Salute

Sensualità e abbondanza con l’Arancione


CATEGORIE: Salute

autunno
L'arancione è la tinta che caratterizza l’autunno il famoso “tempo del raccolto”

Già era 'l sole a l'orizzonte giunto
lo cui meridïan cerchio coverchia
Ierusalèm col suo più alto punto;

e la notte, che opposita a lui cerchia,
uscia di Gange fuor con le Bilance,
che le caggion di man quando soverchia;

sì che le bianche e le vermiglie guance,
là dov'i' era, de la bella Aurora
per troppa etate divenivan rance.
(Dante, Purgatorio, canto II)


Entusiasmante come il passo dell’aurora, intenso come un tramonto infuocato, invitante come un frutto estivo, l’arancione trae il suo nome dall’omonimo agrume.
Anticamente veniva confuso con il rosso, ma con la progressiva diffusione del frutto orientale ha potuto conquistare l’onore della distinzione.

E’ un colore secondario e deriva dalla fusione del rosso e del giallo di cui mantiene rispettivamente forza e dinamismo, smorzandone gli eccessi. Degli stessi fonde anche passionalità e sapienza ed è nell’equilibrio di questa mistura che, l’arancione, esprime al meglio la propria natura.
Fisiologicamente restituisce sensazioni di calore, stimola la circolazione e incrementa l’appetito.
Frequentemente usato nell’araldica, indica valori di generosità e lealtà.

Nella nostra cultura storica, se il velo delle spose, nell’antica Roma, era rosso carminio l’abito nuziale era arancione, ad identificare l’intensità dei sentimenti che si andavano a celebrare.

Oltre a questo però l’arancione è anche il colore che simboleggia la fecondità, la vitalità e l’armonia, la capacità di vivere serenamente il piacere ed esprimere nella pienezza le proprie risorse creative; non a caso è la tinta che caratterizza l’autunno il famoso “tempo del raccolto”, periodo in cui anticamente venivano solennizzate feste di ringraziamento e riti nuziali.

Anche in Oriente, secondo il Feng Shui, espressione della taoismo cinese, questo colore era ritenuto portatore di fortuna e preposto alla tutela della socialità e del matrimonio.
Nelle corrispondenze con la filosofia indiana è il colore del secondo chackra, il Svadhishthana, collocato nell’area pubica, tra l’osso sacro e la quinta vertebra lombare.

E’ il chackra femminile (yin) per eccellenza: collocato alla base dell’apparato riproduttivo è legato ai flussi idrici del corpo  e sensibile alle fasi lunari. Gli organi che gli sono collegati sono l’utero, le ovaie, i testicoli, la prostata, l’intestino, i reni e la vescica.

Dal punto di vista emotivo regola l’Inconscio e la gestione dei ricordi, consapevoli o rimossi, determinando il senso del Se e del valore, l’autostima, il proprio essere in relazione agli altri e la capacità di rinnovarsi.

Se equilibrato dona fascino, sensualità, entusiasmo, elasticità mentale ed armonia in genere; iperattivo determina ossessioni sessuali ed eccessivo edonismo; bloccato, oltre alla paura dei cambiamenti e ai sensi di colpa, causa sensazioni di aridità interiore, inflessibilità e abnegazione.

Un buon funzionamento del centro sacrale può essere stimolato con la pratica della danza e delle arti marziali.
Nella cristalloterapia le gemme utilizzate sono la corniola, la tormalina, l’ambra e la pietra di luna.
Nel linguaggio simbolico dell’antica disciplina alchemica l’elemento associato al secondo chackra è l’acqua, la base della vita e del nutrimento; il pianeta che gli corrisponde la Luna, con tutto il suo fascino e i suoi movimenti, il segno zodiacale il cancro.
Dal punto di vista olfattivo gli aromi in sintonia con il Svadhishthana sono l’ylang-ylang, per le sue capacità stimolanti, il sandalo, perché sensuale e rilassante, il mandarino, armonizzante e  gioioso, il coriandolo, capace di smorzare l’eccessivo senso del controllo.


Per saperne di più
Pietra di luna: favorisce l’interazione tra gli emisferi celebrali e dona il giusto equilibrio nella gestione delle emozioni. Rasserena le donne e addolcisce gli uomini. La tradizione la vuole collegata alla fertilità e all’intuito.
Ambra: non è una pietra ma una resina fossile; dona armonia e favorisce una sana e serena interazione con il mondo esterno.
Tormalina nera: Purifica gli ambienti, si utilizza per la protezione dai campi elettromagnetici dei computer e dei cellulari. Scioglie i ristagni di rabbie e paure.
Corniola: favorisce l’autostima, energizza, stimola la creatività e fortifica la volontà.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o x x x x  | Votazioni (3)

Articoli di Tiziana Galli

Viola: tra fascino e mistero 16 LUG 2011 SALUTE
L’indaco delle meraviglie 20 GIU 2011 SALUTE
Il blu debutta in società 15 GIU 2011 SALUTE
Verde come l’erba del più bel giardino 27 MAG 2011 SALUTE
Giallo: un raggio di luce che illumina la mente 27 APR 2011 SALUTE
Il colore rosso 1 APR 2011 SALUTE





Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione