Attualità

Spending review: 'risparmi per oltre 100 milioni dal rispetto delle norme europee in tema ambientalista e animalista'

Fonte: ENPA


CATEGORIE: Attualità , Animali

euro
Spending review: 'risparmi per oltre 100 milioni dal rispetto delle norme europee in tema ambientalista e animalista'

"Enormi sprechi di denaro pubblico derivanti dal pagamento imminente di milioni di euro per le procedure di infrazione inviateci dall’Europa e che gravano sul nostro Paese in tema animalista ed ambientalista". Questa è la segnalazione che l’Enpa ha inviato al Governo sulla spending review.

«Purtroppo, a causa delle inadempienze dell’Italia, i cittadini saranno presto chiamati a pagare un minimo di 107 milioni di euro per i procedimenti che sono giunti ormai alla fase conclusiva (art. 260 TFUE), a cui si aggiungerebbero fino a 652.000 euro al giorno di penale se il nostro Paese non si adeguerà al più presto alle direttive europee».

E’ interessante sottolineare come otto di queste procedure riguardano violazioni di carattere ambientale: in particolare, tre di queste hanno ad oggetto gli abusi commessi sulla caccia in deroga e la cattiva attuazione della direttiva riguardante la conservazione degli uccelli selvatici.

Tuttavia, secondo la Protezione Animali, il problema è ancora più grave. “Oltre alle 11 procedure d’infrazione giunte alla fase conclusiva, ve ne sono addirittura altre 116 in fase iniziale, su cui dunque si può intervenire – prosegue l’Enpa –. E’ triste considerare che ben 28 di queste riguardano proprio gli abusi commessi a danno del patrimonio naturale. La situazione è veramente inaccettabile: se non si corre da subito ai ripari, in futuro tutti gli italiani potrebbero pagare svariati miliardi di euro».

Su questa materia, l’Enpa lancia un appello al Governo per chiedere un maggior rigore, a partire da quanto accade in Parlamento. “Vi sono stati continui e ripetuti tentativi di inserire delle modifiche peggiorative alle leggi nazionali, soprattutto in materia ambientale, con il pretesto di adeguarle a direttive europee, ritenute da qualche lobby scomode in quanto restrittive – conclude la Protezione Animali -. Il Governo deve vigilare ed intervenire, con i ministeri e con gli strumenti a sua disposizione, anche nei confronti di quelle regioni che emanano norme contrarie ai principi dell’Europa e che con il loro comportamento hanno causato l’apertura di procedure d’infrazione. Solo in questo modo si potranno risparmiare milioni, anzi, miliardi di euro».








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Merendine e bevande, ‘senza zucchero’ non significa senza problemi 24 APR 2019 ALIMENTAZIONE
Spese mediche: in difficoltà 1 italiano su 5 8 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Burioni, Grillo e Renzi firmano patto per scienza. “Colossale presa in giro” 11 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, D'Anna (Biologi): "Basta chiacchiere e petizioni, scienziati e istituzioni tirino fuori analisi farmacovigilanza" 3 GEN 2019 VACCINAZIONI
Un Natale sereno anche per gli animali 21 DIC 2018 ANIMALI
Anche Nature riporta la notizia delle analisi del Corvelva sui vaccini 17 DIC 2018 VACCINAZIONI
Vaccini: tutti i rapporti tra Ricciardi e le case farmaceutiche 10 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
In vaccino... veritas 7 DIC 2018 VACCINAZIONI
Vaccini pediatrici. La vittoria di Kennedy contro l’HHS 5 DIC 2018 VACCINAZIONI
La vita di Timothy Field Allen [Maestro dell'Omeopatia] 30 NOV 2018 OMEOPATIA
Omeopati: "Tra visite lampo e fake news medicina perde di vista l'uomo" 5 OTT 2018 OMEOPATIA
Vaccini: non basta l’efficacia, ci vuole anche la sicurezza 3 OTT 2018 VACCINAZIONI
Genova: medico minaccia di morte figli di genitori free-vax. Codacons lo denuncia in procura e all’ordine dei medici 13 AGO 2018 VACCINAZIONI
Vaccini: Codacons pronto a denunciare l'associazione nazionale presidi 13 AGO 2018 VACCINAZIONI
L'Omeopatia fa bene allo sport 27 LUG 2018 OMEOPATIA
Vaccini: Tribunale di Roma proscioglie Codacons e Carlo Rienzi da accuse di diffamazione mosse da Ricciardi 14 GIU 2018 VACCINAZIONI
Colpo di scena: Ricciardi apre all’Omeopatia istituendo un tavolo tecnico 1 GIU 2018 OMEOPATIA
Giornata Internazionale dedicata alla consapevolezza del danno da vaccino 1 GIU 2018 VACCINAZIONI
A chi fa tanto paura l’Omeopatia? 30 MAG 2018 OMEOPATIA
"L'omeopatia e le sue prime battaglie". Intervista al prof. Paolo Bellavite 18 MAG 2018 OMEOPATIA
Sospensione dell'obbligo vaccinale: la proposta di legge diventa realtà 16 MAG 2018 VACCINAZIONI
ADHD: “Aumento di diagnosi dovuto al marketing, non alla medicina” 27 APR 2018 INFANZIA
Il sindacato degli insegnanti prepara il ricorso contro il decreto Lorenzin 21 AGO 2017 VACCINAZIONI
Vaccini: istanza in caso di invito al centro vaccinale 21 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le analisi delle fiale dei vaccini 21 LUG 2017 VACCINAZIONI
Un’alternativa all’attuale decreto vaccini? "Ecco la nostra proposta" 14 LUG 2017 VACCINAZIONI
Decreto vaccini: interviene Franco Berrino 3 LUG 2017 VACCINAZIONI
Codacons, "un dirigente Glaxo può firmare atti pubblici?" 12 GIU 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini: il Codacons sta per svelare i documenti segreti dell'AIFA sulle reazioni avverse 29 MAG 2017 VACCINAZIONI
AIFA: antidepressivi per minori inefficaci e pericolosi 24 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione