Infanzia

Come pulire (e mantenere sani) i denti da latte


CATEGORIE: Infanzia , Salute

Come pulire (e mantenere sani) i denti da latte
Scopri qual è il modo migliore per eseguire la pulizia dei denti da latte e qualche consiglio per mantenerli sani a lungo

Prima che spuntino i dentini, è consigliabile che i genitori puliscano la bocca e le gengive con un panno pulito e umido o una garzetta due volte al giorno, specialmente dopo i pasti e prima del sonno. La pulizia delle gengive del neonato non richiede l’uso dello spazzolino, né del dentifricio.

Questo accorgimento permetterà di eliminare i batteri e di evitare che aderiscano alle gengive del bambino: questi microrganismi infatti, possono formare uno strato adesivo che danneggia i denti da latte che stanno iniziando a uscire.

 

Una volta spuntati i primi denti è sufficiente effettuare la pulizia con lo spazzolino inumidito, che deve essere morbido, con una testina piccola e un manico lungo. Queste caratteristiche fanno si che sia facile arrivare a tutte le zone della bocca del bambino.

A partire dai due anni di età si può iniziare ad usare un po’ di dentifricio. I denti vanno lavati almeno due o tre volte al giorno per almeno due minuti, dopo i pasti e soprattutto prima di andare a letto. Dopo i sei anni i bambini dovrebbero già essere in grado di lavarsi i denti correttamente, ma è sempre utile controllarli di tanto in tanto per assicurarsi che lo facciano correttamente.

 

Consigli per mantenere un'adeguata igiene

1) Evita i succhi di frutta, anche perché normalmente la percentuale di frutta è bassa rispetto a quella di zuccheri. Sarebbe meglio inoltre non incentivare ma anzi limitare il consumo di bibite gasate (come ad esempio la coca cola) sia per il loro contenuto in gas che per la grandissima quantità di zuccheri disciolti al suo interno. E' consigliabile, invece,  dare da bere acqua, che rimane l’opzione migliore per il bambino (e per lo stesso adulto) quando ha sete.

2) Un'altra abitudine non corretta è lasciare che il bambino dorma con il biberon imbevuto di sostanze dolci (come zucchero o miele). I batteri naturali nella bocca del bambino possono utilizzare queste sostanze per formare acidi che possono attaccare lo smalto dei denti. In questo caso si forma la cosiddetta “carie del biberon”

3) Non aggiungere zuccheri all’alimentazione del bambino. Non è necessario né salutare.

4) Pulire i denti del bambino prima che vada a dormire. La produzione naturale di saliva diminuisce durante la notte, per cui i batteri nocivi della bocca possono attaccare con maggiore facilità i denti.

5) Evitare di somministrare medicine dopo aver lavato i denti la sera e prima di andare a letto, perché possono contenere sostanze dolcificanti che rimarrebbero così libere di agire tutta la notte.



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Cura i Tuoi Denti in Modo Naturale  Nadine Artemis   Macro Edizioni

Cura i Tuoi Denti in Modo Naturale

Guida completa alla salute di denti e gengive. L'igiene orale in 8 mosse. La verità su dentifrici, spazzolini e collutori. Gli alimenti che nutrono e rinforzano i denti

Nadine Artemis

Scopri le otto semplici mosse per curare i tuoi denti in modo efficace. In quest'opera, l'esperta di igiene orale Nadine Artemis, presenta le tecniche per avere cura della bocca eliminando consuetudini e vecchie usanze, con l'obiettivo di da rendere sempre più forti e sani denti, gengive, saliva e smalto. Nonostante ti spazzoli… Continua »
Pagine: 168, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
11,50 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Edoardo Matteoda

Come si prevengono le carie nel bambino? 19 SET 2016 INFANZIA
Sai cosa sono e perché si cariano i denti da latte? 14 SET 2016 INFANZIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione