosse oggetto di riflessione per altri. (RG)

Per dimostrare l'ingresso di un Paese nella piena modernità, gli indicatori economici non sono tutto: quelli socio-sanitari sono altrettanto significativi, se non di più. Infatti, per quanto notevole possa essere la crescita del PIL di certi Paesi emergenti, la carenza di norme in materia di tutela della salute determina una maggior frequenza di patologie legate a tassi esorbitanti di inquinamento atmosferico nelle città o all'uso indiscriminato di pesticidi nelle campagne. Perciò, crescita economica e qualità delle condizioni di vita non è detto che coincidano.

La mortalità dei bambini sotto i 5 anni di vita è un'importante misura del benessere demografico di un Paese e uno dei più significativi indicatori sociali: permette, infatti, di correlare la mortalità con i vari momenti dello sviluppo di una popolazione e quindi con le sue condizioni di vita.

Le serie storiche dell'Istat delineano tra il 1887 e il 1907 un ritardo di vent'anni del nostro Paese nel raggiungere i tassi di mortalità di Francia e Svezia. Tale ritardo è l'indice più evidente del sotto-sviluppo in cui versano ancora i paesi di campagna percorsi dalle malattie tipiche della miseria e della malnutrizione (la malaria nel Sud e la pellagra nel Nord) e i quartieri popolari delle città, flagellati dal colera e dalla tubercolosi per le pessime condizioni igienico-sanitarie. Carenti sono infrastrutture quali il sistema di fognature, la fornitura di acqua potabile o la costruzione di ospedali pediatrici.

Nel 1895, con un tasso di mortalità di 326 bambini ogni 1000 nati vivi, il 65% muore per malattie infettive e specialmente gastroenteriti, febbri tifoidi e paratifoidi (26%), bronchiti e polmoniti (21%).

Tra la fine dell'Ottocento e il 1931, il tasso di mortalità si dimezza arrivando a 170 morti ogni 1.000 nati vivi. Mentre la difterite arriva quasi a scomparire, nonostante il vaccino sia stato introdotto solo nel 1939, e scarlattina, pertosse, morbillo e malaria decrescano in modo consistente, rimane forte, pur diminuendo, l'impatto delle gastroenteriti. Solo nel trentennio successivo, grazie all'ulteriore miglioramento delle condizioni igieniche e sanitarie, la variazione dei regimi alimentari e i nuovi metodi di profilassi e cura della malattia, riduzione (15%). Nel trentennio successivo il tasso di mortalità si riduce di un ulteriore 72% (47 morti ogni 1.000 nati vivi), con il quasi azzeramento di pertosse e morbillo a partire dal 1961, nonostante il vaccino contro la pertosse (non obbligatorio) sia stato praticato con ampie coperture solo dopo il 2000 e il morbillo abbia tuttora una copertura vaccinale inferiore al 90%.


Oggi la mortalità è scesa di un altro 91% (3,9 morti ogni per 1.000 nati vivi) ed è quasi interamente dovuta a malformazioni congenite e condizioni di origine perinatale (95%).


Nonostante i meriti attribuibili alle vaccinazioni, forse esse non avrebbero potuto avere un impatto altrettanto efficace sulle condizioni di salute della popolazione senza il parallelo miglioramento delle condizioni di vita, della quantità e della qualità dell'alimentazione, delle situazioni abitative, delle misure di igiene sia pubblica che individuale, in una parola senza l'affermarsi dei tratti più caratteristici dello sviluppo che includono anche il grado di consapevolezza e di informazione della popolazione sulle misure di prevenzione quotidiana. Del resto, patologie come la peste o la tubercolosi sono state vinte solo grazie ai cambiamenti delle condizioni materiali di vita ed agli antibiotici, non ai vaccini.


Nonostante un quadro tanto mutato, abbiamo assistito di recente ad una crescita esponenziale delle vaccinazioni praticate sui bambini, ad intervalli molto ravvicinati. Nei primi 15 mesi di vita un bambino italiano riceve 3 iniezioni di esavalente, 3 di pneumococco, 2 di rotavirus, 1 di meningococco, 1 di morbillo, parotite, rosolia, varicella, ed eventualmente un vaccino contro l'influenza. Tra prima immunizzazione e richiami si arriva a 29 iniezioni che costituiscono altrettante stimolazioni artificiali del sistema immunitario. Un calendario vaccinale siffatto presuppone un quadro di allarme sociale, non quello indicato dalle serie storiche appena richiamate. Esso è sintomo di un estremismo vaccinale che, non trovando un fondamento né nel quadro epidemiologico, né in quello medico relativo al funzionamento dell'apparato immunitario del bambino, deve trovarlo, per forza di cose, in altri ambiti, estranei alla sanità.


In questa evoluzione, un'azione importante è stata svolta proprio dal Governo centrale nel periodo 2000-2005 con una combinazione di misure finanziarie e sanitarie culminate nel varo del Piano Nazionale Vaccini 2005-2007.

Sembra cioè che, a quella ricostruibile attraverso i dati della mortalità infantile e che è la storia di un progresso, si stia affiancando un'altra storia, che segna la crescente colonizzazione della sanità pubblica da parte di una concezione centrata sull'intervento farmacologico a tutti i costi: più il quadro epidemiologico migliora e più il programma vaccinale si accresce di ulteriori interventi. Verrebbe da pensare che, in sostanza, ora ci si trovi di fronte alla storia di un regresso: quello della medicina di fronte alla civiltà consumistica e affaristica del farmaco.










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Roberto Gava

Come distinguere l'infezione da Coronavirus da una Sindrome Virale comune 16 MAR 2020 MEDICINA PREVENTIVA
Il significato della malattia e la sua interpretazione 7 FEB 2020 MEDICINA PREVENTIVA
Infezione da Coronavirus: informazione e buon senso 5 FEB 2020 MEDICINA PREVENTIVA
Che cosa significa fare prevenzione? 3 FEB 2020 MEDICINA PREVENTIVA
Attenzione a sopprimere i sintomi della malattia 27 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
L’importanza della vitamina D per il nostro organismo 8 NOV 2019 SALUTE
Cosa fare in presenza di nubi radioattive? 3 OTT 2019 SALUTE
Come migliorare l’assorbimento del ferro vegetale 21 SET 2018 ALIMENTAZIONE
L'Omeopatia cura le piante, gli animali e l'uomo da due secoli, ma riuscirà a curare i pre-giudizi? 18 SET 2018 OMEOPATIA
Quali test di laboratorio fare prima di vaccinare un bambino? 11 SET 2018 VACCINAZIONI
Allarme inquinamento. Che futuro avranno i nostri figli? 12 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
3 consigli per prevenire le malattie invernali dei bambini 7 DIC 2016 INFANZIA
Alcune cose che forse non sapevi sulle allergie 14 OTT 2016 INFANZIA
Quanto è importante il sonno per la salute di tuo figlio? 10 OTT 2016 SALUTE
Acido folico: la vitamina che devi assumere in gravidanza 4 OTT 2016 INFANZIA
Vaccini pediatrici: la Federazione Nazionale dei Medici dimentica i bambini danneggiati 30 LUG 2016 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per migliorare le vaccinazioni pediatriche. La storia di Manuel 26 LUG 2016 VACCINAZIONI
Ipertensione arteriosa: come prevenirla e affrontarla? 17 GIU 2016 SALUTE
Come sospettare e correggere una debolezza immunitaria dei nostri figli 24 MAG 2016 INFANZIA
Obesità e cancro: le conseguenze della cattiva alimentazione 16 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Mangiare la carne fa bene o male alla salute? 12 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Educazione alimentare per una corretta Igiene di Vita 8 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
SOS Alimentazione Pediatrica: dobbiamo cambiare l’alimentazione dei nostri bambini 11 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
La verità sugli studi sul vaccino antinfluenzale 26 NOV 2015 VACCINAZIONI
Le falsità sull'AIDS: un altro inganno della nostra "Scienza Moderna"? 4 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccinazioni Pediatriche: Lettera aperta al Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità 20 OTT 2015 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per la Somministrazione di Diete Vegetali e Integrali nella Ristorazione Scolastica e Ospedaliera 17 OTT 2015 ALIMENTAZIONE
Perché voglio ammalarmi? 2 OTT 2015 MEDICINA PREVENTIVA
Importante riconoscimento alla Dr.ssa Patrizia Gentilini, oncologa e studiosa dei danni dell’inquinamento ambientale 30 SET 2015 SALUTE
Il vaccino Morbillo Parotite Rosolia in una ragazza di 30 anni 16 SET 2015 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Roberto Gava


Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione