Infanzia

Rientro a scuola, come vincere ansia e paure del primo giorno?


CATEGORIE: Infanzia

libri scuola
La ripresa delle lezioni ed il primo giorno di scuola possono essere motivo di ansia

Inquietudine, iperattività, insonnia, inappetenza e volte anche aggressività. La ripresa delle lezioni ed il primo giorno di scuola possono essere motivo di ansia per gli alunni, come ha spiegato all'Adnkronos Simonetta Gentile, responsabile di Psicologia clinica dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

L'esperta si rivolge ai genitori, ai quali consiglia di non allarmarsi  e cercare di rassicurare il piccolo in modo semplice, “senza troppe parole, ma con la vicinanza e la condivisione”.

È importante, sottolineano gli esperti, accompagnare il bambino in aula. In questo modo avrà modo di conoscere l’insegnante, che gli verrà presentato, e il nuovo ambiente. L’ideale è fare lo stesso con gli altri coetanei. Più graduale sarà il distacco, minore sarà la possibilità di sofferenza.

Come spiega la dott.ssa Gentile “l’adattamento avviene con naturalezza, ma se questo non si verifica si può comunque porre rimedio”. In che modo? Spiegando al bambino “che si tratta di un 'momento di crescita gratificante e che in queste circostanze ci si comincia a sentire grandi”. “Bisogna fargli comprendere questo passaggio – continua l'esperta - magari assistendolo anche in questa circostanza mentre conosce spazi, persone ed esplora nuovi contesti che dovrà affrontare”.

Un altro potenziale motivo di ansia per i bambini può essere rappresentato dall’assegnazione dei compiti. Per questo motivo secondo gli esperti gli insegnanti dovrebbero evitare di assegnare carichi di lavoro per tutta la settimana. “Un’accortezza che va osservata soprattutto agli inizi ed in particolare nelle classi a tempo pieno”. I genitori, in ogni caso, possono aiutare il bambino nel suo processo di responsabilizzazione condividendo le regole della scuola. “Dare il buon esempio nel rispettare gli orari e le indicazioni fornite loro dagli insegnanti”, ha specificato Gentile.

I problemi però possono non riguardare soltanto i bambini che entrano a scuola per la prima volta ma anche gli adolescenti. In questi casi uno dei principali motivi di stress è rappresentato dal bullismo. “Si tratta di un fenomeno in espansione e che colpisce, in particolar modo, i ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni. Spesso nelle scuole superiori avviene per mezzo di un vero e proprio 'rito di iniziazione'. In sostanza, si deve sottostare alla legge del più forte per poter essere lasciati in pace. Un problema molto serio, al quale si può rimediare cercando di non isolare gli artefici delle azioni, ma di riportarli all’interno del gruppo di classe, coinvolgendoli”.

In che modo, in questi casi, i genitori possono aiutare i propri figli? “A casa, i genitori prestino massima attenzione ai segnali che provengono dagli stessi ragazzi una volta rientrati. Spesso – concludono gli esperti - il loro sguardo ed il loro atteggiamento possono valere più di tante parole”.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

La Germania dice “sì” alla rimborsabilità dei farmaci omeopatici 20 SET 2019 OMEOPATIA
Così l'insonnia danneggia l'intestino 20 SET 2019 SALUTE
Diabete: alcuni lavori triplicano il rischio 19 SET 2019 SALUTE
Dalla gravidanza alla terza età: così lo Shiatsu allunga la vita 19 SET 2019 SALUTE
Qualità del sonno: un parametro ignorato nei colloqui con il medico 19 SET 2019 SALUTE
Il tè difende il cervello dal declino 16 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Cinque morti al minuto per errori terapeutici 16 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'obesità aumenta di 6 volte il rischio di diabete 16 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
L'Europa sottovaluta la tossicità dei pesticidi 13 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le merendine per bambini sono bombe caloriche 13 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Aumenta la mortalità per infezioni nei pazienti cardiopatici 10 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il menu vegetariano diventa obbligatorio nelle scuole francesi 10 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Under 75: in Europa evitabili due decessi su tre 9 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pfas: ecco le principali fonti di esposizione 9 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
In Toscana uno dei super-batteri più resistenti agli antibiotici 6 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Sigarette elettroniche: scoperta la sostanza che può uccidere 6 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Un altro duro colpo per la Bayer: la Germania vieterà il glifosato 6 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Nei Paesi ricchi il cancro uccide più delle malattie cardiovascolari 4 SET 2019 SALUTE
Paracetamolo: casi di avvelenamento aumentati del 44% in dieci anni 4 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
Per salvare noi ed il Pianeta dobbiamo cambiare dieta 2 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Sindrome da rientro? Ecco come affrontarla 30 AGO 2019 ALIMENTAZIONE
L'NHMRC australiana costretta a pubblicare il primo report sepolto sull'Omeopatia 30 AGO 2019 OMEOPATIA
Contaminato da pesticidi il bacino del Po che rifornisce 20 milioni di persone 28 AGO 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il 50% degli antibiotici è destinato agli allevamenti animali 28 AGO 2019 DENUNCIA SANITARIA
Abuso di oppiacei ed epidemia di morti: condanna storica alla Johnson & Johnson (ed è solo l'inizio) 28 AGO 2019 DENUNCIA SANITARIA
Donazione degli organi: via libera all'applicazione del silenzio-assenso 27 AGO 2019 SALUTE
Quali sono i rischi legati alle sigarette elettroniche? 27 AGO 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppi zuccheri negli alimenti per bambini sotto i sei mesi 2 AGO 2019 ALIMENTAZIONE
Pesticidi: “Il nuovo piano di azione non è ambizioso” 2 AGO 2019 DENUNCIA SANITARIA
Muore bimbo di tre anni: l'ospedale lo aveva dimesso 2 AGO 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione