Infanzia

Come si prevengono le carie nel bambino?



bambini denti carie
Come si prevengono le carie nel bambino?

La pedodonzia è la branca odontoiatrica che si occupa della cura dei denti da latte. Il trattamento fondamentale e più efficace, specialmente in questo ambito, è la prevenzione, abbinata a controlli periodici dal proprio dentista fondamentali per poter trattare per tempo e con meno invasività i primi segni di carie.

I trattamenti preventivi che è possibile utilizzare per migliorare lo stato di salute dei denti sono molteplici, ad esempio la profilassi con il fluoro, le sigillature dei denti permanenti, lo studio dello sviluppo osseo e dentale, ecc.. Vediamoli nello specifico.

 

Fluoroprofilassi

L'assunzione di fluoro nei bambini è una tappa fondamentale per la prevenzione della carie: la fluoroprofilassi può essere sistemica o locale (topica) e si realizza (negli ambulatori dentistici) mediante l'utilizzo di mascherine trasparenti bagnate di fluoro e lasciate in bocca per un certo periodo di tempo. Questo trattamento  si usa soprattutto nei pazienti molto soggetti a rischio carie, e permette il rinforzo e la ri-mineralizzazione dei denti.

L'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) raccomanda le seguenti dosi:

- 0,25 mg al giorno in gocce da 6 mesi ai 3 anni

- 0,50 mg al giorno di fluoro in pastiglie da 3 a 6 anni

- Dopo i sei anni l'uso di un dentifricio contenente almeno 1000 ppm. di fluoro, due volte al giorno consente una normale ed efficace prevenzione.

 

Sigillatura dei denti

E' un trattamento che si usa per proteggere i denti permanenti  con una resina che va a riempire i solchi più profondi, rendendo di conseguenza più facile la pulizia e lo spazzolamento; allo stesso tempo è in grado di impedire al cibo di restare bloccato in quelle zone.

 

Studio dello sviluppo delle arcate dentarie

L'ortodonzia intercettiva è una specialità nata con lo scopo di prevenire e curare precocemente le malposizioni dei denti e le malocclusioni. Se queste ultime sono diagnosticate per tempo e trattate con accuratezza, evitano il peggioramento della situazione iniziale e di richiedere in futuro un trattamento più lungo e complesso.

 

Le principali terapie a cui potrebbe essere sottoposto il tuo bambino

- Igiene orale: trattamento utile per sfiammare le gengive e mantenere i denti liberi dalla placca.

Normalmente si consiglia di farla ogni 6 o 12 mesi a seconda del livello di igiene orale che riesce a tenere il bambino. Andare al dentista con regolarità aiuta anche a prendere per tempo eventuali problemi.

- L'otturazione del dente deciduo, cioè un restauro del dente da latte, spesso effettuata in combinazione della rimozione della carie.

- Il trattamento endodontico del dente deciduo si realizza quando la carie arriva al nervo del dente, compromettendolo. Normalmente ci si accorge di questo perché in bocca si forma una pallina o si nota un gonfiore che provoca dolore al bambino stesso. L'unico modo per far riassorbire l'ascesso o evitare che cronicizzi è rimuovere il tessuto infiammato e medicare il dente prima di otturarlo.

- La sedazione cosciente con Protossido d'Azoto: è una particolare tecnica di sedazione che si usa per far rilassare i pazienti più ansiosi, rendendoli collaborativi e più sereni. Il macchinario si compone di una miscela di due gas, il protossido d'azoto e l'ossigeno, che respirati con il naso sono in grado abbattere l'ansia e la paura che a volte impediscono i normali trattamenti.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Edoardo Matteoda

Come pulire (e mantenere sani) i denti da latte 4 OTT 2016 INFANZIA
Sai cosa sono e perché si cariano i denti da latte? 14 SET 2016 INFANZIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione