Omeopatia

La ricerca del Simillimum in Omeopatia

Fonte: Il Medico Omeopata


CATEGORIE: Omeopatia

simillimum omeopatia
Dopo aver individuato i sintomi caratteristici del paziente con l'aiuto della repertorizzazione e della conoscenza della Materia Medica, diventa possibile, e a volte persino semplice, individuare il rimedio Simillimum del caso

Mio nipote ha quattro anni e vive in un'altra città. E' stato facile curarlo omeopaticamente, da poco dopo la nascita si è evidenziato in modo chiaro il rimedio Chamomilla al punto che per ogni problema venivano somministrati pochi globuli di dose 200K e tutto si risolveva velocemente, sia che fosse di natura organica che funzionale.

Mi diceva mia figlia: Dopo meno di 30 minuti si trasforma, un altro bambino, si calma e poi la febbre passa velocemente, in 24 h. tutto torna a posto. Senonché ad un certo punto la magia cessa di funzionare, ad ogni problema si prescrive con accuratezza, ma il bambino non guarisce mai completamente. Bryonia fa passare la febbre, ma la tosse non scompare; Lycopodium migliora il suo umore, ma il bambino rimane lamentoso.

Quando si è avvezzi al rimedio Simillimum e quindi ad un'alta qualità di risposta è difficile adattarsi ad una condizione normale. Mia figlia insiste, io annaspo un po'. E' domenica sera, ricevo una telefonata: Papà, è tornata la febbre, poca ma ce l'ha. E' che non sta mai veramente bene. Gli chiedo di dirmi un po' di lui: E' sempre frenetico, agitato, in movimento, fa tante cose, ma l'aspetto è pallido e provato. La sera poi è lamentoso, mi cerca spasmodicamente. La notte si sveglia, cosa che non ha mai fatto prima. A scuola dà fastidio ai bambini, sveglia quelli che dormono, fa dispetti. E poi non è semplicemente competitivo, peggio! Mentre corre, se si accorge che qualcuno sta per sorpassarlo, si ferma e comincia ad urlare come un ossesso. Ha meno appetito, ma sta bevendo litri di succo d'arancia e mangia una quantità di frutta indescrivibile.

Un solo rimedio omeopatico ha questo quadro sintomatologico: Veratrum album. Da allora il bambino assume pochi globuli al bisogno di dose 200K e guarisce velocemente. Il suo  comportamento è migliore.

Un aneddoto non è indicativo di un metodo di lavoro, né abitualmente un caso si risolve per telefono. Ciò nonostante sappiamo con certezza che molti casi ai quali abbiamo dedicato tempo e studio sono rimasti irrisolti, altri hanno trovato rapida e brillante soluzione. Non conta l'impegno, quindi, ma esclusivamente il risultato della ricerca.

Quale è l'oggetto della nostra ricerca?

Auffallenden, sonderlichen, ungewöhnlichen und eigenheitlichen (charakteristischen) Zeichen und Symptome. Sintomi che saltano alla vista, inusuali, straordinari, caratteristici del paziente.[1] Dopo averli identificati, con l'aiuto della repertorizzazione e della conoscenza della Materia Medica, diventa possibile individuare il rimedio Simillimum del caso, a volte persino semplice.

Porre dei limiti suona sempre male, ma nel nostro caso ci permette una migliore concentrazione in un contesto in cui sviare e distrarsi è particolarmente facile. Ogni dato raccolto ha una sua importanza, così come ogni informazione anamnestica; ogni sensazione provata dal paziente, ogni parola possono essere esaminate ed elaborate. E poi perchè non studiare la causa psicologica di una condizione, non approfondire la situazione umana che il paziente vive? O la sua alimentazione?

Nel momento in cui l'oggetto dell'indagine è il soggetto umano nella sua interezza e non una parte di esso, un organo, un apparato o anche la psiche isolata dal resto, ci si accosta ad altre discipline, ad altri scenari, ad altre fonti di informazioni che appaiono preziose. La Psicologia, l'Antropologia, la Dietetica, fra le altre, vengono chiamate in causa. Inserire il nostro paziente in una situazione complessa ed articolata è una tentazione forte. E' che così facendo, ampliando orizzontalmente il campo d'azione, il nostro obiettivo perde di valore ed il risultato più probabile sarà una grande messe di informazioni interessanti, ma non utili - persino dannose - per la definizione dei sintomi caratteristici e quindi per la prescrizione del Simillimum.

Noi curiamo esclusivamente attraverso il medicamento più simile al quadro clinico. Troppo poco?

Bibliografia

1. Galassi, R. – Il valore dei sintomi in Omeopatia – Il Medico Omeopata, n. 55, pag. 24-30, FIAMO, Marzo 2014



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione