Vaccinazioni

Autismo e vaccini. Prima, durante e dopo il caso del Dr. Wakefield – parte 1

Fonte: Autismo & Vaccini


CATEGORIE: Vaccinazioni , Autismo

studio wakefield
The Lancet ha ritirato lo studio del Dr. Wakefield su autismo e vaccini

Per comprendere il grande imbroglio che si cela dietro il ritiro dello studio del Dr. Andrew Wakefield da parte di The Lancet e la sua successiva radiazione dall'Ordine dei Medici Britannico, pubblico con dovizia di particolari e sconosciute verità la prima parte della cronistoria del vaccino trivalente assassino MPR.

Per coloro che non lo sapessero, il tanto contestato Dr. Andew Wakefied inizia il suo lavoro al Royal Free Hospital nel 1988 quando il Dipartimento di Salute Pubblica del Regno Unito aveva già avviato un'indagine da parte del Joint Committee On Vaccination and Immunization (JCVI) per una serie di complicanze fatali legati al virus del morbillo contenuto nei vaccini che, udite udite, aveva iniziato la sua strage di vite umane negli infanti già nel lontano 1971.

Considerato che il Dr. Wakefield riceve la sua laurea in medicina nel 1981 presso il St. Mary's Hospital Medical School, mi sono appassionato alla vicenda per comprendere il perchè di tanto accanimento, per comprendere dove risiede la verità (che come recita un vecchio adagio sta sempre nel mezzo), ma soprattutto comprendere perchè nessuno ha mai pensato di rendere noto al pubblico italiano la faccia oscura della medaglia che si spinge molto più al di là delle ipotesi più fantasiose e dissacranti di chissà quali “complotti” e “menzogne”.

Ecco dunque che per i miei lettori più assidui, apro le porte ad una delle realtà più intriganti, lasciando alla singola persona ogni forma di giudizio e/o possibile contestazione in quanto il sottoscritto si limita a riportare i fatti di questo lungo viaggio che, per ragioni di tempi e contenuti, ho dovuto suddividire in più parti.

1971
Autism in children with congenital rubella è il primo studio ufficiale che viene pubblicato, quando il futuro Dr. Wakefield era ancora uno studente sbarbatello. Si prosegue poi nell'ultima decade degli anni '70 con lo studio Viral expoxure and autism.

Il primo caso eclatante risale al 1986, anno in cui in Canada venne isolato nel vaccino TRIVIRIX il pericoloso ceppo URABE AM-9 che si rese responsabile di alcuni casi di meningite post vaccinica come riportato dallo studio Champagne et al. Can Dis Weekly Rep. 1987;13:155-157.

Nel 1987 il TRIVIRIX viene ritirato dal mercato.

Nel 1988 The Lancet pubblica nel Volume 2 di Luglio l'articolo Mumps meningitis following measles, mumps, and rubella immunisation a seguito dei vari casi che occorsero in Canada , Regno Unito e Giappone.

Nel 1990 la licenza del TRIVIRIX venne revocata in Canada, Malysia, Philippine, Singapore e Australia…. Mi si consenta la battuta: Wakefield, prima ancora di iniziare aveva già organizzato un bel casino a quanto pare?… Eppure il Joint Committee on Vaccination and Immunization, pur riportando numerosi casi di meningite post vaccinica nel Regno Unito, non assume alcuna iniziativa.

A cavallo tra il 1991 e il 1992 il Legal Aid Board riceve un numero elevato di domande di risarcimento per i bambini danneggiati dal vaccino MPR. Nello stesso periodo sono pubblicati i risultati di uno studio di sicurezza iniziato 4 anni prima che dimostra un aumento dell'incidenza di reazioni avverse al vaccino MPR.

Nel settembre 1992 la SmithKline Beecham (l'attuale GSK) obbliga uno stop urgente del vaccino PLUSERIX utilizzato nel Regno Unito. Inoltre, altissimi rischi di reazioni anafilattiche vengono riportate negli Stati Uniti e pubblicati nello studio Allergic reactions to MMR vaccine; anche questo studio scagionerebbe la tesi della malafede perchè è pubblicato niente di meno che da PEDIATRICS. La stessa rivista che a settembre 2010 dichiara che il Mercurio è scientificamente sano (pensate che razza di contraddizioni criminali!).

Sempre a settembre del 1992 entra in gioco il famoso vaccino MMR II della Merck Sharp & Dhome in sostituzione del sopra citato PLUSERIX e del IMMRAVAX. La notizia venne riportata dall'edizione cartacea del Telegraph col titolo “Brain Disease Ban on Vaccine“. Il Segretario di Stato del Ministero della Salute Britannico Virginia Bottomley scrive a questo punto al Governo informandolo che il vaccino trivalente è sottoposto a indagini a causa di numerosi report di reazioni avverse.

Permettetemi anche qui una battuta: il Segretario di Stato è forse complice e seguace di Wakefield oppure possiamo considerarla al di sopra di ogni sospetto?

L'autorevole The Indipendent riporta un articolo dal titolo “Children received vaccine despite meningitis link” (I bambini ricevono ugualmente il vaccino nonostante il collegamento con la meningite).

Solo nel 1994 il Dr. Wakefield scrive al Dr. Aylsa Baxter della GSK per allertarlo sulla sicurezza dei vaccini e chiedendo un incontro. Nello stesso periodo Rutter et All pubblicano uno studio dal titolo Autism and known medical conditions; myth and substance dove affermano apertamente la correlazione tra vaccini e autismo.

Nell'Aprile del 1995 The Lancet pubblica la “possibile” relazione tra vaccino antimorbillo e infiammazioni intestinali Is measles vaccination a risk factor for inflammatory bowel disease? e proprio in quell'anno ha luogo il primo contatto con Rosemary Kessick che è la madre del bambino #2 dello studio The Lancet 12… ovvero lo studio commissionato al Dr. Wakefield e al quale hanno lavorato anche il Professor John Walker Smith del St Bartholomew's Hospital (che ha subìto lo stesso destino di Wakefield) e il Professor Simon Murch Harry (dichiarato non colpevole).

A dicembre del 1995 The Sunday Times riporta la notizia dell'incarico conferito al Dott. Wakefield in contemporanea al Dott. Reed Warren che avrebbe condotto ricerche negli Stati Uniti.

A gennaio del 1996 il Dr. Wakefield incontra l'Avvocato Richard Barr per chiedere come comportarsi in merito alla causa di correlazione tra il Morbo di Crohn e il vaccino MPR. Inizia così da parte del Dr. Wakefield e del Professor Smith la preparazione di un protocollo d'indagine per i bambini con disturbi comportamentali e disordini intestinali.

Ad agosto del 1996 parte lo studio pilota per la ricerca del virus del morbillo in cinque bambini con il Morbo di Crohn e in cinque bambini con Autismo associato a problemi intestinali.

A settembre del 1996 il protocollo clinico di ricerca 172-96 viene sottoposto al parere della Commissione Etica del Royal Free Hospital per la sua approvazione.

A ottobre 1996, verrebbe da dire con “tempestività scientifica”, il Rettore della Medical School è messo sotto pressione dal Governo britannico per fermare la ricerca in merito alla sicurezza del vaccino. Il Rettore non si scoraggia e scrive al Comitato Etico del British Medical Association per fornire rassicurazioni in merito allo studio pilota.

Mentre il Rettore si trova costretto a districarsi in questo mare agitato, a novembre del 1996 esce uno studio di Ring et al. Evidence for an infectious aetiology in autism pubblicato sulla rivista Pathophysiology.

Proprio grazie a questa boccata di ossigeno “scientifica”, a gennaio 1997 il Comitato Etico del British Medical Association approva il protocollo clinico 172-96 allargando lo studio a 25 bambini con disordini comportamentali.

Questo è il punto di partenza della più grande controversia scientifica e di tutti gli intrighi che ne seguiranno in merito al vaccino MPR: il più grande scandalo della medicina.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione