Salute

I nove sintomi più comuni dell’Alzheimer


CATEGORIE: Salute

alzheimer
Il morbo di Alzheimer è una malattia fatale del cervello che provoca un lento declino delle capacità di memoria, di pensiero e di ragionamento

Si celebra in tutto il mondo la XIII Giornata dell'Alzheimer, malattia che nel nostro Paese colpisce circa 600mila persone, ovvero circa 5 over 60 su dieci. Il morbo di Alzheimer è una malattia fatale del cervello che provoca un lento declino delle capacità di memoria, di pensiero e di ragionamento. Si tratta della forma più comune di demenza che, nella fase finale interferisce gravemente con le attività quotidiane.

Sebbene ci sia oggi maggiore consapevolezza che in passato, il tempo medio con cui si arriva a una diagnosi è ancora di quasi 2 anni. Tra gli errori da evitare vi è quello di concentrarsi troppo sul sintomo più frequente, ovvero la perdita di memoria. Infatti, a seconda della parte del cervello attaccata, in alcuni casi la malattia potrebbe manifestarsi con altri sintomi che dovrebbero suonare come campanelli d'allarme.

Ecco quindi quali sono tutti i sintomi dell'Alzheimer.

Perdita di memoria
Dimenticare nomi, numeri, date ed eventi. È così che si caratterizza l’esordio dell’Alzheimer.
Altri segnali sono il chiedere più volte le stesse informazioni e affidarsi sempre più spesso a promemoria o agende per non dimenticare gli appuntamenti.

Difficoltà nelle attività quotidiane
I malati di Alzheimer possono manifestare difficoltà di concentrazione ed impiegare molto più tempo di prima nel fare le cose.

Disorientamento nel tempo e nello spazio
Un malato di Alzheimer può perdersi in vie familiari o arrivare a non sapere dove si trova e perché sia in un certo posto. Può anche perdere il senso delle date, delle stagioni e del passare del tempo.

Problemi nel linguaggio
Difficoltà a seguire o partecipare a una conversazione, ripetere cose appena dette, bloccarsi all’improvviso, dimenticare parole semplici e sostituirle con parole improprie. L'Alzheimer si manifesta anche con problemi nel linguaggio.

Non trovare le cose
Le persone malate di Alzheimer possono lasciare gli oggetti in luoghi insoliti e spesso, non trovando più gli oggetti, possono accusare altri di averli rubati.

Ridotta capacità di giudizio
I malati di Alzheimer possono vestirsi in modo davvero inappropriato e dare prova di scarsa capacità di giudizio anche nel maneggiare il denaro, per esempio lasciando una somma molto elevata come mancia a un cameriere. Può succedere anche che prestino meno attenzione alla cura della propria persona.

Difficoltà nel pensiero astratto
Per il malato di Alzheimer riconoscerei numeri o fare semplici calcoli può essere davvero impossibile

Cambiamenti di umore e personalità
Confusi, depressi, sospettosi e suscettibili. L’umore e la personalità delle persone che soffrono del morbo di Alzheimer possono cambiare nel corso della malattia.

Mancanza di iniziativa
Chi soffre di Alzheimer perde progressivamente interesse per le proprie attività preferite.

La fase iniziale di questi sintomi, chiamata demenza lieve, ha una durata media di 2-4 anni.
La fase successiva, la demenza moderata, può durare in media da 2 a 10 anni e si caratterizza per un aggravamento dei sintomi. La fase terminale della malattia, la demenza grave, dura in media 3 anni. In questa fase la persona è totalmente dipendente e richiede continua assistenza, perde la capacità di parlare e di capire, è incapace di riconoscere i propri familiari e non è in grado di vestirsi, mangiare e lavarsi da solo. Non riconosce più i propri oggetti e la propria casa.

Il decorso della malattia può variare da persona a persona. In media un malato di Alzheimer vive tra gli 8 e i 10 anni dopo la diagnosi.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Il Regno Unito verso una tassa sulle bevande zuccherate 29 MAR 2017 SALUTE
Qual è la migliore cura dopo un infarto o ictus? 29 MAR 2017 SALUTE
Medici e infermieri: 1 su 3 teme gli effetti avversi dei vaccini 29 MAR 2017 VACCINAZIONI
Inutili e dannosi: ecco la lista dei farmaci da evitare 27 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Italia, il Paese più sano al mondo 27 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccinazioni: in piazza per la libertà di scelta 22 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Risolvere casi difficili con l'omeopatia”: il XXII seminario internazionale di Medicina Omeopatica 22 MAR 2017 OMEOPATIA
Frutta e verdura fanno bene anche all'umore 20 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
A che ora è meglio mangiare per proteggere il cuore? 17 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
“Basta cellulari ai bambini”: i pediatri lanciano l'allarme 17 MAR 2017 INFANZIA
Quali sono i benefici della dieta "mima-digiuno"? 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Menopausa: ecco cosa mangiare per rafforzare le ossa 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Bambini: troppo fruttosio è come l'alcol per il fegato 13 MAR 2017 INFANZIA
L'agopuntura previene l'emicrania senza aura 13 MAR 2017 SALUTE
Sostanze tossiche negli imballaggi: ecco gli alimenti a rischio 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura: ecco la quantità giusta per vivere più a lungo 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Cancro al colon-retto, quanto incide lo stile di vita? 8 MAR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cancro: contro la fatica lo sport è meglio dei farmaci 8 MAR 2017 SALUTE
Mirtilli per la memoria, un elisir di giovinezza 8 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Glifosato: anche la Toscana verso il bando 6 MAR 2017 SALUTE
Dieci consigli per vivere dieci anni più a lungo 6 MAR 2017 SALUTE
L'inquinamento uccide 1,7 milioni di bambini l'anno nel mondo 6 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Antibiotico-resistenza: la lista dei 12 batteri più pericolosi 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: quanto cibo buttiamo e perché? 3 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Pfas in Veneto: analisi sui pozzi e controlli per 80mila cittadini 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Asma e psoriasi: nella prugna una potente arma 1 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Coloranti e allergeni, come leggere l'etichetta? 27 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Bronchiti: “gli antibiotici non servono e aggravano un problema mondiale” 27 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come rafforzare le difese immunitarie dei bambini? 24 FEB 2017 INFANZIA
Europa: resta alta la resistenza agli antibiotici 24 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione