Alimentazione

Sicurezza alimentare: i prezzi del cibo resteranno alti e volatili



prezzi alimentari
I prezzi alimentari resteranno alti e caratterizzati da una volatilità sostenuta e, forse, anche in aumento

I prezzi alimentari resteranno alti e caratterizzati da una volatilità sostenuta e, forse, anche in aumento. A rivelarlo è il rapporto The State of Food Insecurity in the World 2011 (Sofi) curato da Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura), Pam (Programma alimentare mondiale) e Ifad (Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo).

Come ha spiegato il curatore del rapporto Kostas Stamoulis, direttore della divisione Fao economia dello sviluppo agricolo, “permangono i fattori che spingono la dinamica dei prezzi”. “Cresce la popolazione mondiale e quindi la domanda di cibo e cresce anche la domanda di energia che per un terzo è fornita dall'agricoltura sotto forma di biocarburanti”.

Più a rischio di sottonutrizione sono ovviamente i paesi più poveri e maggiormente legati all'import di cibo. Crisi come queste, sottolinea il rapporto, “mettono a rischio i nostri sforzi verso l'obiettivo di Sviluppo del Millennio di dimezzare per il 2015 il numero delle persone che soffrono la fame”, ma anche qualora quest'obiettivo venisse raggiunto “nei Paesi in via di sviluppo rimarrebbero comunque circa 600 milioni di persone sottonutrite e questo non è accettabile”.

A condizionare la crescita dei prezzi alimentari, sottolinea il rapporto, sicuramente c'è quel legame tra prezzi energetici ed agricoli che è fonte di instabilità. Anche la speculazione finanziaria,  sottolinea il rapporto, contribuisce ad alimentare la volatilità delle commodity agricole, ma non è la causa principale.

Il rapporto invita i governi nazionali a prevenire la volatilità e lo stato di insicurezza alimentare creando un ambiente positivo - tramite investimenti, ricerca e infrastrutture - per la crescita dell'agricoltura e della sua produttività, con particolare riferimento ai contadini delle aree più povere. Fao, Ifad e Pam giudicano inoltre negativamente le misure proibizionistiche messe in atto nel commercio internazionale da alcuni Stati in quanto oltre ad alimentare l'instabilità dei prezzi sullo scenario globale, possono creare anche sul mercato interno fenomeni di volatilità.

Il rapporto raccomanda anche i governi di avere più trasparenza su tutto quello che concerne la produzione e gli stock, in modo che i mercati internazionali abbiano dati reali della situazione. L'obiettivo dei governanti, conclude il rapporto, deve esser quello di “elevare il profilo dell'agricoltura” al fine di raggiungere uno stato di sicurezza e benessere alimentare per tutti.

“Per combattere la povertà ed evitare nuove crisi alimentari globali é indispensabile muoversi in due direzioni precise: adottare subito adeguate misure per stabilizzare i prezzi del cibo e sviluppare politiche che permettano di aumentare la produttività agricola nei paesi del Sud del mondo”. Lo ha dichiarato il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, commentando il rapporto The State of Food Insecurity in the World 2011.

Politi ha ricordato che “da giugno 2010, i rincari dei prodotti alimentari hanno spinto nella povertà assoluta 44 milioni di persone e non perché nel mondo non vi fosse cibo a sufficienza, ma perché costava troppo. Se i prezzi alimentari continueranno a salire, altre 34 milioni di persone saranno a rischio”.

“A livello globale - spiega il presidente della Cia - il costo del paniere dei beni alimentari è cresciuto quasi del 50 per cento solo nell'ultimo anno. Colpa del caro-petrolio, ma anche delle enormi manovre speculative, che hanno trasformato il cibo in un 'capitale' da spostare sui mercati finanziari internazionali. Ecco perché ora non c'è più tempo da perdere: occorrono più regole, e regole comuni, per mettere un freno alle speculazioni sul cibo e stabilizzare i prezzi delle commodity”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Tribunale di Ivrea: l'uso scorretto del cellulare causa di tumore 21 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini gonfiati per intascare i bonus: Procura di Trieste indaga per falso e truffa 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, caso Report. Garattini: “Serve trasparenza” 19 APR 2017 VACCINAZIONI
Ictus: ecco come l'attività fisica influisce sulla qualità della vita 14 APR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi uccidono 200.000 persone ogni anno 13 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Anziani: il magnesio protegge dalle fratture 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Avocado, sai perché fa bene? 13 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini: Demicheli lascia la sanità piemontese 13 APR 2017 VACCINAZIONI
Il Dr. Roberto Gava invia una segnalazione alla Commissione Centrale dei Medici 12 APR 2017 VACCINAZIONI
Grecia: Novartis avrebbe corrotto migliaia di persone 10 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Depressione in aumento: “la malattia più invalidante al mondo” 7 APR 2017 SALUTE
Vuoi dormire bene? Ecco cosa mangiare a cena 7 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Alcol fuori pasto: consumo in crescita 7 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini obbligatori: il Tar dell'Emilia Romagna chiede chiarezza al Ministero della Salute 5 APR 2017 VACCINAZIONI
Alzheimer: scoperta l'origine della “malattia del secolo” 5 APR 2017 SALUTE
“Vaccini? Deve esserci una scelta”. Le voci della manifestazione nazionale 3 APR 2017 VACCINAZIONI
Gravidanza: in Italia troppi cesarei e controlli inutili 3 APR 2017 SALUTE
Così gli allevamenti intensivi distruggono la biodiversità 3 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Autismo: diagnosi solo per 1 bambino su 2 3 APR 2017 AUTISMO
La vitamina D previene raffreddore e influenza 31 MAR 2017 SALUTE
Bambini esposti al piombo: quali effetti sul cervello? 31 MAR 2017 INFANZIA
Banche del latte: al via una nuova tecnica per preservarlo 31 MAR 2017 INFANZIA
Sai perché lo sport fa bene alla salute? 31 MAR 2017 SALUTE
Il Regno Unito verso una tassa sulle bevande zuccherate 29 MAR 2017 SALUTE
Qual è la migliore cura dopo un infarto o ictus? 29 MAR 2017 SALUTE
Medici e infermieri: 1 su 3 teme gli effetti avversi dei vaccini 29 MAR 2017 VACCINAZIONI
Inutili e dannosi: ecco la lista dei farmaci da evitare 27 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Italia, il Paese più sano al mondo 27 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccinazioni: in piazza per la libertà di scelta 22 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Risolvere casi difficili con l'omeopatia”: il XXII seminario internazionale di Medicina Omeopatica 22 MAR 2017 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione