Infanzia

Prevenzione delle patologie pediatriche (parte prima): permettiamo al sistema immunitario del neonato di maturare


CATEGORIE: Infanzia

bambino
Prima di somministrare ad un neonato una qualsiasi terapia potenzialmente o sicuramente immunosquilibrante, si dovrebbero valutare attentamente le condizioni del ricevente

È scientificamente acquisito che la suscettibilità alle infezioni è massima nella prima infanzia a causa di una immaturità del sistema immunitario innato e adattativo del bambino.

L'immunità innata e quella adattativa rappresentano le due modalità di difesa immunitaria dell'uomo e sono caratterizzate da un insieme di meccanismi biochimici di difesa cellulare volti a prevenire, a combattere e a distruggere gli agenti patogeni.

L'immunità innata
è più attiva nel neonato, ha una scarsa specificità, è caratterizzata da un insieme di meccanismi biochimici di difesa cellulare volti a prevenire, a combattere e a distruggere gli agenti infettivi e agisce utilizzando essenzialmente le barriere anatomiche, ma anche le proteine del sistema che controlla l'infiammazione, il sistema dei macrofagi, le cellule NK e le citochine.

L'immunità adattativa
è una risposta immunitaria caratterizzata dal suo adattamento a ciascuna infezione, è totalmente immatura nel neonato, è generalmente più efficace e comunque più specifica dell'immunità innata, seppure impieghi più tempo di quest'ultima per agire, e si divide in immunità umorale (basata sulla produzione di anticorpi) e immunità cellulo-mediata (basata sulla produzione di cellule capaci di distruggere le cellule infettate o anomale).

La scarsa capacità protettiva dei neonati verso le infezioni viene attribuita ad una ridotta produzione di citochine di tipo Th1, specie di interferone gamma (IFN-γ). Infatti, se in un adulto un buon bilanciamento della risposta immunitaria Th1 e Th2 e della loro conseguente produzione di citochine è espressione di buona salute immunitaria, in un bambino che si trova nel periodo pre-natale o immediatamente post-natale questo equilibrio manca, perché la funzione dei linfociti Th (o T helper) è sbilanciata con maggior risposta immunitaria di tipo Th2 e si giunge all'equilibrio Th1/Th2 solo verso i 5-6 anni d'età.

Per raggiungere questo equilibrio è di estrema importanza l'esposizione alle infezioni infantili, perché è in questo modo che il sistema immunitario infantile si fortifica e matura proteggendo l'individuo contro lo sviluppo di future patologie infettive e allergiche.

Pertanto, se il nostro obiettivo non è quello di evitare una patologia infettiva (per esempio il morbillo o l'influenza), ma di fortificare il sistema immunitario del bambino e aumentare le sue difese contro TUTTI i germi presenti e futuri, dovremmo riflettere molto prima di intraprendere la via delle vaccinazioni pediatriche di massa, perché in questo modo riduciamo nel bambino le occasioni di fortificare la sua immunità aspecifica, cioè quella capace di proteggerlo in modo generalizzato (mentre i vaccini forniscono una immunità specifica dato che lo proteggono solo verso il singolo germe nei confronti del quale è stato inoculato il vaccino).


Ovviamente ci vuole ponderazione in questa scelta a favore o a sfavore delle vaccinazioni pediatriche e la decisione finale può essere presa correttamente solo dopo aver adeguatamente studiato la storia personale, familiare, fisiologica e patologica del neonato, unitamente alle informazioni sull'igiene di vita della famiglia e a quelle di tossicologia ambientale.

Se invece tutto questo non viene fatto e si instaura uno squilibrio cronico della bilancia immunitaria Th1/Th2, assisteremo in quel bambino ad uno sviluppo futuro delle patologie allergiche (come dermatiti, riniti e asma) in caso di una persistente prevalenza della risposta immunitaria Th2, oppure ad uno sviluppo futuro delle patologie autoimmuni (come diabete di tipo 1, tiroiditi, malattie demielinizzanti, artriti, ecc.) in caso di una persistente prevalenza della risposta immunitaria Th1.

 

Comunque, non va neppure dimenticato che la produzione di citochine da parte dei neonati è in genere molto eterogenea, perché dipende da moltissimi fattori tra i quali pesano in modo particolare l'igiene alimentare, l'inquinamento ambientale, lo stress familiare nel senso più ampio del termine e i trattamenti farmacologici.

Oltre a questi, sono molteplici, variabili qualitativamente e quantitativamente e non sempre prevedibili molti altri fattori sia equilibranti che squilibranti che influenzano il sistema immunitario e globalmente tutto l'organismo di ogni singolo bambino e solo un'analisi medica approfondita e personalizzata li può individuare.

In conclusione, prima di somministrare ad un neonato una qualsiasi terapia potenzialmente o sicuramente immunosquilibrante (antibiotici, cortisonici o anche i vaccini pediatrici), si dovrebbero valutare attentamente le condizioni del ricevente per decidere se è nella condizione di sopportare adeguatamente o meno il trattamento.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (2)

Articoli di Roberto Gava

Allarme inquinamento. Che futuro avranno i nostri figli? 12 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
3 consigli per prevenire le malattie invernali dei bambini 7 DIC 2016 INFANZIA
Alcune cose che forse non sapevi sulle allergie 14 OTT 2016 INFANZIA
Quanto è importante il sonno per la salute di tuo figlio? 10 OTT 2016 SALUTE
Acido folico: la vitamina che devi assumere in gravidanza 4 OTT 2016 INFANZIA
Vaccini pediatrici: la Federazione Nazionale dei Medici dimentica i bambini danneggiati 30 LUG 2016 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per migliorare le vaccinazioni pediatriche. La storia di Manuel 26 LUG 2016 VACCINAZIONI
Ipertensione arteriosa: come prevenirla e affrontarla? 17 GIU 2016 SALUTE
Come sospettare e correggere una debolezza immunitaria dei nostri figli 24 MAG 2016 INFANZIA
Obesità e cancro: le conseguenze della cattiva alimentazione 16 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Mangiare la carne fa bene o male alla salute? 12 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Educazione alimentare per una corretta Igiene di Vita 8 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
SOS Alimentazione Pediatrica: dobbiamo cambiare l’alimentazione dei nostri bambini 11 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
La verità sugli studi sul vaccino antinfluenzale 26 NOV 2015 VACCINAZIONI
Le falsità sull'AIDS: un altro inganno della nostra "Scienza Moderna"? 4 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccinazioni Pediatriche: Lettera aperta al Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità 20 OTT 2015 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per la Somministrazione di Diete Vegetali e Integrali nella Ristorazione Scolastica e Ospedaliera 17 OTT 2015 ALIMENTAZIONE
Perché voglio ammalarmi? 2 OTT 2015 MEDICINA PREVENTIVA
Importante riconoscimento alla Dr.ssa Patrizia Gentilini, oncologa e studiosa dei danni dell’inquinamento ambientale 30 SET 2015 SALUTE
Il vaccino Morbillo Parotite Rosolia in una ragazza di 30 anni 16 SET 2015 VACCINAZIONI
Solo la prevenzione può aiutarci contro le malattie cardiache e il cancro 11 SET 2015 SALUTE
Conoscere e prevenire le patologie cardiovascolari e il cancro: una proposta di cammino insieme 29 LUG 2015 SALUTE
Vaccini, non c'è una verità 10 LUG 2015 VACCINAZIONI
Vaccino anti-papillomavirus: lanciato un appello per la sospensione 8 GIU 2015 VACCINAZIONI
Il vaccino contro il morbillo: ecco in cosa dissento dal Prof. Garattini 3 GIU 2015 VACCINAZIONI
Ecco come la malattia ci insegna a vincere lo stress che l’aveva causata 30 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione e terapia dello stress 25 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte seconda): importanza dell'ambiente per la maturazione del sistema immunitario infantile 18 FEB 2015 INFANZIA
Un augurio per l'anno nuovo: ridurre gli psicofarmaci pediatrici 1 GEN 2015 DENUNCIA SANITARIA
Alcune riflessioni sull'influenza, sul vaccino e sulla loro mortalità 7 DIC 2014 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Roberto Gava







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione