Infanzia

Rientro a scuola, come vincere ansia e paure del primo giorno?


CATEGORIE: Infanzia

libri scuola
La ripresa delle lezioni ed il primo giorno di scuola possono essere motivo di ansia

Inquietudine, iperattività, insonnia, inappetenza e volte anche aggressività. La ripresa delle lezioni ed il primo giorno di scuola possono essere motivo di ansia per gli alunni, come ha spiegato all'Adnkronos Simonetta Gentile, responsabile di Psicologia clinica dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma.

L'esperta si rivolge ai genitori, ai quali consiglia di non allarmarsi  e cercare di rassicurare il piccolo in modo semplice, “senza troppe parole, ma con la vicinanza e la condivisione”.

È importante, sottolineano gli esperti, accompagnare il bambino in aula. In questo modo avrà modo di conoscere l’insegnante, che gli verrà presentato, e il nuovo ambiente. L’ideale è fare lo stesso con gli altri coetanei. Più graduale sarà il distacco, minore sarà la possibilità di sofferenza.

Come spiega la dott.ssa Gentile “l’adattamento avviene con naturalezza, ma se questo non si verifica si può comunque porre rimedio”. In che modo? Spiegando al bambino “che si tratta di un 'momento di crescita gratificante e che in queste circostanze ci si comincia a sentire grandi”. “Bisogna fargli comprendere questo passaggio – continua l'esperta - magari assistendolo anche in questa circostanza mentre conosce spazi, persone ed esplora nuovi contesti che dovrà affrontare”.

Un altro potenziale motivo di ansia per i bambini può essere rappresentato dall’assegnazione dei compiti. Per questo motivo secondo gli esperti gli insegnanti dovrebbero evitare di assegnare carichi di lavoro per tutta la settimana. “Un’accortezza che va osservata soprattutto agli inizi ed in particolare nelle classi a tempo pieno”. I genitori, in ogni caso, possono aiutare il bambino nel suo processo di responsabilizzazione condividendo le regole della scuola. “Dare il buon esempio nel rispettare gli orari e le indicazioni fornite loro dagli insegnanti”, ha specificato Gentile.

I problemi però possono non riguardare soltanto i bambini che entrano a scuola per la prima volta ma anche gli adolescenti. In questi casi uno dei principali motivi di stress è rappresentato dal bullismo. “Si tratta di un fenomeno in espansione e che colpisce, in particolar modo, i ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni. Spesso nelle scuole superiori avviene per mezzo di un vero e proprio 'rito di iniziazione'. In sostanza, si deve sottostare alla legge del più forte per poter essere lasciati in pace. Un problema molto serio, al quale si può rimediare cercando di non isolare gli artefici delle azioni, ma di riportarli all’interno del gruppo di classe, coinvolgendoli”.

In che modo, in questi casi, i genitori possono aiutare i propri figli? “A casa, i genitori prestino massima attenzione ai segnali che provengono dagli stessi ragazzi una volta rientrati. Spesso – concludono gli esperti - il loro sguardo ed il loro atteggiamento possono valere più di tante parole”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Degenerazione maculare: le arance fanno bene anche alla vista 23 LUG 2018 ALIMENTAZIONE
Perché gli animali domestici prevengono le allergie nei bambini? 20 LUG 2018 ANIMALI
Adolescenti: social e chat raddoppiano il rischio di deficit d'attenzione 20 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Depressione in gravidanza: ostetriche e psicologi avviano una collaborazione 20 LUG 2018 SALUTE
Non solo PFAS: scoperto in Veneto nuovo inquinante 18 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'allarme degli esperti: “Troppa disinformazione su Omeopatia e medicine complementari” 18 LUG 2018 OMEOPATIA
Vaccini: per il Tribunale di Roma fondate le accuse Codacons contro Walter Ricciardi 18 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Estate: cosa devono mangiare i bambini in vacanza? 16 LUG 2018 INFANZIA
Gli italiani assumono sempre più farmaci 16 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
“Il glifosato ha provocato il linfoma”: Monsanto in tribunale 13 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Pfas in Veneto: sostanze pericolose nel sangue di 8000 persone 13 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Caldo: ecco gli alimenti ideali in estate 13 LUG 2018 ALIMENTAZIONE
Diabete di tipo 2: l'insonnia aumenta il rischio 13 LUG 2018 SALUTE
Effetto obbligo vaccinale? Record di reazioni indesiderate in Veneto, ben 1952 11 LUG 2018 VACCINAZIONI
Le infezioni ospedaliere provocano più morti degli incidenti stradali 11 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Acqua minerale e del rubinetto: cosa emerge dal confronto? 9 LUG 2018 SALUTE
Farmaci assunti come droghe per migliorare le performance mentali 9 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Sostanza cancerogena: ritirati oltre 700 lotti di farmaci per la pressione 6 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Cioccolato al 70%: fa bene e aiuta contro la colite 4 LUG 2018 ALIMENTAZIONE
“La medicalizzazione di massa è una catastrofe iatrogena” 4 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Gli oncologi ammettono un conflitto di interesse con l'industria del farmaco 2 LUG 2018 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza: antibiotici prescritti a 1 donna su 2 27 GIU 2018 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori: ipotesi proroga della scadenza del 10 luglio 27 GIU 2018 VACCINAZIONI
Vaccini: annullata la radiazione del medico francese Henri Joyeux 27 GIU 2018 VACCINAZIONI
Il sole fa bene anche alle ossa 25 GIU 2018 SALUTE
Snack alle casse vietati nei supermercati della Gran Bretagna 25 GIU 2018 ALIMENTAZIONE
Migliaia di persone continuano a morire per l'amianto 20 GIU 2018 DENUNCIA SANITARIA
Perché una mela al giorno leva il medico di torno? 20 GIU 2018 ALIMENTAZIONE
La dieta per gli esami di maturità: i cibi promossi e bocciati 20 GIU 2018 ALIMENTAZIONE
Vaccini: la Lega chiede modifiche alla legge Lorenzin 19 GIU 2018 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione