Omeopatia

Uso dei rimedi complementari e dei rimedi collaterali. Un caso clinico illustrativo

Fonte: Il Medico Omeopata


CATEGORIE: Omeopatia

omeopatia

Nella mia ricerca del rimedio omeopatico più adatto al paziente cerco sempre di trovare una sostanza che possa agire il più profondamente possibile. Sono convinto che ogni essere vivente, quanto meno gli esseri umani (non posso esserne certo per gli animali non avendo esperienza sufficiente di trattamenti omeopatici veterinari), abbia un rapporto speciale con una sola sostanza ritrovabile in natura e che questa sostanza accompagni il paziente dal momento della sua nascita fino al passaggio a miglior vita (dove ci si augura non servano né farmaci né rimedi omeopatici).

 

È incredibile poter vedere la coerenza con cui un organismo produce sintomi che appartengono allo stesso rimedio omeopatico alla nascita, nell’infanzia, nell’adolescenza e in tutte le altre fasi della vita. Sono riuscito a risolvere casi in persone anziane, dove la sintomatologia era confusa, semplicemente valutando quale rimedio sarebbe stato utile nelle manifestazioni sintomatologiche occorse in passato. Un rimedio omeopatico che copra la sintomatologia di tutta o quasi la vita del paziente è considerabile come rimedio costituzionale.

 

Ho in terapia molte famiglie (tre generazioni: bambini, genitori e nonni, oltre a parenti meno stretti) e mi sono soffermato spesso a fare una specie di mappa omeopatica della famiglia. È sorprendente vedere come si ritrovino una serie di ripetizioni di rimedi o comunque di similitudini in termini di famiglie omeopatiche.

 

Mi è capitato spesso di vedere che i bambini abbiano bisogno di assumere lo stesso rimedio della madre o del padre, che non sempre corrisponde al marito, o di qualche familiare. Più volte ho potuto curare in modo brillante e particolarmente rapido coliche del lattante in bambini molto piccoli, dove non c’erano sintomi indicativi per la prescrizione, semplicemente ripetendo lo stesso rimedio della madre o del padre. Questa ipotesi non contempla che il rimedio debba risolvere sempre tutti i problemi fisici e psichici di un paziente, in quanto, nel corso della vita, si possono creare delle “situazioni” particolari dove l’influenza esterna è particolarmente intensa e porta il paziente ad aver bisogno di un rimedio differente, che io definisco rimedio “situazionale”.

 

Un trauma particolarmente importante può portare alla prescrizione di rimedi più specifici come Arnica, Ledum palustre, Hypericum o altri, sempre in accordo con la Legge di similitudine; stati influenzali richiedono, a volte, la somministrazione del rimedio dell’epidemia in quanto la sintomatologia è simile in pazienti diversi; e ancora possono esserci sintomatologie che in qualche modo non si accordano con la prescrizione del rimedio di base. Però è per me importante trovare una logica nell’evoluzione sintomatologia del paziente e ho ritrovato questa logica nella complementarietà tra rimedi. È mia grande soddisfazione vedere lo stesso rimedio agire sia nello stato cronico che negli stati acuti o subacuti, ma non sempre il paziente manifesta la sua sintomatologia per il proprio rimedio di costituzione. Quando la sintomatologia è compatibile con un rimedio complementare ecco che viene comunque soddisfatto il mio desiderio di coerenza.

 

Molti autori classici come Boenninghausen, Hering, Gibson, Miller, Kent hanno scritto molto a riguardo i rapporti tra i vari rimedi, fondamentalmente cercando di chiarire il ruolo dei cosiddetti rimedi complementari. Si è sempre detto che per rimedio complementare si intende un rimedio che continua o completa l’azione del rimedio che ha agito in precedenza, oppure che quando un rimedio fallisce la cura completa a causa della sua sfera limitata d’azione, sarà necessario un complementare per continuare il processo e completare la cura. Personalmente credo che il rapporto di complementarietà non sia questo, ma si esplichi soprattutto negli stati acuti: mi aspetto cioè che un rimedio come Calcarea carbonica manifesti i suoi stati acuti per rimedi come Belladonna o Rhus tox, che Sulphur abbia febbri compatibili con la sintomatologia di Aconitum, che Silicea sviluppi sintomi acuti per Pulsatilla, che cioè il paziente esprima il proprio modo di essere con una sintomatologia che ha una logica per la sua costituzione. In questo caso l’efficacia del rimedio complementare conferma la scelta del rimedio cronico.

 

Nei libri che indicano i rimedi complementari si ritrova spesso una colonna di “collaterali”. I rimedi collaterali sono quelli che vanno messi in diagnosi differenziale, ma le indicazioni riguardano fondamentalmente il tropismo specifico del rimedio e non la totalità; purtroppo non ci sono testi dove siano indicate le diagnosi differenziali sulla totalità dei sintomi, cioè rimedi che si assomiglino sia dal punto di vista fisico che psichico. Il caso clinico che segue dimostra l’importanza di conoscere i rapporti tra i rimedi omeopatici.

 

IL CASO CLINICO

PRIMA VISITA – 9 marzo 2001

Il paziente è nato nel 1962, è coniugato, ha due figlie, di professione idraulico. Si presenta alla prima visita lamentando diversi problemi: pitiriasi versicolor, emorroidi, cervicalgia e lombalgia. Decide di venire in visita dopo aver visto i buoni risultati ottenuti con l’omeopatia dalla moglie e dalla figlia, anche se tende ad essere un po’ scettico. È una persona brillante, risponde con spirito alle mie domande spiegando, senza grosse esitazioni, i disturbi che lo affliggono. Si lamenta soprattutto della lombalgia, di cui soffre in modo ricorrente, e che lo obbliga a degli stop forzati sul lavoro e soprattutto all’assunzione di farmaci tradizionali.

 

L’ultimo episodio è stato parecchio invalidante ed ha richiesto un riposo assoluto di 7 giorni con terapia medica intramuscolo (Muscoril + Voltaren per 7 giorni). Mi racconta che il suo mal di schiena in genere si accentua soprattutto quando si alza dopo essersi piegato in avanti e migliora se sta sdraiato, soprattutto sul pavimento; inoltre, in genere, necessita di applicazioni calde per avere miglioramento. Mi dice però che, in generale, é caloroso e scopre i piedi e le gambe durante la notte.

 

Le sue preferenze alimentari sono soprattutto i dolci e alla mia domanda: Che tipo di dolci? Mi risponde: Un po’ tutto, cioccolato, gelato, ghiaccioli … e la moglie, presente durante la visita, conferma dicendo: Può mangiare fino a dieci ghiaccioli ogni sera! Tre giorni fa ho comprato trenta ghiaccioli e ora sono finiti!. Dieci ghiaccioli a sera??? Domando io, ottenendo come risposta: Si, dieci ghiaccioli, ma posso anche mangiare 500 grammi di cioccolato con le nocciole oppure 1 chilo di mandarini. Gli chiedo se in genere sia stato un po’ eccessivo nelle sue manifestazioni e mi confessa un passato di tossicodipendente. Chiedo: Che tipo di sostanze? E lui tranquillissimo: Tutte! Eroina, hashish, cocaina… Ma qual è la sostanza che sente più vicina a sé? Chiedo io e lui mi risponde: Senza dubbio la cocaina. È fatta … il caso mi sembra chiaro, in pochi minuti ho ottenuto informazioni molto interessanti, ora devo solo confermare la prescrizione. Infatti il paziente risponde ad alcune mie domande dicendo che è un po’ superstizioso, ama il mare, ama viaggiare, ha avuto verruche in passato. Inoltre, al termine della visita, la moglie mi confessa le non infrequenti scappatelle del marito.

 

Il caso è molto semplice e sicurissimo prescrivo MEDORRHINUM MK, 3 gocce per 3 volte al giorno per 3 giorni e poi 3 gocce 1 volta al giorno.

 

FOLLOW UP

Dopo qualche settimana lo risento, mi dice che la pitiriasi ha avuto un lieve aggravamento iniziale ed ora sembra in via di miglioramento, ha avuto un mal di testa passato velocemente assumendo il rimedio più spesso, ha avuto anche un po’ di lombalgia, ma nulla di grave. Sono abbastanza soddisfatto e proseguo con la stessa diluizione. Dopo tre settimane chiama il Centro riferendo al medico di guardia un mal di schiena molto forte per cui viene prescritto Medorrhinum MK ogni ora. Il mattino dopo non c’è stato alcun miglioramento, nemmeno passando alla diluizione XMK.

 

Repertorizzo e decido di cambiare rimedio, in quanto non c’è stato il miglioramento sperato e il paziente riferisce sintomi che non sono coperti da Medorrhinum. Mi dice che il dolore peggiora camminando e stando seduto. Quando cammina deve procedere con il busto piegato in avanti e quando è seduto deve tenere la stessa posizione, piegato in avanti. Metto alcuni rimedi in diagnosi differenziale, chiedo se ha la necessità di spingere con i pugni dietro la schiena (sintomo per me importante nella prescrizione di Kali carbonicum), mi risponde di no e decido di prescrivere SULPHUR MK, tre gocce ogni quindici minuti.

 

Dopo 2 ore il dolore migliora nettamente e il giorno dopo mi dice: L’Omeopatia fa miracoli! Sono contento; questa prescrizione mi soddisfa, so che Sulphur è rimedio complementare a Medorrhinum. Cerco sempre di trovare una logica nella prescrizione di un rimedio e se c’è un rapporto di complementarietà è per me una possibile conferma della giusta prescrizione del rimedio di fondo. Non mi sfiora minimamente l’idea che Medorrhinum non sia adatto a questo paziente, d’altronde mi sembra la materia medica vivente di questo rimedio.

 

Nei mesi successivi continuo con la prescrizione di Medorrhinum, ma il paziente non trova alcun beneficio pur utilizzando XMK, LMK, CMK, 500Mf e MMf (f = flusso continuo). Sono arrivato alla diluizione 1 milione, perché il rimedio non funziona? Eppure il rimedio deve essere giusto. Cerco mille spiegazioni possibili: forse c’è un blocco, forse il rimedio non è stato succusso, forse il paziente doveva usare la Bibbia per la dinamizzazione o forse beve troppi caffè? Scuse inutili, alla fine mi arrendo, il rimedio è sbagliato. Mi consolo, non è certo la prima volta che sbaglio rimedio, non sarà la fine del mondo, ma era un così bel caso di Medorrhinum e l’avevo anche in video!

 

Analizzo di nuovo il tutto e mi do mille volte dello stupido, ostinato e testardo, maledico (per modo di dire) il mio maestro Alfons Geukens che mi ripeteva sempre Don’t change your remedy! non cambiare il rimedio se sei sicuro, aspetta il tempo necessario, usa più diluizioni ecc. ecc. Ma è chiaro, il paziente è simpatico, si fa … gli affari suoi, è caloroso, scopre i piedi di notte, ha un problema di pelle, e in più ha reagito ottimamente a Sulphur per il mal di schiena, ma certo Sulphur è il rimedio giusto!

 

Decido di dare quotidianamente Sulphur, MK, poi XMK, poi anche LMK, ma risultato? Zero! Sono allibito, non è possibile. Cosa c’è che non va?

 

RIANALISI DEL CASO

Devo ragionare. Il ragionamento in omeopatia è essenziale soprattutto quando un rimedio fallisce. Bene, ero assolutamente convinto che Medorrhinum fosse il rimedio giusto, quindi devo prescrivere un rimedio collaterale di Medorrhinum, cioè un rimedio che sia molto simile a Medorrhinum. In questo caso dovrei usare uno di quei libretti che danno indicazioni su rimedi complementari, rimedi che seguono bene, nemici e collaterali. Infatti Michael Barthel nella presentazione del libretto di Seider (2), dice: La sesta colonna è composta dai rimedi collaterali, il cui raggio d’azione corre parallelo e che potrebbero essere visti come alternativa al rimedio selezionato in precedenza. I rimedi indicati come collaterali di Medorrhinum sono Baryta carbonica, Natrum muriaticum, Psorinum e Thuja. Ma nessuno di questi rimedi assomiglia a Medorrhinum. Perché sono indicati questi rimedi?

 

In realtà spesso i rimedi indicati come collaterali sono messi in diagnosi differenziale non nella totalità del rimedio, ma solo parzialmente. Quindi queste informazioni non mi sono utili, devo pensare a un rimedio che sia davvero simile nella totalità a Medorrhinum. Il secondo punto, inattaccabile, è che il paziente, pur non essendo Sulphur, ha risposto più volte meravigliosamente a Sulphur e non ho certo fatto una soppressione! Quindi, in accordo con la mia visione dell’omeopatia, devo avere un rimedio molto vicino a Medorrhinum, che abbia Sulphur come rimedio complementare e che naturalmente copra la sintomatologia del paziente, quanto meno riguardo ai suoi problemi cronici! Il rimedio che secondo me è molto vicino a Medorrhinum è Cannabis sativa. Medorrhinum ha 2945 sintomi nel repertorio, Cannabis sativa 2508, in comune ne hanno 469, hanno in comune il tropismo genito–urinario, la tendenza sicotica, ma soprattutto hanno in comune l’atteggiamento “libertino”.  Devo verificare quali sono i rimedi complementari a Cannabis sativa, cerco e ne trovo tre: Thuja, Mercurius corrosivus e … Sulphur!

 

Ora si va alla valutazione dei sintomi.

 

Cannabis sativa è un rimedio di emorroidi ed è anche nella rubrica Desiderio di ghiaccio. Chiedo ulteriormente al paziente di spiegarmi meglio i suoi sintomi dermatologici, su cui in prima visita non mi ero soffermato più di tanto, considerando che il quadro sembrava calzare perfettamente a Medorrhinum. Mi spiega che il prurito è soprattutto nelle zone in cui suda. Cerco la rubrica: Skin – Itching – perspiring parts / Pelle – Prurito – zone che traspirano e trovo ventisei rimedi tra cui Cannabis sativa. Altre rubriche di Cannabis sativa che possono descrivere la sua dermatite sono: Skin – Eruptions – coppery; Skin – Discoloration – red – spots – coppery e Skin – Discoloration – red – spots – brownish red. Decido quindi di prescrivere CANNABIS SATIVA MK 3 gocce per 2 volte al giorno per 7 giorni.

 

Dopo una settimana le macchie sono scomparse, la pitiriasi versicolor è guarita! In quel momento non aveva altri fastidi: le emorroidi non erano né dolenti né sanguinanti, il mal di schiena e la cervicalgia non presenti. Dopo qualche settimana, mi richiama e mi dice: Ho mangiato delle fragole e, come spesso mi capita con questo frutto, ho prurito un po’ in tutto il corpo. Ripeto il rimedio frequentemente e il prurito passa molto rapidamente, dopo poche somministrazioni. Da allora questo sintomo, che non era stato riferito durante la prima visita, non si è più ripresentato e il paziente può tranquillamente esagerare con le fragole. Da allora chiedo a tutti i pazienti a cui prescrivo Cannabis sativa (non sono molti purtroppo…) se hanno disturbi dalle fragole, per confermare l’eventuale aggiunta del rimedio alla rubrica: Generals – Food and Drinks – strawberries – agg.

 

Il paziente ha iniziato ad assumere Cannabis sativa nel settembre 2002 e, da allora, ha usato per il mal di schiena, nuovamente Sulphur, con risultati molto rapidi e molto meno frequentemente rispetto a prima. La somministrazione del rimedio di fondo ha permesso che le condizioni della sua schiena migliorassero notevolmente con una netta riduzione della frequenza degli episodi, anche se, quando si ripresenta il dolore, Cannabis sativa non è efficace. In questo caso è stato quindi necessario utilizzare il rimedio costituzionale (ormai dopo 5 anni posso definirlo tale) e un rimedio complementare per affrontare la riacutizzazione della lombalgia. Inoltre emorroidi, cervicalgia e pitiriasi versicolor non si sono più ripresentati. In quanto alla fedeltà alla moglie… non ci giurerei!

 

CONCLUSIONI

Il caso dimostra come la conoscenza dei rapporti tra rimedi possa essere fondamentale per arrivare alla prescrizione più adatta. Quando prescrivo un rimedio con cui non ottengo i risultati sperati, tengo come punto di partenza la similitudine tra il rimedio prescritto e quello che devo prescrivere. Se prescrivo ad un paziente un rimedio come Mercurius, non penso successivamente ad un rimedio come Baryta carbonica, se ho prescritto Natrum muriaticum non penso poi a Sulphur; ritengo che, se il paziente non stravolge la descrizione del proprio modo di essere – a volte succede – si debba tenere un filo conduttore e sarebbe perciò molto utile avere una lista di “veri collaterali”.

 

La conoscenza dei rimedi complementari può invece essere utile in quanto uno stato acuto può dare indicazioni importanti per la prescrizione più profonda. Mi è capitato di avere pazienti a cui non riuscivo a trovare un rimedio che funzionasse bene per i suoi disturbi cronici, ma a cui riuscivo a curare sempre bene gli stati acuti. L’analisi dei rimedi prescritti mi ha dato poi la possibilità di scoprire il rimedio di fondo che era poi quel rimedio che aveva tutti i rimedi prescritti con successo negli stati acuti come suoi complementari.

 

BIBLIOGRAFIA

1. SCHROYENS FREDERICK – Synthesis 9.1 – Homeopathic book publishers, London, 2004

2. SEIDER I. – Das kleine buch der Arzneimittel– Beziehungen – Barthel & Barthel Verlag,Nendelm,2001



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione