Alimentazione

31/10/2016

Quinoa e amaranto, segreti e virtù

di David Gutierrez

Traduzione a cura di: Emanuela Lorenzi

Fonte: naturalnews.com


CATEGORIE: Alimentazione

quinoa
Quando i conquistadores spagnoli raggiunsero le Americhe, proibirono la coltivazione di due delle migliori fonti proteiche vegetali al mondo

I popoli indigeni delle Americhe coltivarono una serie di supercibi che assunsero un ruolo importante nelle loro culture. Due di questi stanno cominciando ad essere riconosciuti in tutto il mondo come alimenti ricchi di proteine e di altri nutrienti essenziali: la quinoa e l'amaranto. Entrambi vennero proibiti dagli spagnoli che ne ripudiavano l'uso nelle cerimonie religiose dei nativi.     

Sia la quinoa che l'amaranto sono cereali ad elevatissimo apporto proteico, dagli 8 ai 9 grammi per porzione. Sorprendentemente, la proteina che forniscono è proprio completa - ovvero contiene tutti gli amminoacidi essenziali e nelle dosi necessarie al corpo umano, una caratteristica molto rara nei cibi di origine vegetale.

Benché possano essere usati come cereali in cucina, la quinoa e l'amaranto non appartengono alla famiglia delle graminacee e sono adatti alle persone con allergie al glutine o al grano.  Per finire, entrambi producono anche foglie commestibili.     

Solo recentemente gli occidentali stanno davvero imparando ad apprezzare il potenziale di queste colture, in particolare l'amaranto. Mentre la quinoa è difficile da coltivare al di fuori del suo ambiente montano naturale, l'amaranto cresce così facilmente da essere considerato in certe zone alla stregua di un'erbaccia infestante.

Fonti:
http://nutritiondata.self.com/facts/cereal-grains-and-pasta/10352/2
http://nutritiondata.self.com/facts/cereal-grains-and-pasta/10640/2










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)


Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione