Salute

Raffreddore: Le parole di Lui & di Lei

Fonte: Myself


CATEGORIE: Salute

uomo donna
L'uomo e la donna sono diversi anche nel modo di affrontare il raffreddore

No, non è che non ci capiamo. Basta saperlo che su Marte (pianeta maschio) non si parla la stessa lingua che su Venere (pianeta femmina). Qui vi facciamo la traduzione.

Uomo:

Un uomo non si sveglia con un principio di raffreddore, esige direttamente le preghiere per il moribondo. Si abbandona sui cuscini come la protagonista tisica di un romanzo di Liala e dice: non respiro, sono a pezzi.

Un uomo non si limita a starnutire, ma riempie la casa, il divano, il televisore di fazzoletti appallottolati per significare la propria sofferenza, con borbottii, apnee, maledizioni verso la tintura madre di propoli che ogni volta gli consigliamo di prendere ("che schifo, ma cos'è, non mi fa niente, tu e l'omeopatia volete uccidermi").

Un uomo dice: anche la febbre alta, lo sapevo, e infatti il termometro segna un allarmante 37 e 2. Nelle pubblicità delle medicine, è sempre un uomo il testimonial: disperato, deformato in volto, a letto, con brutti pigiami, incapace di prendere da solo un'aspirina, ma bisognoso di cure amorevoli, plaid scozzesi, brodo di pollo, pasticche, tisane, bacetti, bende, garze sterili.

Ci si convince, alla terza notte in cui ci prende a calci e gomitate causa smanie respiratorie, che non guarirà mai più, si immaginano i prossimi decenni al capezzale, con divisa da crocerossina e luminoso futuro dietro le spalle.

Finchè un mattino il marito (o fidanzato, amante, amico, figlio, padre) si alza, fa una doccia, canticchia e si offre di preparare il caffè. "Che naso rosso hai. Ah, ti sei presa il raffreddore. Vabbè, guarda me, sono guarito in un attimo".

Donna:

Una donna sente un pizzichio al naso e pensa: adesso passa, basta una pashmina. Come misura preventiva decide di distribuire goccette, ovuli, brodi di pollo, caremmelle alla propoli a tutta la (riluttante) famiglia, dimenticandosi solamente di se stessa, e in ufficio raccomanda ai colleghi di stare lontani per non venire contagiati (d'accordo, spesso la sollecitudine nasconde una volontà anti scocciatori, ma bisogna pur sopravvivere, soprattutto se raffreddate).

Quando il principio di malanno stagionale raggiunge le dimensioni di una consistente bronchite, con tosse, occhi che lacrimano, brividi, la donna prende in considerazione la possibilità di avere davvere il raffreddore (ma adesso passa, basta una pashmina) e comincia una distratta cura omeopatica - subito dopo avere attraversato la città in motorino senza pashmina per assicurarsi un albero di Natale biologico con certificato di vita felice e promessa che dopo le festività verrà preso in consegna e ripiantato in un giardino pieno di altri ex alberi di Natale molto socievoli.

Fatemelo dire: curatevi. Un bagno caldo, per cominciare (non durante la polmonite, possibilmente prima). Rannicchiatevi sulla poltrona con un plaid. Starnutite, perfino. Fate la faccia afflitta. Chiedete il brodo di pollo e il telecomando. Così, come simbolico riconoscimento del vostro diritto al raffreddore, anche a Natale.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione