Denuncia sanitaria

Tra redditi, pensioni, tasse la Sanità resta Cenerentola

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

L'analisi sullo stato dell'economia del Paese ci racconta che la nostra "spesa corrente" è al palo. Detto così vuol dire poco. Ma in concreto significa che diminuisce la spesa per i servizi pubblici necessari, andando ad incidere sulla fruibilità di alcuni diritti dei cittadini.

 

In questi giorni la discussione politica è concentrata sull'economia, con un forte scontro all'interno della maggioranza di governo, più che con l'opposizione. La "manovra" adesso appare come la coperta di Linus, troppo corta per garantire in modo equilibrato l'attuazione di tutti gli impegni presi dal M5S e dalla Lega in campagna elettorale: riduzione delle tasse, aumento delle pensioni minime, reddito di cittadinanza, maggiore occupazione. Sui primi tre punti, se non saranno realizzati, la perdita di consensi è assicurata. Quindi i due alleati faranno di tutto per portare a casa almeno una parte delle promesse fatte. Eppure qualcosa di molto importante per i cittadini resta fuori dalla "partita di giro" governativa. È la Sanità.

 

Il presidente del Consiglio, Conte, ha affermato che nella manovra "ci sarà anche la Sanità". Parole abbastanza scontate. E non è nulla di eclatante il fatto che la ministra Grillo abbia chiesto di rivedere i ticket, per limitare le spese che pesano sulle tasche dei cittadini. Come è normale la richiesta di risorse per fronteggiare i contratti di lavoro, fermi da troppi anni. Ma per affrontare i problemi strutturali del Servizio sanitario nazionale, serve ben altro che qualche pannicello caldo. E il governo è il primo a saperlo, perché M5S e Lega quando erano all'opposizione eranoassaltati nel denunciare le carenze del sistema pubblico. Oltretutto sentir dire, anche da Conte, che la nostra Sanità è tra le migliori al mondo, non fa differenza con la propaganda del governo precedente, in particolare dell'ex ministra Lorenzin che esaltava le "magnifiche e progressive" sorti del Ssn.

 

Da anni il servizio pubblico viene sempre più impoverito, da anni milioni e milioni di persone non riescono ad accedere alle strutture, da anni un esercito di italiani, economicamente più protetti, spende miliardi di euro (adesso siamo tra i 35 e i 40) per curarsi, da anni cala progressivamente la spesa sanitaria (il Fondo nazionale è al 6,7 cento del Pil, tra i più bassi in Europa). Ebbene, mentre si discute di Bilancio, di manovra, nessuno fa cenno ad una situazione seria, preoccupante, "radicata".

 

Ma se la spesa per la salute resterà inchiodata le forze di governo tradiranno se stesse, e deluderanno una parte delle elettrici e degli elettori, soprattutto quelli meno agiati. Se non si investe è inutile annunciare battaglie contro le liste di attesa o per eliminare l'intra moenia. Perché per abbattere i tempi scandalosi che devono aspettare gli italiani per ottenere un esame, per avere una diagnosi mirata, per fare i controlli necessari preventivi, servono più infermieri e più medici specialisti. Da questa "banale" decisione non si può sfuggire. Però servono più investimenti.

 

L'aspetto curioso è che di questa situazione non si discute neanche dal punto di vista sanitario. Mentre, come già accaduto lo scorso anno, viene concentrata l'attenzione mediatica sui vaccini, drammatizzando e pompando oltre misura fenomeni marginali, come quello dei no-vaxx. Forse l'attenzione ha significato per chi si aspettava decisioni radicali - come il superamento dell'obbligo - e che di conseguenza può sentirsi deluso per il suo mantenimento da parte della Grillo (però sono convinto che sia solo questione di tempo). Sta di fatto che i vaccini tornano ad essere "un'arma di distrazione di massa" (oggettivamente, mentre in passato volutamente), senza affrontare invece i problemi più gravi e profondi della salute pubblica. Perché? Perché non si è in grado di risolverli. Perché richiederebbero un sistema sanitario rivoltato come un calzino. Perché servirebbe una mentalità diversa da parte di tutti gli operatori sanitari. Questo forse sarebbe il vero "cambiamento" (parola strabusata e poco applicata).

 

In attesa di vedere concretizzata la promessa messianica, possiamo accontentarci anche di molto meno. Purché il governo attuale sia in grado di lanciare qualche segnale importante e impegnativo "qui e ora", e non si comporti come i precedenti, lasciando che le malattie del Ssn seguano il loro corso naturale.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

Torna la guerra sui vaccini ma ora è anche nel M5S 6 AGO 2018 VACCINAZIONI
Il Paese dei Gattopardi e l'Istituto di Sanità 8 GIU 2018 OMEOPATIA
La 180 ci ha insegnato a rispettare la diversità 16 MAG 2018 SALUTE
La crociata anti-omeopati tra faziosità e pregiudizi 9 MAG 2018 OMEOPATIA
Le Cassandre della Sanità avevano previsto tutto 23 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
La violenza contro i medici non migliora la Sanità 18 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
I medici non si vaccinano e sono contro l’obbligo 23 MAR 2018 VACCINAZIONI
Cacciare i bimbi dall’asilo è un atto solo punitivo 9 MAR 2018 VACCINAZIONI
Dai dottori ai giornalisti la medicina a senso unico 7 MAR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quando la piazza rivendica la 'libertà vaccinale' 26 FEB 2018 VACCINAZIONI
Ai malati serve coraggio ma prima l’accesso alle cure 14 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ecco come il Pd ha votato la mozione M5S sui vaccini 5 FEB 2018 VACCINAZIONI
Nella campagna elettorale non c'è tempo per la salute 2 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lorenzin pensava ai vaccini mentre la Sanità affondava 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Sui vaccini sarà possibile andare oltre l'obbligo? 18 DIC 2017 VACCINAZIONI
Superticket, il tassello di un sistema in crisi 4 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Verso i vaccini obbligatori in tutti i paesi europei? 29 NOV 2017 VACCINAZIONI
Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Solo ora si rendono conto che esiste un "caso Sanità" 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Quelle voci della scienza che nessuno ha ascoltato 3 OTT 2017 VACCINAZIONI
La Federazione dei medici e il silenzio degli struzzi 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La scienza non democratica e il popolo "ignorante" 9 SET 2017 VACCINAZIONI
Se "l'immunità di gregge" diventa merce di scambio 28 AGO 2017 VACCINAZIONI
La guerra sui vaccini ha scavato un grande solco 18 AGO 2017 VACCINAZIONI
Le vaccinazioni e la salute, la politica e la protesta 24 LUG 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione