Vaccinazioni

Se la ricerca italiana sui vaccini tocca il nervo scoperto della scienza

Fonte: La Verità


CATEGORIE: Vaccinazioni

vaccini

I vaccini sono prodotti in sicurezza? E che cosa contengono? Le risposte a queste due semplici domande, ottenute dal Corvelva (Coordinamento regionale veneto per la libertà delle vaccinazioni) facendo analizzare a proprie spese diversi lotti pediatrici, rischiano di creare il più classico degli effetti slavina: da un sassolino che cade, si scatena una valanga. Soprattutto perché contro il «Vaccingate» si stanno coalizzando forze imponenti che, invece di chiarire, moltiplicano i dubbi.

 

Secondo le indagini di laboratorio del Corvelva (eseguile secondo un duplice protocollo, biologico e chimico) due vaccini in commercio presenterebbero delle «impurità» potenzialmente dannose. E parliamo di Dna fetale umano (con una percentuale che varia dall'1,7 ai 3,7 microgrammi), diserbanti, glisofato, antibiotici e antimalarici. Nel caso del vaccino della rosolia, mancherebbero invece gli antigeni. Il che significa che chiunque si sia vaccinato contro la malattia con quel farmaco, è come se non l'avesse mai fatto.

 

Il prossimo 8 gennaio, i rappresentanti dell'associazione saranno in Polonia per discutere i risultati della loro ricerca. In Italia, la scoperta è stata però tacciata di antiscientificità e di sciatteria si da farla precipitare nel girone urlante dei no-vax. Anche se la posizione dei Corvelva è critica sul metodo, non sul merito della politica sanitaria.

 

«Non discutiamo se i vaccini facciano male, ma ci chiediamo: fanno davvero bene?», spiegano gli animatori dell'associazione. Che lamentano l'assoluto silenzio alle loro rimostranze da parte dell'Aifa, dell'Istituto superiore della sanità e dello stesso ministero della Salute. Nessuno - tranne l'Agenzia europea del farmaco che però ha rimandato alla sua articolazione italiana - ha fugato i dubbi emersi dalle contro-analisi. C'è inoltre da chiarire che il controllo qualità dei vaccini non ha carattere pubblico, e peraltro molto spesso le verifiche sui farmaci vengono fatte dalle stesse case produttrici.

 

«Date la vostra evidenza scientifica che quanto da noi riportato è falso», è in posizione del Corvelva alle contestazioni che arrivano da una parte della comunità scientifica sulla bontà della loro «inchiesta farmacologica». «Ripetete le analisi con laboratori indipendenti, o mettetevi in contatto con chi le ha commissionate e confrontatevi sul dato. Manca il benché minimo interesse al dialogo, mancano le risposte alle richieste (pubbliche o private) dei propri cittadini, mancano le basi della democrazia».

 

Dalle colonne di Repubblica, è infatti arrivata la scomunica di «130 scienziati» che, in una petizione, hanno sottolineato che «la salute dei cittadini passa anche attraverso una corretta informazione» demolendo, in pratica, i risultati dell'analisi sui due vaccini «risultata carente sotto molti aspetti dal punto di vista tecnico». Tra i firmatari, informa il quotidiano, ci sarebbero il «direttore dell'Agenzia europea dei farmaco, Guido Rasi» e «vari membri dell'Accademia dei lincei», oltre che delle «università di tutta Italia» e dell'«Istituto superiore di sanità» e «quindici istituzioni straniere».

 

Chi siano, però, tutti questi uomini di scienza non si sa. Infatti, non vengono citati e anche su fonti aperte è difficile riuscire a identificarli compiutamente. Tant'è che l'associazione attacca: «Questi 130 nomi ci mettono la faccia con nome e cognome o dobbiamo accontentarci che vengano menzionati una decina di esperti e per gli altri andiamo sulla fiducia?».



Hai un account google? clicca su:


Prodotti Consigliati
Le Vaccinazioni Pediatriche  Roberto Gava   Salus Infirmorum

Le Vaccinazioni Pediatriche

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale

Roberto Gava

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici, fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale, sull'utilizzo personalizzato dei vaccini e sul loro rapporto rischio/beneficio alla luce delle attuali condizioni socio-sanitarie e ambientali   Le vaccinazioni pediatriche, da… Continua »
Pagine: 1056, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
33,92 € 39,90 € (-15%)
 
Malattie vaccini e la storia dimenticata  Suzanne Humphries Roman Bystrianyk  Il Leone Verde

Malattie vaccini e la storia dimenticata

Epidemie, contagi, infezioni. Cos'è cambiato davvero negli ultimi due secoli in Occidente

Suzanne Humphries, Roman Bystrianyk

Fino a qualche tempo fa le infezioni mortali erano molto temute in Occidente. Da allora, diversi Paesi hanno attraversato un'enorme trasformazione diventando più sicuri e più sani. Molte cose infatti sono mutate complessivamente nella vita sociale: dalla nuova sensibilità per l'ambiente alla legislazione sulla sicurezza sul… Continua »
Pagine: 460, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Il Leone Verde
21,25 € 25,00 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o x x x x  | Votazioni (1)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione