Salute

I nove sintomi più comuni dell’Alzheimer


CATEGORIE: Salute

alzheimer
Il morbo di Alzheimer è una malattia fatale del cervello che provoca un lento declino delle capacità di memoria, di pensiero e di ragionamento

Si celebra in tutto il mondo la XIII Giornata dell'Alzheimer, malattia che nel nostro Paese colpisce circa 600mila persone, ovvero circa 5 over 60 su dieci. Il morbo di Alzheimer è una malattia fatale del cervello che provoca un lento declino delle capacità di memoria, di pensiero e di ragionamento. Si tratta della forma più comune di demenza che, nella fase finale interferisce gravemente con le attività quotidiane.

Sebbene ci sia oggi maggiore consapevolezza che in passato, il tempo medio con cui si arriva a una diagnosi è ancora di quasi 2 anni. Tra gli errori da evitare vi è quello di concentrarsi troppo sul sintomo più frequente, ovvero la perdita di memoria. Infatti, a seconda della parte del cervello attaccata, in alcuni casi la malattia potrebbe manifestarsi con altri sintomi che dovrebbero suonare come campanelli d'allarme.

Ecco quindi quali sono tutti i sintomi dell'Alzheimer.

Perdita di memoria
Dimenticare nomi, numeri, date ed eventi. È così che si caratterizza l’esordio dell’Alzheimer.
Altri segnali sono il chiedere più volte le stesse informazioni e affidarsi sempre più spesso a promemoria o agende per non dimenticare gli appuntamenti.

Difficoltà nelle attività quotidiane
I malati di Alzheimer possono manifestare difficoltà di concentrazione ed impiegare molto più tempo di prima nel fare le cose.

Disorientamento nel tempo e nello spazio
Un malato di Alzheimer può perdersi in vie familiari o arrivare a non sapere dove si trova e perché sia in un certo posto. Può anche perdere il senso delle date, delle stagioni e del passare del tempo.

Problemi nel linguaggio
Difficoltà a seguire o partecipare a una conversazione, ripetere cose appena dette, bloccarsi all’improvviso, dimenticare parole semplici e sostituirle con parole improprie. L'Alzheimer si manifesta anche con problemi nel linguaggio.

Non trovare le cose
Le persone malate di Alzheimer possono lasciare gli oggetti in luoghi insoliti e spesso, non trovando più gli oggetti, possono accusare altri di averli rubati.

Ridotta capacità di giudizio
I malati di Alzheimer possono vestirsi in modo davvero inappropriato e dare prova di scarsa capacità di giudizio anche nel maneggiare il denaro, per esempio lasciando una somma molto elevata come mancia a un cameriere. Può succedere anche che prestino meno attenzione alla cura della propria persona.

Difficoltà nel pensiero astratto
Per il malato di Alzheimer riconoscerei numeri o fare semplici calcoli può essere davvero impossibile

Cambiamenti di umore e personalità
Confusi, depressi, sospettosi e suscettibili. L’umore e la personalità delle persone che soffrono del morbo di Alzheimer possono cambiare nel corso della malattia.

Mancanza di iniziativa
Chi soffre di Alzheimer perde progressivamente interesse per le proprie attività preferite.

La fase iniziale di questi sintomi, chiamata demenza lieve, ha una durata media di 2-4 anni.
La fase successiva, la demenza moderata, può durare in media da 2 a 10 anni e si caratterizza per un aggravamento dei sintomi. La fase terminale della malattia, la demenza grave, dura in media 3 anni. In questa fase la persona è totalmente dipendente e richiede continua assistenza, perde la capacità di parlare e di capire, è incapace di riconoscere i propri familiari e non è in grado di vestirsi, mangiare e lavarsi da solo. Non riconosce più i propri oggetti e la propria casa.

Il decorso della malattia può variare da persona a persona. In media un malato di Alzheimer vive tra gli 8 e i 10 anni dopo la diagnosi.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Zenzero, un ottimo alleato contro l'influenza 19 GEN 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Prevenire l'Alzheimer con le vitamine 19 GEN 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Omega 3 in gravidanza: ecco perché fanno bene al tuo bambino 19 GEN 2017 ALIMENTAZIONE
Sai perché il peperoncino allunga la vita? 19 GEN 2017 ALIMENTAZIONE
Bambini: perché il sistema immunitario è fuori controllo? 18 GEN 2017 SALUTE
Vaccini: i medici scelgono di farli in base a quanto ci guadagnano? Ecco i prezzi 18 GEN 2017 VACCINAZIONI
Omeopatia: piccole e medie aziende a rischio 18 GEN 2017 OMEOPATIA
Bambini in auto: ecco le nuove norme sui seggiolini 18 GEN 2017 INFANZIA
Attenzione, ritirato farmaco contro febbre e diabete dalle farmacie 17 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come vivere più a lungo riducendo il sale del 10% 13 GEN 2017 SALUTE
Tatuaggi e psoriasi: qual è il legame? 13 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
USA, e se Trump cambiasse le politiche sui vaccini? 13 GEN 2017 AUTISMO
Sai perché lo stress fa male al cuore? 13 GEN 2017 SALUTE
Troppi decessi a causa del fumo, anche passivo 11 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Ocse: “Nella sanità sprecati 2 euro su 10” 11 GEN 2017 SALUTE
La dieta mediterranea rallenta l'invecchiamento 11 GEN 2017 ALIMENTAZIONE
Sonno: cosa mangiare la sera per dormire bene? 9 GEN 2017 SALUTE
Ecco come lo smog danneggia il tuo cervello 9 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Meningite, gli esperti Iss: “l'epidemia è solo mediatica” 9 GEN 2017 VACCINAZIONI
L'inquinamento aumenta il rischio di Alzheimer e malattie cardiovascolari 4 GEN 2017 SALUTE
Sai che effetto ha l'abuso di alcol sul tuo cuore? 4 GEN 2017 SALUTE
Lombardia: via libera agli animali in ospedali e case di cura 4 GEN 2017 ANIMALI
Meningite. Ministero: “nessuna epidemia, numeri in calo” 4 GEN 2017 VACCINAZIONI
Indennità per danni da vaccini e trasfusioni: in arrivo in Veneto 2 GEN 2017 VACCINAZIONI
La verità sul marketing dei farmaci in Europa 2 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pfas in Veneto: quanto è inquinata l'acqua che bevi? 2 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Muore dopo il vaccino antinfluenzale: avviata indagine 23 DIC 2016 VACCINAZIONI
Paracetamolo e aspirina ti fanno diventare sordo? 23 DIC 2016 DENUNCIA SANITARIA
Legumi o carne: quali sono le proteine che saziano di più? 21 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Demenza: la sauna protegge il cervello 21 DIC 2016 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione