Alimentazione

Snack alle casse vietati nei supermercati della Gran Bretagna


CATEGORIE: Alimentazione , Infanzia

supermercato
Nuova stretta del governo inglese contro il cibo spazzatura. L'obiettivo è quello di dimezzare il numero di bambini obesi entro il 2030

Stop a snack e dolciumi a portata di mano davanti alle casse dei supermercati nel Regno Unito. È quanto annuncia il governo britannico annunciando il nuovo divieto nell'ambito della campagna avviata un anno fa contro il dilagare dell'obesità infantile e giovanile nel Paese.

 

“Vogliamo dare più potere ai genitori di fare scelte salutari per i loro figli”, ha spiegato alla Bbc il ministro della sanità Jeremy Hunt, promettendo, oltre alla stretta nei supermercati, pure restrizioni più severe sulla pubblicità di prodotti ad alto contenuto di zuccheri in tv e sul web, nonché l'obbligo d'indicare il 'peso calorico' dei cibi nei menu dei ristoranti.

 

L'obiettivo è quello di dimezzare il numero di bambini obesi entro il 2030, considerati i dati allarmanti diffusi per la prima volta dalla Local Government Association (LGA), basandosi sulle statistiche di Public Health England, agenzia del Dipartimento della salute del Regno Unito.

 

Il 4,1% dei bambini inglesi è severamente obeso nel momento in cui finisce la scuola primaria, cioè a 10-11 anni. Quando cominciano il ciclo scolastico, cioè a 4-5 anni, la percentuale è già del 2,35%. In numeri assoluti, riferiti all’anno scolastico 2016-17, ciò vuol dire che quasi 15 mila bambini severamente obesi su 629 mila a 4-5 anni e oltre 22 mila su 556 mila a 10-11 anni. Aggiungendo ai bambini severamente obesi quelli obesi e in sovrappeso, si raggiunge il 22,5% all’inizio della scuola primaria e il 34,5% alla fine del ciclo scolastico, che è di sei anni.

 

Alla luce di questi dati, la LGA sollecita azioni urgenti, ribadendo che si tratta di una bomba a orologeria che può costare molti miliardi di sterline in termini di salute pubblica e di costi sociali. I bambini obesi di oggi, infatti, diventeranno gli adulti obesi di domani, i cui anni di vita sana saranno ridotti da una serie di problematiche di salute, tra cui diabete, cancro e malattie cardiache.

 

I tassi di obesità severa, emerge dai dati, variano significativamente a seconda delle aree dell’Inghilterra e sono più alti tra i bambini che vivono nelle città più povere e nelle minorane etniche, richiedendo quindi maggiori risorse per gli enti locali e l’adozione di interventi più mirati (come una migliore etichettatura di prodotti alimentari e bevande e la possibilità per le amministrazioni locali di vietare la pubblicità di cibo spazzatura vicino alle scuole).



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Tumori: il 4% dei casi causati dal sovrappeso 13 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Rischio infarto con le carni rosse: ecco perché 13 DIC 2018 ALIMENTAZIONE
Incidenti stradali: killer principale di giovani e bambini 12 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Cassazione: "Le linee guida per i medici non sono assolute”. Anche per i vaccini? 12 DIC 2018 SALUTE
Le 20 regole per evitare il diabete 10 DIC 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Ridurre l'inquinamento può salvare un milione di vite 10 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
La Toscana aggiorna e potenzia la rete delle cure palliative 7 DIC 2018 SALUTE
Pubertà precoce: sotto accusa i cosmetici delle mamme 7 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Giulia Grillo ha revocato tutti i membri non di diritto del Consiglio superiore di Sanità 5 DIC 2018 SALUTE
Sanità, D’Anna (Biologi): “Fare luce su ipotesi conflitto interesse a carico di Walter Ricciardi” 5 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Insalate in busta contaminate da batteri resistenti agli antibiotici 3 DIC 2018 ALIMENTAZIONE
Asma: più a rischio i bambini in sovrappeso 30 NOV 2018 INFANZIA
Dieci allarmi alimentari al giorno nel 2018 30 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Sistema immunitario: conta soprattutto lo stile di vita 30 NOV 2018 SALUTE
Implant Files: giornalisti denunciano lo scandalo delle protesi killer 28 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Come affrontiamo lo stress: ecco cosa danneggia il cervello 28 NOV 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Morbillo, coperture vaccinali ed epidemie: cosa dicono veramente i dati? 26 NOV 2018 VACCINAZIONI
Gas serra, nuovo record e nessun segnale positivo 26 NOV 2018 ATTUALITà
Franco Berrino: come prevenire le malattie cambiando alimentazione 23 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Le diossine negli alimenti preoccupano l'Europa 23 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Pianura Padana: l'inquinamento accorcia la vita di un anno 21 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ostetrica licenziata perché non vaccinata? Ecco la verità 19 NOV 2018 VACCINAZIONI
Salvini. “In Italia troppi vaccini. Un favore alle case farmeceutiche?” 19 NOV 2018 VACCINAZIONI
Patata OGM, il creatore: “Ora temo per la salute umana” 15 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Sedentarietà: quasi 90mila morti ogni anno in Italia 15 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Morbillo: un caso di allarmi, smentite e propaganda 14 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'antibiotico resistenza fa strage in Italia, ma si parla solo di morbillo e vaccini 14 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Il tasso di fertilità mondiale si è dimezzato 12 NOV 2018 ATTUALITà
Vaccini: ai medici di Bologna un modulo di consenso o rifiuto 12 NOV 2018 VACCINAZIONI
Morbillo a Bari, l'Ordine Nazionale dei Biologi: “Procurato allarme... a mezzo stampa” 12 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione