Medicina preventiva

Ridurre il rischio di cadute nell’anziano

Fonte: filippo-ongaro.it



anziani
Se, almeno 5 giorni alla settimana, tutti facessimo una passeggiata di 30’ e semplici esercizi per rinforzare il corpo, saremmo più in salute

La predisposizione a cadere aumenta progressivamente con l’età e con la sedentarietà. La caduta può avere effetti deleteri sull'organismo fragile di una persona anziana. Vediamo alcune strategie per ridurre il rischio e la paura di cadere.

La predisposizione a cadere aumenta progressivamente con l’età e con la sedentarietà. Se consideriamo che nell’anziano spesso coesistono più patologie che rendono il suo orga­ni­smo “fra­gile”, possiamo comprendere come una caduta possa causare effetti deva­stanti soprat­tutto nelle donne affette da osteoporosi.

Nel caso di caduta improv­visa di un anziano, le conseguenze possono essere molto serie e la possibilità di fratture di polso, femore o anche  vertebrali, possono richiedere interventi chirurgici con il rischio di  importanti ripercussioni sull’autonomia e sulla salute dei pazienti.

In seguito a cadute spesso ripe­tute anche senza con­se­guenze, l’anziano può sviluppare una grande paura a ricadere che lo induce ad avere una eccessiva cautela nei movimenti con impoverimento delle attività e conseguente riduzione dell’equilibrio e del tono muscolare: la paura di cadere paradossalmente aumenta il rischio di cadute.

L’esercizio fisico previene il grave e rapido decremento della massa ossea e del tono muscolare, e migliorando la forza, l’equilibrio e la mobilità, diminuisce il rischio di caduta e quindi si riduce in maniera significativa il rischio di frattura del femore (Carter ND et al. Community-based exercise program reduces risk factors for falls in 65 to 75 year old women with osteoporosis: randomized controlled trial. CMAJ 2002; 167: 997‑1004).

Solo l’attività fisica sembra conservare ad ogni età la forza muscolare, i riflessi e l’equilibrio, trasformando la paura di camminare in piacere di muoversi.  La promozione di programmi educazionali volti ad implementare l’esercizio fisico nella popolazione adulta di qualsiasi  età costituirebbe già da sola una strategia preventiva efficace ed utile nell’età anziana.

Se, almeno 5 giorni alla settimana, tutti facessimo una passeggiata di 30’ e  semplici esercizi per rinforzare il corpo, saremmo più in salute e con l’ulteriore vantaggio di riduzione della spesa sanitaria.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (2)

Articoli di Simone Diotallevi

Strategie per la prevenzione degli infortuni 24 GEN 2013 MEDICINA PREVENTIVA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione