Omeopatia

Cos'è Psorinum?


CATEGORIE: Omeopatia

Cos'è Psorinum? - Rimedi Omeopatici
Psorinum

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Psorinum
- Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia nosode

COMPOSIZIONE: è un materiale organico; è ottenuto da sierosità prelevata dai solchi cutanei di malati affetti da scabbia non trattata. L’esame citologico rivela un numero elevato di polinucleati, cellule, germi mobili e immobili, assenza di sarcopti; l’esame dopo colorazione con il metodo di Gram rivela una flora batterica molto polimorfa con predominio di batteri Gram-positivi.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Psorinum si ottiene secondo il seguente procedimento: il materiale organico prelevato viene diluito in una quantità d’acqua distillata pari a 100 volte il suo volume; la diluizione iniziale all’1/100 viene congelata a -20°C, quindi scongelata a temperatura ambiente per quattro volte consecutive; il lisato così ottenuto viene sterilizzato tramite filtraggio su filtri EKS, quindi suddiviso in flaconi sterili per frazioni di 10 ml; le frazioni di 10 cm3 della diluizione iniziale vengono liofilizzate per poter essere conservate inalterate. Ogni flacone contiene una quantità di prodotto liofilizzato pari a 0,1 ml di sierosità; il contenuto di ogni flacone viene diluito con 100 ml di acqua distillata sterile, in modo da portare la concentrazione finale del prodotto a 0,001 per millilitro di sierosità; la diluizione finale viene filtrata su filtri EKS, quindi suddivisa asetticamente in fiale da 1 ml.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Cute: eruzioni di vario tipo e prurito.
- Mucose: processi infiammatori cronici di tipo catarrale.
- Stato generale: scarsa capacità reattiva e marcata freddolosità.
- Psiche: depressione con immobilismo, pessimismo, totale sfiducia nelle proprie possibilità e paura di tutto.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: nei casi cronici; nei bambini magri e perennemente ammalati; nei soggetti prematuramente invecchiati, astenici, molto freddolosi, poco reattivi a qualsiasi terapia e incapaci di ripresa dopo una malattia acuta, dopo surmenage, stress psicofisici o scomparsa di eruzioni cutanee.

QUADRO CLINICO
• Bambino

Negli antecedenti sono di frequente riscontro: malattie infettive, malattie cutanee, rinite allergica e asma. Spesso nasce prematuro, dopo una gravidanza piuttosto difficile. Cresce lentamente e il peso resta inferiore alla norma, nonostante l’appetito sia normale o notevole.
E’ ipersensibile al freddo, si aggrava durante l’inverno e può presentare crisi di ipotermia caratterizzate da astenia, ipotonia e pallore. Spesso il corpo, ma soprattutto la testa e i piedi, emanano cattivo odore. La cute ha un aspetto malsano, è secca, rugosa e interessata da eruzioni di vario tipo. In genere è perennemente ammalato, non riesce a superare le malattie acute, ha frequenti ricadute e non reagisce ai rimedi apparentemente più indicati. Anche nei rari momenti in cui non è ammalato è sempre stanco, poco reattivo e il rendimento in qualsiasi campo è molto scarso.
Di notte spesso è irrequieto, urla, ha fame e soffre d’insonnia.
Va soggetto a: riniti, tonsilliti, otiti, bronchiti, asma, eczemi, dermatiti, diarrea o stipsi con feci molli, verruche attorno alla bocca, afte recidivanti e blefariti. Dal punto di vista mentale si può sottolineare:
l’eccitabilità, l’impressionabilità, la paura di non riuscire e della povertà, l’insicurezza, la scarsa volitività, l’irritabilità, il cattivo umore e l’incapacità di superare le separazioni e i distacchi.
• Adulto
In genere è magro, molto freddoloso e si copre in modo esagerato anche in estate. Non ama lavarsi, il corpo emana cattivo odore, la cute è pruriginosa e sede di eruzioni cutanee che spesso si alternano con altri disturbi. Si stanca facilmente, ha bisogno di mangiare spesso, anche di notte, ed è incapace di riprendersi dopo malattie acute.
Va soggetto a: cefalee, allergie, bronchiti, riniti, asma, eczemi e dermatiti. Dal punto di vista mentale si può sottolineare: l’indecisione, la scarsa autostima, la sensazione di abbandono, il pessimismo, la depressione a impronta disforica, i sensi di colpa, l’ansia esistenziale e la paura di fallire.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Cronicità dei disturbi.
- Scarsa capacità reattiva.
- Alternanze morbose e periodicità delle affezioni.
- Astenia generale.
- Freddolosità marcata.
- Necessità di mangiare spesso anche di notte.
- Secrezioni ed escrezioni di cattivo odore.
- Inusuale stato di benessere alla vigilia di una riacutizzazione o di un aggravamento dei disturbi.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Soggetti psorici con pelle rugosa, secca o grassa e temperamento inquieto; bambini pallidi, delicati, malaticci.
2 - Grande depressione mentale: ansia con brutti presentimenti, paura di morire, malinconia religiosa, sogni spaventosi; i bambini sono tranquilli tutto il giorno, ma piangono tutta la notte.
3 - È utile nelle patologie croniche in cui i rimedi, anche se ben scelti, non riescono a migliorare la situazione in modo permanente (in quelle acute è indicato Sulph.); grande debilitazione che rimane dopo le patologie acute.
4 - Il corpo e tutte le sue escrezioni emanano un odore terribile.
5 - Si sente insolitamente bene il giorno prima di un attacco.
6 - Eruzioni secche, squamose, che scompaiono d’estate e ritornano in inverno; prurito peggiorato dal calore del letto e quando il corpo si riscalda; crisi ripetute; disturbi causati dalla soppressione di malattie della pelle; pelle secca, inerte, che suda raramente, tranne dopo una malattia acuta, in cui un’abbondante sudorazione migliora tutte le sofferenze.
7 - Marcata predisposizione alle angine, alle riniti allergiche e alle distorsioni.
8 - Ha sempre fame: deve mangiare specialmente a metà della notte; la cefalea migliora mangiando.
9 - Asma e altre patologie respiratorie che migliora stando steso e tenendo le braccia allargate.
10 - Paziente molto sensibile all’aria fredda, ai cambiamenti di clima e specialmente peggiora dal clima burrascoso; inquieto alcuni giorni prima di un temporale.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 CUTE [PIEGHE della pelle; ghiandole sebacee]. ORECCHI. INTESTINO. Respirazione.

EZIOLOGIA
Soppressione di eruzioni cutanee, di secrezioni mucose o della sudorazione; malattie infettive curate in modo drastico; perdita abbondante di liquidi organici; vaccinazioni; clima ventoso o tempestoso.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: la scarsa autostima, la sensazione di abbandono, il pessimismo, l’indecisione, i sensi di colpa, l’ansia esistenziale, la paura di fallire, la depressione e l’apatia. La scarsa autostima, la sensazione di abbandono, la passività e la difficoltà nell’instaurare rapporti interpersonali autentici, rappresentano i tratti di una personalità pre-depressiva.
La mancanza di energie e di volontà gli impedisce di reagire alle malattie, di tollerare gli stress e di soddisfare la sue aspirazioni. Questo stato di frustrazione comporta una forte ansia esistenziale nei confronti del destino, della sua anima, del suo corpo e dei beni della vita, sensi di colpa, paura della morte, pessimismo e aspettative negative.
La passività e i sentimenti di impotenza, nei confronti delle proprie capacità di fronteggiare la realtà, il cattivo umore, l’irritabilità e la scarsa socievolezza rendono la sua compagnia poco piacevole e alimentano sensi di colpa e sensazioni di abbandono. Il bilancio fallimentare della sua esistenza, il malessere diffuso, l’estrema sensazione di affaticamento, la disperazione e la sofferenza morale, possono comportare uno stato di distacco e di indifferenza affettiva nei confronti di qualsiasi stimolo, atteggiamenti di rifiuto nei confronti dell’esistenza e rischio di suicidio.

MODALITA'
• Peggioramento

FREDDO. Aria aperta; lavandosi. Cambio del clima; clima burrascoso. Calore: del letto; della lana, da sforzo fisico. SOPPRESSIONI. Contatto dei propri arti. Periodicità; scadenza annuale. Luna piena.
• Miglioramento
Coricato con la testa bassa, o tranquillo. Mangiando. Lavandosi. Epistassi. Pressione forte. Sudando abbondantemente.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Causticum? 12 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Ignatia Amara? 28 AGO 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Chamomilla Matricaria? 22 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Stramonium? 27 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Carbo Vegetabilis? 8 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Apis Mellifica? 30 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Dulcamara? 15 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA
Cos'è Veratrum Album? 22 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione