Salute

Rebirthing: un sospiro di sollievo!

Fonte: terranauta.it


CATEGORIE: Salute

respiro
Respirare sembra una cosa molto ovvia ma non lo è

Come è facile intuire, la parola rebirthing rimanda all’idea di rinascita. Con questa tecnica o disciplina, infatti, molte persone hanno rivissuto l’esperienza della propria nascita, il momento in cui sono venuti alla luce e hanno respirato per la prima volta. Altri, invece, hanno recuperato il senso della propria esistenza liberandosi da blocchi, da costrizioni emotive, dalle chiacchiere mentali, come tranelli tesi per ingabbiare i pensieri.

Respirare sembra una cosa molto ovvia ma non lo è. Ogni tanto ce ne dimentichiamo. Ogni tanto, specie quando le tensioni si accumulano e lo stile di vita ci obbliga a pensare a più cose contemporaneamente – impedendoci l’immersione nel “qui e ora”-, il respiro si blocca, si fa corto, frammentato. Ed è allora che le cose peggiorano, l’ansia aumenta, la situazione assume toni più confusi. Per qualcuno arriva persino l’attacco di panico, che è appunto uno stato di iperventilazione in cui si teme di perdere il controllo e si viene immobilizzati da cause apparentemente oggettive (metropolitana, folla, traffico, spazi chiusi).

Il rebirthing è in realtà una pratica di meditazione messa in atto dai monaci buddisti del sud-est asiatico e diffusa in America solo a partire dagli anni ’70 per opera di Leonard Orr e Stanislav Grof.

Oggi, in Italia, ci sono molte scuole che insegnano questa tecnica di autoguarigione; molti corsi lo fanno con un numero minimo di 10 sedute in cui si è seguiti da esperti, dopodiché si è in grado di continuare da soli, nell’intimità’ della propria stanza, come una sorta di esercizio quotidiano per mantenere lo stato di benessere.

Imparare a respirare in maniera “circolare” – senza che ci sia cioè un’interruzione tra l’inspirazione e l’espirazione - aiuta a riappropriarsi di una coscienza di sé reale, non contaminata, sottratta ai flussi di comportamento determinati da fattori esterni. Molta parte dell’idea che ognuno costruisce di sé e della propria personalità nasce, a tutti gli effetti, da un equivoco. Molto di ciò che attribuiamo alla nostra natura, e che pertanto crediamo immutabile e insuperabile, è invece il derivato di pensieri altrui, di situazioni emotive che non appartengono pienamente all’individuo.

E il respiro è un modo per riprendere contatto con se stessi, con il proprio corpo e la propria percezione delle cose. Il corpo – sostiene infatti questa disciplina - è l’unico tramite e strumento che abbiamo per conoscere l’Io e l’Altro. E dunque non va guidato, costretto, ignorato. Bisogna imparare ad ascoltarlo, lasciarlo agire, ritrovarlo. Ma il corpo può anche essere trasceso, superato attraverso la meditazione.

Spesso capita che il rebirthing conduca a stati di coscienza molto avanzati in cui è possibile avere esperienze ‘illuminanti’, di ricongiungimento con lo spirito o respiro dell’Universo. Qualcuno si abbandona a un sentimento di ilarità, altri a momenti di crisi che arrivano al pianto. Quel che è certo è che si reagisce al respiro, cioè a un modo diverso di introdurre ossigeno nel corpo.

Un esperimento che andrebbe fatto, almeno una volta nella vita. Invece della solita palestra o di altrettanto faticose sedute psicanalitiche, si potrebbe provare con una cosa semplice e vitale al tempo stesso.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Daniela Mazzoli

Massaggio metamorfico. Cambiare in punta di piedi 29 GIU 2011 SALUTE





Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione