Salute

Il nuovo terreno di sfida? I Biosimilari

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Salute

La lotta futura tra farmaci brand e generici si giocherà sul terreno dei medicinali cosiddetti biosimilari. Entro un paio d’anni infatti, quasi tutti i farmaci più importanti non saranno più coperti da brevetto e si apriranno le porte al generico, riducendo gli introiti dei produttori originali. Il vero business, si sposterà quindi sul fronte dei medicinali “biosimilari”: «Vent’anni fa – spiega il professor Antonio Panti, presidente dell’Ordine dei medici di Firenze – sono entrati in commercio i primi farmaci biotecnologici, basati su sostanze ottenute da cellule viventi (batteri, lieviti o cellule di mammifero). Dal 2006, i primi brevetti sono scaduti e questo ha aperto la via ai biosimilari».

Diversamente dai generici, la loro efficacia rispetto agli originali non può essere verificata attraverso la bioequivalenza. «Ogni farmaco biosimilare ha un ciclo produttivo a sé, diverso da quello degli originali. Diverso però non significa peggiore. Anzi, può essere anche migliore. L’efficacia in questo caso la si può verificare solo tramite un controllo dei risultati clinici».

I controlli dell’Emea (l’agenzia europea del Farmaco) e della statunitense Food and Drug administration sono rigidi e meticolosi. La Commissione europea comunque sostiene lo sviluppo dei biosimilari, perché meno costosi e altrettanto sicuri degli originali: «I farmaci biosimilari offrono nuove opportunità, sia per la crescita della nostra industria generica, sia per il controllo della spesa sanitaria a livello nazionale», dichiarò un paio d’anni fa commissario europeo all’Industria, Gu?nter Veheugen. Ovviamente, di tutt’altro avviso le industrie produttrici degli “originali” che hanno già avviato campagne mediatiche e convegni per screditare i loro concorrenti.

«Per i biosimilari – commenta Giorgio Foresti, presidente di Assogenerici - si cerca di imporre lo stesso copione adottato con i generici, compresi gli attacchi infondati sul piano della sicurezza. I biosimilari sono sottoposti a procedure di registrazione e programmi di farmacovigilanza più stringenti di quelli in atto per gli originatori. E infatti, negli Stati Uniti, l’amministrazione Obama si è mossa per ridurre la durata del brevetto dei farmaci biologici, così da garantire, grazie ai biosimilari, a un sempre maggior numero di cittadini terapie altrimenti costose».



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o o o o x  | Votazioni (1)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera) 2 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23 21 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening 31 GEN 2013 ATTUALITà
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto 3 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi) 26 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista 24 APR 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione