Attualità

Città libere dallo Smog: bocciate Roma e Milano

Fonte: Legambiente



inquinamento
Città libere dallo Smog: bocciate Roma e Milano

Sono stati presentati i dati di “Sootfree Cities” l’indagine condotta in  collaborazione con “Friends of the Earth Germany” e EEB (European Environmental Boreau) su 23 città europee. Zurigo e Copenaghen si collocano ai primi posti per la qualità dell’aria e una buona  politica sulla mobilità. Chiudono la classifica Lisbona e Lussemburgo. Milano e Roma, le città italiane coinvolte nello studio, si piazzano  rispettivamente al quindicesimo e diciottesimo posto della classifica.

La città di Zurigo è risultata essere la vincitrice della classifica  “Sootfree Cities”, letteralmente “Città libere dallo smog”,  un’iniziativa promossa dall’associazione tedesca “Friends of the Earth  Germany” e dall’EEB (European Environmental Boreau), in collaborazione  per l’Italia con Legambiente. Le città italiane analizzate, Milano e  Roma, compaiono al quindicesimo e diciottesimo posto rispettivamente con  dati in aumento ma da posizioni molto arretrate nel confronto con l'Europa.

23 grandi città europee vengono esaminate per quanto riguarda le azioni  messe in campo nella lotta contro l’inquinamento atmosferico. La città  svizzera svetta in cima alla classifica grazie a un mix di politiche  messe in campo che includono un grande impegno per ridurre  l’inquinamento dei veicoli, la promozione di forme di trasporto meno  inquinanti e bassi livelli di inquinamento atmosferico.Al secondo posto, segue Copenaghen.

In entrambe le città le politiche messe in campo dalle amministrazioni locali hanno visto la riduzione del numero delle  automobili e l’introduzione di limiti stringenti alla circolazione dei  veicoli maggiormente inquinanti come le macchine diesel, i camion e i  macchinari da lavoro. Allo stesso tempo sono state potenziate e  incentivate forme di trasporto meno inquinanti, come il traporto  pubblico, quello in bicicletta e le aree pedonali.

Vienna e  Stoccolma
sono rispettivamente terze e quarte nella speciale  classifica mentre Berlino, la vincitrice della scorsa edizione del  2011, finisce al quinto posto. Chiudono la classifica all’ultimo posto Lisbona e Lussemburgo, che affrontano la problematica  dell’inquinamento atmosferico in maniera poco decisa e convincente.

Roma ha ricevuto un voto decisamente insufficiente, classificandosi al  18 posto, seguita solo da Lisbona e Lussemburgo. Le motivazioni sono:
concentrazioni di PM10 e NO2 ancora elevate e spesso oltre i limiti di  legge fissati dalla normativa, con la fonte principale causata dal  trasporto su strada, che incide per l’85% dell’inquinamento atmosferico  in città; il trasporto pubblico locale rappresenta solo un terzo degli  spostamenti che mediamente avvengono nell’ambiente urbano. Inoltre i  mezzi del trasporto pubblico sono in cattivo stato così come le strade  percorse, sono appena 112 i km di preferenziale, anche meno dei 115 del  2003, e la mobilità ciclabile e pedonale è nettamente svantaggiata  rispetto al trasporto privato con l’auto. Anche se negli anni sono state  intraprese una serie di misure volte a migliorare la situazione, queste  risultano ancora insufficienti ad una inversione di tendenza nella  mobilità e ad un miglioramento della qualità dell’aria.

"Per Roma – dichiara Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio -  la marcia di avvicinamento ad alti standard europei sulla mobilità  sostenibile è ferma ai blocchi di partenza, complici una serie di  sentenze che hanno indebolito le scelte fatte dall'amministrazione su  aumenti delle tariffe per la sosta privata, allargamento delle ztl,  pedonalizzazioni. Ora l'amministrazione stessa torni a muoversi con  passi che non retrocedano di un metro sui temi della sostenibilità e,  anzi, rilanciando l'azione per una capitale più bella, senza auto e con  vaste aree pedonali, completando per prima quella di Via dei Fori  Imperiali. Il comune deve essere più veloce e determinato perché i  vantaggi per tutti siano immediati e indiscutibili”.

Migliore il giudizio sulle politiche di Milano, che nella graduatoria  consegue un pari merito con Barcellona e Praga ma resta tuttavia  fortemente penalizzata dai livelli alti di inquinamento che il capoluogo  lombardo condivide con le altre città del Nord Italia. Le politiche sul  traffico risultano ancora non sufficientemente incisive per consentire  alla città di competere con gli standard elevati dei grandi agglomerati  urbani transalpini, che presentano livelli di motorizzazione privata  molto più bassi grazie alla più estesa offerta di alternative all'uso  dell'auto. L'area C viene valutata di dimensioni eccessivamente ridotte  rispetto al territorio cittadino, mentre buone sono le prestazioni del  bike sharing e del trasporto pubblico, almeno nella dimensione urbana. A  pesare nel giudizio sono le insufficienti condizioni di sicurezza per la  ciclabilità e soprattutto l'inadeguatezza di politiche di  regolamentazione della sosta. In definitiva, le innovazioni pur importanti che hanno riguardato il capitolo mobilità non hanno ancora  dispiegato a sufficienza i loro effetti positivi.

“Il risultato non premia Milano perché partiamo da una situazione molto  arretrata, anche se occorre prendere atto dei forti miglioramenti
avvenuti, considerato che eravamo penultimi nel precedente rilevamento –  dichiara Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia – La  città deve proseguire nella marcia di avvicinamento alle altre città  europee consolidando i risultati ottenuti, ma soprattutto occorre  estendere le misure di mobilità sostenibile all'intera area  metropolitana, considerato che i due terzi del traffico urbano si  generano al di fuori delconfine amministrativo del capoluogo, e sono  dovuti all'insufficienza del trasporto pubblico nell'area vasta”.

La classifica mostra come in generale le città stiano combattendo  attivamente l’inquinamento atmosferico nelle proprie città in virtù dei  limiti di legge previsti dalla normativa europea, come dimostrano  Copenaghen, Stoccolma Vienna o Berlino che hanno raggiunto, o  raggiungeranno nei prossimi due anni, i valori limite proposti dalla  normativa, mentre Zurigo è già andata ben al di sotto dei limiti. Una  situazione che però non trova ancora riscontro a livello nazionale.

“È diventato oramai urgente definire un piano di intervento a livello  nazionale che incida in maniera netta sulle politiche relative alle  fonti di inquinamento – conclude l’associazione -, come più volte  annunciato ma ancora mai attivato. Ma anche le città devono fare la loro  parte con piani coraggiosi che cambino radicalmente il modo di muoversi  in città e puntino su interventi efficaci per il miglioramento della  qualità dell’aria. Nonostante si conoscano le cause dell’inquinamento e  siano consolidate le soluzioni da mettere in campo per contrastarlo,  manca ancora nel nostro Paese la volontà politica e gli strumenti per  metterle in campo”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Moige: "coercitivo e discriminante l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: mobilitazione per ottenere solo i 4 vaccini obbligatori 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: "incostituzionale l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 23 NOV 2016 VACCINAZIONI
Resistenza agli antibiotici, cosa sta facendo il Governo? 22 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Bimbo rimase sordo dopo un vaccino inefficace. Maxi risarcimento alla famiglia 27 OTT 2016 VACCINAZIONI
Vaccini: codacons avvia class action per famiglie che segnalano danni da vaccino 25 OTT 2016 VACCINAZIONI
Seminario “La relazione di aiuto – Nuove frontiere in Floriterapia” 12 OTT 2016 CONVEGNI
Vaccini, "censura inaccettabile": Codacons denuncia il Senato 3 OTT 2016 VACCINAZIONI
Conflitti di interesse in oncologia: ecco i numeri 12 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Terremoto: anche l'omeopatia in aiuto alle persone colpite 31 AGO 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per il mal di pancia nei bambini 3 AGO 2016 OMEOPATIA
Il test anticorpale: la scelta alternativa alle vaccinazioni per gli animali 28 LUG 2016 ANIMALI
Elogio dell'Omeopatia 16 MAG 2016 OMEOPATIA
Omeopatia: "maggiore attenzione da parte delle istituzioni" 13 APR 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per i dolori causati dal cancro 1 MAR 2016 OMEOPATIA
Pesticidi: associazioni chiedono la messa la bando del glifosato 29 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Medicina omeopatica: confermato il significativo ruolo sociale nella Salute Pubblica 25 FEB 2016 OMEOPATIA
Abbigliamento outdoor: “troppe sostanze chimiche” 25 GEN 2016 DENUNCIA SANITARIA
Assis: non partecipiamo alla battaglia dei vaccini, preferiamo ragionare 13 GEN 2016 VACCINAZIONI
Omeopatia per la cura del cancro 11 GEN 2016 OMEOPATIA
Cemon: "Da Unda campagna denigratoria contro di noi" 14 DIC 2015 OMEOPATIA
I veleni dell'Ilva 2 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Recanati: "bambina di sei anni sviene dopo il vaccino" 29 OTT 2015 VACCINAZIONI
Psicofarmaco per bambini inefficace e pericoloso: “la GlaxoSmithKline ha alterato i dati” 28 OTT 2015 INFANZIA
“Vaccinazioni rischiose, l’ho provato con mio figlio” 23 OTT 2015 VACCINAZIONI
California: vaccini contenenti mercurio a bambini e donne in gravidanza? 12 OTT 2015 VACCINAZIONI
Lettera di una mamma con figlio – presunto – autistico 10 SET 2015 AUTISMO
Adulti iperattivi: “una nuova operazione di marketing farmaceutico” 19 GIU 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, Antitrust avvia un’indagine conoscitiva. 'Prezzi sono in aumento' 27 MAG 2015 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione