Attualità

A Portland il primo edificio a 'triplo zero'

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Attualità

portland
A Portland il primo edificio a 'triplo zero'

Portland, la più grande città dell’Oregon con più di 600 mila abitanti, è quasi sempre ai primi posti delle classifiche dei centri urbani “verdi” degli Stati Uniti.

Secondo l’indice “Future Metropolis” sviluppato da ZipCar/KRC Research è il quarto più ecologico degli Usa, dietro San Francisco, Seattle e Washington.

Basti pensare che, grazie a una rete di trasporti pubblici efficienti e a 500 km di piste ciclabili, registra il 20% in meno di auto rispetto agli altri centri delle stesse dimensioni; che la raccolta differenziata tocca il 75%, e che il comune è stato il primo, nel 1993, ad adottare un piano di riduzione della CO2 (entro il 2030 punta a diminuire le emissioni del 40% e a produrre un quarto della propria energia da fonti rinnovabili).

Non stupisce che proprio qui si stiano toccando punte di eccellenza anche nell’edilizia sostenibile. A Portland sono presenti 150 edifici certificati Leed (Leadership in Energy and Environmental Design), ma il progetto più ambizioso è certamente quello dell’Oregon Sustainability Center (Osc).

Quando sarà completato (probabilmente alla fine del 2013) costituirà il primo esempio di immobile americano a “triplo zero”: zero emissioni, zero rifiuti, zero energia. Costruito interamente con materiali locali, l’Osc sarà infatti completamente autosufficiente sia per quanto riguarda l’elettricità che l’acqua.

Unica nota stonata, il costo. Per questo “prototipo” saranno impiegati ben 67 milioni di dollari, ovvero 434 dollari per metro quadrato costruito: ancora troppo per ragionare in termini “commerciali”.

Anche in Italia si sta facendo strada un Building Council Italia, associazione non profit che promuove il sistema di certificazione Leed, i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e realizzazione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a impatto ambientale contenuto. Criteri soddisfatti, ad esempio, dall’Energy Park di Vimercate e dalla scuola “Giacomo Floriani” di Riva del Garda.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Andrea Barolini

Il clima rovente affamerà il mondo 30 MAG 2016 ATTUALITà
Fukushima, il disastro costa 50 miliardi 10 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi: le alternative esistono (e funzionano) 30 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Le centrali a carbone "rischiano" di farla franca 10 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
In Bretagna l’eolico è cittadino e cooperativo 8 APR 2015 ATTUALITà
In Giappone si coltiva al chiuso. Vicino a Fukushima 21 GEN 2015 ALIMENTAZIONE
Anno astrale 2100. Quale Pianeta per i nostri nipoti? 17 DIC 2014 ATTUALITà
Antartico, in mille anni mai così a rischio 4 SET 2013 ATTUALITà
Gioco d'azzardo. Se il banco lo tiene la mafia 7 GIU 2013 ATTUALITà
Il solare da record negli Emirati Arabi 21 MAG 2013 ATTUALITà
Energia pulita al servizio del sociale 15 MAG 2013 ATTUALITà
Chi continua a puntare sull’energia pulita? 2 GEN 2013 ATTUALITà
Lo sporco business delle cavie umane 12 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Privatizzare non ci salverà dalla crisi 6 DIC 2012 ATTUALITà
Le attività umane prosciugano il Pianeta 28 NOV 2012 ATTUALITà
CO2: emissioni sottostimate in Cina 15 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA
Brasile, nelle favelas cibo in cambio di rifiuti 23 AGO 2012 ATTUALITà
Banche nere come il carbone 8 GIU 2012 DENUNCIA SANITARIA
Patagonia cilena, la rivolta contro il carbone 5 GIU 2012 ATTUALITà
Africa: gli speculatori all’attacco della terra 4 OTT 2011 ETICA
G20 Agricoltura. Un fallimento annunciato 3 OTT 2011 ALIMENTAZIONE
Gli scheletri finanziari della banca pubblica europea 4 LUG 2011 ETICA
Diversificare e allarmare. Big Pharma cerca nuove vie per il profitto 24 AGO 2010 DENUNCIA SANITARIA





Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione