Infanzia

I servizi sociali sequestrano bimbo dopo che i genitori rifiutano diagnosi di ADHD

Traduzione a cura di: Emanuela Lorenzi

Fonte: naturalnews.com



bambino ombra

Una coppia dell'Ohio, Christian e Katie Maple, ha perso la custodia di uno dei loro figli dopo aver confutato la valutazione di sanità mentale del bambino da parte della scuola. Camden Maple, un bambino di sette anni, ha cinque fratelli, gli piacciono Star Wars, i Pokémon, il calcio, i videogiochi e i Lego. Ama scrivere storie e disegna fumetti. Nonostante possa sembrare un ragazzino americano normale, creativo e pieno di immaginazione che talvolta, come dice sua madre, può diventare un po' “turbolento”, la sua scuola ha deciso che aveva bisogno di assistenza psichiatrica.

La scuola lo ha dichiarato affetto da ADHD (sindrome da deficit di attenzione e iperattività), ma i suoi genitori, che lo conoscono meglio di chiunque altro, credono che le sue azioni "turbolente" derivino principalmente dalla noia e dal non essere abbastanza stimolato in classe. Camden è risultato di un anno avanti rispetto alla sua classe e spesso finisce i compiti prima degli altri. Quando impiega il suo tempo libero a scarabocchiare, Camden viene punito per la sua creatività.

Questo fa di lui un bambino disobbediente o cattivo? Secondo i gestori della scuola elementare Bowman a Lebanon, in Ohio, sì. Hanno deciso che Camden era “mentalmente instabile” e aveva bisogno di aiuto professionale di tipo psichiatrico per gestire la sua disabilità. 

“Noi come genitori non abbiamo a casa i problemi che la scuola dice di avere con lui. Sappiamo come gestire uno scatenato di 7 anni, mentre la scuola si limita a fargli credere che sia un cattivo bambino: noi non siamo d'accordo,” ha dichiarato la signora Maple.

I servizi sociali sequestrano il ragazzino dopo una battuta stupida a scuola
In seguito a un incidente a scuola, Christian e Katie sono stati convocati per prendere il figlio.  Era stato un po' distruttivo in classe e aveva detto allo psicologo della scuola che voleva “cancellarsi dalla Terra” perché era un bambino cattivo.

Anziché cercare un aiuto psichiatrico, i Maple hanno deciso di avere prima una lunga conversazione con il proprio figlio, occupandosi della questione a livello famigliare. Durante la loro lunga chiacchierata, Camden ha spiegato che non intendeva affatto farsi del male e che lo aveva detto solo perché era arrabbiato e voleva vedere come avrebbe reagito lo psicologo. I genitori hanno aggiunto che prima della frase incriminata, Camden non aveva mai parlato di farsi del male.

La scuola  pensa che lui sia un ADHD; noi genitori non siamo d'accordo” hanno spiegato i Maple. “Noi crediamo che questo sia dovuto al fatto che si annoia e non è abbastanza stimolato in classe. La scuola ha tentato a più riprese di convincerci a fargli diagnosticare l'ADHD così potevano dargli psicofarmaci.”

I Maple hanno anche dato consigli agli insegnanti su come gestire Camden. Hanno spiegato che lui scarabocchia o diventa irrequieto perché si annoia, non perché ha l'ADHD. I loro commenti e suggerimenti sono stati tutti ignorati e la scuola ha deciso di chiamare i servizi sociali (CPS, Servizio tutela minori), accusandoli di “negligenza sanitaria”.

Dopo diverse visite a casa loro, otto ufficiali di polizia hanno circondato la casa della coppia il 3 marzo 2017 e hanno prelevato Camden in base a false accuse e falsa diagnosi di ADHD. Invece di cercare di risolvere il problema - facendogli saltare un anno o dandogli compiti extra - i servizi sociali hanno sottratto un bambino sano alla sua amorevole famiglia, lo hanno etichettato con una malattia mentale e lo hanno messo sotto farmaci e terapia forzata per ADHD.

Camden non aveva mai mostrato segni di depressione o intenzione di fare del male a se o agli altri. È solo troppo intelligente per la sua età e quindi si annoia. Nonostante ciò, la scuola ha chiamato i servizi sociali quando i Maple non hanno accettato la richiesta di diagnosticarlo come ADHD e di trattarlo con farmaci. 

I Maple stanno ancora lottando per riavere il loro bambino e si chiedono se sono vittime di una scuola avida di denaro che voleva finanziamenti grazie alla sua diagnosi di bambino con esigenze speciali. Il mondo è impazzito?



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Non è colpa dei bambini - I Disturbi dell'Apprendimento  Stefano Scoglio   Macro Edizioni

Non è colpa dei bambini - I Disturbi dell'Apprendimento

Disattenzione, iperattività e ADHD: i pericoli del Ritalin e il ruolo della Nutrizione

Stefano Scoglio

Questo libro è già stato stampato con il titolo "Non è Colpa dei Bambini" Disattenzione, iperattività e ADHD: i pericoli del Ritalin e il ruolo della Nutrizione - Prefazione dell'Avv. Luca Poma portavoce nazionale dell'Associazione "Giù le Mani dai Bambini" L'ADHD, sigla che indica l'insieme dei disordini legati… Continua »
Pagine: 136, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
5,90 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Amy Goodrich

I contenitori di plastica ti stanno avvelenando? 5 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini e crescita del tumore: la proteina nagalese 2 AGO 2016 VACCINAZIONI
Quanto tempo passano i bambini all'aria aperta? 24 GIU 2016 DENUNCIA SANITARIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione