Omeopatia

Prevenzione omeopatica della malaria

Fonte: lastampa.it


CATEGORIE: Omeopatia

malaria
L’ottanta per cento dei casi di malaria dell’ intero pianeta si verifica in Africa sub-sahariana

Uno studio prospettico randomizzato, della durata di due anni, si svolgerà sotto la direzione del Dr. Maurizio Bolognesi

Mi è giunta una interessante comunicazione dalla Presidenza italiana della Liga Medicorum Homoeopathica Internationalis (L.M.H.I.) circa questo progetto di prevenzione della malaria. La L.M.H.I. è la più importante associazione mondiale in campo omeopatico fondata nel 1925 a Rotterdam dai medici omeopatici di tutto il globo terrestre ed è l'espressione più rappresentativa del pensiero omeopatico attuale. Questo progetto ha avuto il suo patrocinio.

L’ottanta per cento dei casi di malaria dell’ intero pianeta si verifica in Africa sub-sahariana. L’intera area tropicale è comunque interessata, e con il riscaldamento globale la malaria rischia di tornare ad essere un problema anche nelle aree sub-tropicali e temperate.

L’eradicazione totale dell’Anofele nell’Africa sub-sahariana appare un obiettivo irrealizzabile, data la vastità del territorio coinvolto e un impatto ambientale non sostenibile per le popolazioni locali a seguito di un eventuale uso massiccio di insetticidi. Nel corso di questi ultimi anni si è inoltre assistito ad un preoccupante, ciclico aumento della resistenza del Plasmodio alle nuove molecole impiegate nella prevenzione e nel trattamento chimici- convenzionali. L’uso estensivo di profilassi e terapia chimica con plasmodicidi sta inducendo continue mutazioni nel parassita, creando di fatto dei «Plasmodi-mostro» sempre più resistenti ai farmaci. In Costa d’Avorio la clorochina, un tempo efficace, già 10 anni fa vedeva la sua efficacia ridotta del 75%, ed ora è stata ritirata definitivamente dalle farmacie.

Il progetto di ricerca proposto prevede una prevenzione della malaria per le popolazioni residenti in zona d’endemia secondo un protocollo di Omeopatia maturato a seguito di uno studio-pilota svolto durante dodici anni di soggiorni in Africa subsahariana e aggiornato e perfezionato di anno in anno, dal dott. Maurizio Bolognesi. Tale strategia preventiva promette di avere una efficacia paragonabile all’unica profilassi convenzionale oggi rimasta affidabile in queste zone (l’associazione atovaquone/proguanil) senza averne però la tossicità a medio e a lungo termine, tossicità che la rende problematica per periodi di somministrazione superiori a tre mesi.

Per confermare le possibilità di prevenzione omeopatica individuate dallo studio preliminare, viene proposto uno studio controllato-randomizzato su 150 volontari in una zona ad alta endemia. Lo studio, della durata di due anni, si svolgerà sotto la direzione del Dr. Maurizio Bolognesi, e vedrà la partecipazione di personale locale. Il progetto prevede anche la realizzazione di un Centro di Salute Comunitaro dotato di laboratorio, sale da visita e dispensario e la creazione di una Scuola di Omeopatia Hahnemanniana per la formazione in loco di dieci medici omeopatici.

La ricerca verrà effettuata in maniera indipendente e trasparente, secondo i più stretti criteri di ortodossia omeopatica e di scientificità. Ai prezzi attuali, la prevenzione omeopatica qui proposta avrebbe in Africa un costo di circa 0.50 centesimi di euro al mese per persona, e sarebbe quindi accessibile e probabilmente sovvenzionabile dai governi locali. Si ritiene che la metodica individuata, qualora validata da una ricerca di questo tipo, possa costituire una grande opportunità per i paesi in via di sviluppo, in gran parte situati in aree di endemia malarica, con importanti benefici per il benessere e la qualità della vita delle popolazioni locali.

Durata: anni 2
Luogo proposto: Abidjan, Costa d’Avorio, Africa sub-sahariana.
Direttore: Dr. Maurizio Bolognesi, M.D., Abidjan, Costa d’Avorio. - Ricercatore associato alla Presidenza italiana della Liga Medicorum Homoeopathica Internationalis (L.M.H.I.). (dal 1998) - Ricercatore del P.N.P.M.T., Dipartimento per la promozione delle medicine tradizionali - Ministero della Salute della Costa d’ Avorio (2004-2008).
Patrocinio: Presidenza Italiana della L.M.H.I. (dal 1998).
Collaboratori: Dr. Pietro Gulia, M.D., Roma, Italia – Nairobi, Kenia Dr. Riccardo Tomassini, M.D., Roma (Responsabile contatti con le Istituzioni)
Finalità: Si propone uno studio controllato randomizzato (RCT trial) su 150 volontari in zona di endemia malarica: Abidjan, Costa d’Avorio, Africa sub-sahariana. Si tratta di un’area dove la malaria è endemica e la frequenza media di attacchi malarici per abitante è di tre (3) all’ anno.

Scopo della ricerca è confermare le possibilità di prevenire la malaria, e quindi ridurre od eliminare la suscettibilità alla malattia, con il corretto impiego della metodica omeopatica creata a seguito dello studio preliminare svolto in zona d’ endemia (Costa d’Avorio) dal Dr. M. Bolognesi (1998-2011).



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Alberto Magnetti

Trolling & Homeopathy, la diffamazione mediatica dell'omeopatia 29 FEB 2016 OMEOPATIA
Omeopatia vera “Slow Medicine”. Come sostenere una decrescita felice dei costi sanitari 7 MAR 2014 OMEOPATIA
L'omeopatia perde un grande amico, la scienza un grande pensatore e il mondo un uomo libero 5 FEB 2014 OMEOPATIA
Il miglior regime di vita secondo l'omeopatia 7 MAG 2013 ALIMENTAZIONE
L’Omeopatia è una vera 'Slow Medicine' e sostiene una decrescita felice dei costi sanitari 28 GEN 2013 OMEOPATIA
Continua ad aumentare il successo dell'Omeopatia tra i cittadini europei 17 AGO 2012 OMEOPATIA
Medicinali Omeopatici: dimostrata la riproducibilità in laboratorio 2 MAG 2012 OMEOPATIA
L'omeopatia tra informazione e disinformazione 5 MAR 2012 OMEOPATIA
La medicina degli Affari - Ovvero: il Davide omeopatico contro Golia Big-Pharma 22 GEN 2012 SALUTE
Il diavolo e l'omeopatia 8 NOV 2011 OMEOPATIA
Riparte la crociata contro l'omeopatia 24 OTT 2011 OMEOPATIA
Oltre la metà dei medici di famiglia è d'accordo sull'impiego della medicina omeopatica nella pratica clinica 28 MAG 2011 OMEOPATIA
Evoluzione di un omeoscettico. In risposta alla crociata contro l'omeopatia 22 FEB 2011 OMEOPATIA
10:23 Una occasione fallita 6 FEB 2011 OMEOPATIA
Un Nobel per l'Omeopatia 8 GEN 2011 OMEOPATIA
Quale medicina vogliamo per il futuro? 27 DIC 2010 SALUTE
L'impiego della Medicina Omeopatica nella patologia muscolo-scheletrica 20 OTT 2010 OMEOPATIA
Davide e Golia, la tensione tra la Medicina Omeopatica e l'industria del farmaco convenzionale 6 SET 2010 OMEOPATIA
Omeopatia efficace per otto persone su dieci 9 LUG 2010 OMEOPATIA
Le piante risentono dell'effetto placebo o sono davvero sensibili ai farmaci omeopatici? 16 GIU 2010 OMEOPATIA
Anche i topolini sono sensibili alle medicine omeopatiche 17 MAG 2010 OMEOPATIA
L'omeopatia nelle malattie allergiche e respiratorie 3 MAG 2010 OMEOPATIA
I dolori e le irregolarità mestruali trattati con la legge dei simili 15 MAR 2010 OMEOPATIA
La Medicina Omeopatica per la cura degli animali 15 MAR 2010 OMEOPATIA
'Omaggio' agli eroici sperimentatori inglesi contrari all'omeopatia 11 MAR 2010 OMEOPATIA
Invecchiare bene attraverso l'impiego della medicina omeopatica 21 GEN 2010 OMEOPATIA
Che cosa è la medicina omeopatica 18 DIC 2009 OMEOPATIA
Come difendersi dal raffreddore con l'omeopatia 18 NOV 2009 OMEOPATIA
Il trattamento omeopatico della cefalea 17 NOV 2009 OMEOPATIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione