Salute

Sport sulla neve: come prepararsi alle piste da sci


CATEGORIE: Salute , Infanzia

bambini sci
Il debutto sulle piste non si improvvisa!

Un po' di allenamento preparatorio, un'alimentazione corretta e casco sempre in testa sulle piste. Questi i consigli fondamentali dei pediatri rivolti ai piccoli sciatori per aiutarli a praticare in modo sicuro gli sport sulla neve.

“Lo sci deve essere un gioco, un divertimento, è perciò importante che l'istruttore conosca le caratteristiche di ciascun allievo. In caso di incidente è fondamentale, in attesa dei soccorsi, non toccare in alcun modo la persona infortunata”, ha spiegato  Armando Calzolari, responsabile di Medicina cardiorespiratoria e dello sport dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Lo sport e la montagna, spiega lo specialista, fanno bene anche ai bambini allergici: “qualsiasi sia la loro manifestazione patologica, quando la sintomatologia è ben controllata dal programma terapeutico possono praticare i giochi sulla neve e l'attività sportiva”.

Fare esercizio regolare e mantenersi in forma è essenziale anche per i bambini con malattie renali che possono così godersi la vacanza senza preoccupazione.

Un'ora sulle piste equivale al consumo medio di 300 calorie: una buona notizia per i bambini in sovrappeso.

Il 'debutto' sulle piste da sci, insomma, non si improvvisa e ciò non vale soltanto nel caso dei più piccoli. “Chi va a sciare senza un minimo di allenamento va incontro a un'alta percentuale di possibilità di infortunio. Due sciatori su tre cadono dagli sci e rischiano di farsi male perché non sono allenati”, avverte Sandro Rossetti, primario del reparto di Ortopedia e Traumatologia dell'ospedale San Camillo di Roma.

“La distorsione è la lesione più diffusa tra i frequentatori delle piste da sci - spiega l'esperto - mentre le parti del corpo più interessate da questo tipo di infortunio sono le ginocchia. Nello sci, a causa di una caduta, i più colpiti sono gli arti inferiori (52% dei casi), meno gli arti superiori (16,3% dei casi). E si procurano una distorsione più le donne (42,1%) rispetto agli uomini (23,7)”.

“Lo sci – spiega l'esperto - va affrontato con una preparazione muscolare adeguata. Quando si scia, infatti, si sta con la caviglia bloccata all'interno dello scarpone, di conseguenza l'articolazione che diventa perno di rotazione è il nostro ginocchio. Dobbiamo proteggerlo dai traumi in rotazione che sono quelli frequenti in questo sport. La protezione migliore è certamente quella offerta da muscoli tonici e in allenamento”. Ecco perché è importante una preparazione muscolare adeguata.

“Bisogna lavorare in particolare sul quadricipite e il bicipite femorale, per dare stabilità articolare al nostro ginocchio - spiega l'ortopedico - L'altra articolazione da proteggere è la spalla, perché la lussazione traumatica è frequente nel trauma da caduta da sci”.

Lo specialista consiglia dunque di “dedicare almeno un'ora per un paio di settimane, prima di partire, o alla palestra o al nuoto, con l'ausilio di un buon preparatore atletico che sappia indicarci gli esercizi migliori per rinforzare e proteggere ginocchio e spalla”.
Quando non è possibile recarsi o in palestra o in piscina “tutti noi abbiamo la possibilità di prepararci in casa, con esercizi di flesso-estensione degli arti inferiori.

“È necessario distendersi su un tappeto, tirare verso il nostro naso la punta del piede tenendolo a 90 gradi rispetto alla gamba, contrarre al massimo il muscolo della coscia, sollevare l'arto dal terreno fino a portarlo a 45 gradi rispetto al pavimento, contare fino a 10 mantenendo la massima contrazione e riportarlo a terra. Ripetere questo esercizio fino a che la coscia appare dolente. Questo banale esercizio ripetuto due volte al giorno ci permetterà in due settimane di affrontare la settimana bianca in condizioni di sicurezza”.



Hai un account google? clicca su:




Prodotto Consigliato
Homo Vegetus. Nutrizione superiore sportiva  Fabio Rigon

Homo Vegetus. Nutrizione superiore sportiva

Fabio Rigon

Eccellere nelle prestazioni, sentirsi leggeri e allo stesso tempo forti, recuperare le energie perse in tempi brevi: come ottenere tutto ciò? La soluzione è a portata di mano: Homo Vegetus! L'unico libro completo che spiega in maniera semplice ma dettagliata le motivazioni secondo le quali tutti gli sportivi dovrebbero seguire un regime alimentare sano che li renda forti e vigorosi in maniera naturale. Un… Continua »
Pagine: 104, Tipologia: Libro cartaceo
10,00 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Salute del cuore: sette regole da seguire 28 GIU 2017 SALUTE
Diciannovenni sedentari come i sessantenni 26 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Caldo: cinque consigli per proteggere i bambini 26 GIU 2017 INFANZIA
Broccoli: un aiuto naturale contro il diabete 26 GIU 2017 SALUTE
Cancro al fegato: l'inquinamento riduce l'aspettativa di vita 23 GIU 2017 SALUTE
“Clinica degli orrori”: annullato l'ergastolo di Brega Massone 23 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Decreto vaccini: ecco le modifiche in vista 23 GIU 2017 VACCINAZIONI
L'attività fisica previene la depressione post partum 22 GIU 2017 SALUTE
Biologico: importanza riconosciuta dall'Onu 22 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Antibiotici: quanti eventi avversi nei pazienti ospedalizzati? 22 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Svizzera: cure omeopatiche rimborsate a tempo indeterminato 21 GIU 2017 OMEOPATIA
Lisomucil, ritirati alcuni lotti dello sciroppo per la tosse 21 GIU 2017 SALUTE
Sentenza della Corte Ue: “il vaccino può essere causa di una malattia” 21 GIU 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, no all'imposizione: Liguria e Veneto contro il decreto 16 GIU 2017 VACCINAZIONI
Cipolla rossa, un'arma naturale contro il cancro 14 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Le fibre alimentari proteggono le ginocchia 14 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Correre fa bene anche alla schiena 12 GIU 2017 SALUTE
Sanità: 22 miliardi di sprechi nel 2016 12 GIU 2017 SALUTE
Malattie croniche: l'omeopatia migliora la salute e riduce il consumo di farmaci 12 GIU 2017 OMEOPATIA
Antibiotico resistenza: le associazioni scrivono al ministro Lorenzin 12 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori, Zaia: “Coercizione ed eccessivo allarme” 9 GIU 2017 VACCINAZIONI
Smog: quali effetti sul cervello dei bambini? 8 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Zucchero, Corte di giustizia Ue: il consumatore va informato sui rischi 8 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Mangiare tardi la sera: ecco perché fa male 8 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Una petizione contro il decreto Lorenzin 8 GIU 2017 VACCINAZIONI
Cancro all'endometrio: l'allattamento al seno riduce il rischio 7 GIU 2017 SALUTE
Consumo di cannabis: Italia seconda in Europa 7 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccino e grave patologia: riconosciuto nesso e indennizzo 7 GIU 2017 VACCINAZIONI
Tre milioni di italiani soffrono di disturbi alimentari 5 GIU 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura di stagione: cosa portare in tavola a giugno 5 GIU 2017 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione