Attualità

Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Attualità

Attese con trepidazione dagli ambientalisti, guardate con scetticismo dagli agricoltori: le nuove regole per rendere più sostenibile l’agricoltura europea sono al vaglio dell’Europarlamento. Che potrebbe stravolgere la proposta della Commissione Ue. Sullo sfondo, i tagli di budget per la nuova Pac

Da un lato gli ambientalisti e la Commissione europea. Dall’altro, buona parte del mondo agricolo e dell’Europarlamento. In mezzo il pericolo che alla fine tutto salti, vittima dei tagli di bilancio e della potente lobby dell’agroindustria. Si preannunciano infuocate le sedute che si terranno nei prossimi mesi nelle aule di Bruxelles e di Strasburgo.

Oggetto del contendere: il greening, uno degli strumenti più innovativi della prossima Politica agricola comune (Pac). Messo a punto dal commissario europeo per l’Agricoltura, il rumeno Dacian Ciolos, dovrebbe riunire una serie di pratiche agricole utili ad assicurare la conservazione della biodiversità, l’adattamento ai cambiamenti climatici e la tutela dei suoli coltivabili.

Pratiche volontarie, ma dalle quali, nelle intenzioni di Ciolos, dovrebbe dipendere una parte consistente del premio riconosciuto agli agricoltori dalla nuova Pac (il 30% dei pagamenti diretti). In pratica: o ci si adegua o gli aiuti economici si ridurranno drasticamente. A dire il vero, le critiche dei detrattori non si concentrano sul principio in sé quanto sugli strumenti per raggiungerlo. Tra i sostenitori è però forte il sospetto che questa sia solo tattica per ridurne l’impatto.

Tre azioni o niente premi
Per accedere ai premi della Politica agricola 2014-2020, la bozza della Commissione prevede tre azioni: mantenere i pascoli permanenti, destinare il 7% della superficie aziendale ad aree ecologiche (siepi, terreni lasciati a riposo, terrazze, zone di imboschimento) e diversificare le colture (le aziende più grandi di tre ettari dovranno avere almeno tre colture che non potranno superare ciascuna il 70% delle superfici seminate o essere inferiori al 5%).

Tre misure che promettono di incidere sensibilmente sulla vita e l’organizzazione dei 14 milioni di aziende agricole europee, che gestiscono oltre la metà del territorio Ue. Sono state salutate con favore dalle associazioni ambientaliste: «Con il greening – sottolineano Wwf, Italia Nostra, Fai, Associazione agricoltura biodinamica, Federbio e Società italiana di ecologia del paesaggio – sarebbe finalmente introdotto nella Pac un riconoscimento economico direttamente connesso ai servizi ambientali delle aziende agricole per conservare gli ecosistemi, ridurre l’inquinamento da pesticidi, aumentare la capacità di adattamento agli eventi climatici estremi».

Di tutt’altro avviso le associazioni dei produttori, che mettono in dubbio la reale efficacia delle azioni e la loro sostenibilità economica, soprattutto per le realtà di piccole dimensioni. «Il greening ha un obiettivo nobile e condivisibile – commenta Pietro Sandali, capo dell’area economica di Coldiretti –. Ma per le aziende italiane, la cui superficie media è di 7 ettari, destinare il 7% del terreno ad aree ecologiche, produrrebbe un aumento di costi insostenibile. In più l’obbligo di diversificazione, per come è scritto, non porterebbe nessun vantaggio né dal punto di vista agronomico né ambientale. Diversificare, infatti, non significa far ruotare le colture, ma solamente suddividere fra tre prodotti le aree coltivabili».

Il timore è che, per paradosso, le nuove norme portino a una deregulation delle coltivazioni. «Se i costi per adeguarsi alle regole supereranno i benefici economici dei fondi Pac, molti agricoltori potrebbero decidere di rinunciare ai premi per guadagnare grazie ad azioni meno sostenibili, ma più appetibili sui mercati». Analisi condivisa dal responsabile della Direzione Pac di Ismea, Camillo Zaccarini Bonelli: «Nelle aree più produttive d’Italia, oltre un terzo delle aziende per conformarsi al greening dovrebbe sostenere costi tali da non rendere conveniente la partecipazione al regime del pagamento unico».

«In realtà – osserva però Carlo Bogliotti, consigliere nazionale di Slow Food Italia – per i piccoli produttori, che praticano agricoltura biologica non cambierà nulla. Loro già rientrano nei parametri previsti dal greening. Rappresenta una perdita di denaro solo per i grandi produttori che fanno monocolture. Da loro arriveranno le pressioni più forti per ridimensionare la portata del provvedimento».

Ottomila emendamenti al Parlamento europeo
Dalle pressioni alle proposte di modifica il passo è breve. Tanto più che già a maggio il Consiglio dei ministri Ue dell’Agricoltura si era espresso nel senso di ridurre la portata del provvedimento. E così un fiume di emendamenti – circa ottomila – ha inondato la commissione Agricoltura dell’Europarlamento, impegnata nell’analisi del testo della nuova Pac. Quasi tutti puntano a cambiare le norme, in nome di una maggiore flessibilità e adattamento alle diverse realtà territoriali europee.

«La modifica del testo giunto dalla Commissione europea è una certezza – spiega l’eurodeputato Ppe, Giovanni La Via, uno dei tre relatori del provvedimento –. È il buonsenso a richiederlo: che ragione avrebbe ad esempio imporre agli olivicoltori italiani di abbattere i propri olivi per destinare il 7% del proprio terreno a spazi erbacei?».

L’idea che potrebbe prender piede è, da un lato, ridurre la quota di premio legata alle attività ecologiche; dall’altro, ampliare il numero di aziende esentate dall’obbligo di differenziazione delle colture («per quelle troppo piccole l’adeguamento renderebbe insostenibili i costi»). E potrebbe alla fine passare anche la proposta di creare un menù di azioni “verdi” tra le quali gli Stati membri potranno far scegliere le proprie aziende agricole: «Sarebbe un modo – commenta La Via – per onorare il principio di sussidiarietà tra Ue e singoli Stati che consentirebbe di rispettare le peculiarità dei vari territori».

Ipotesi che fanno inorridire gli ambientalisti: «Se si esentassero dalle regole del greening le aziende sotto i 10 ettari e si consentisse a quelle fino a 15 ettari di non effettuare la rotazione delle colture, quasi il 90% delle imprese non avrebbe obblighi ambientali. Percentuale che salirebbe al 96% se si consentisse la rotazione tra due sole colture per le aziende fino a 50 ettari».

Ma la battaglia tra le due fazioni potrebbe essere alla fine decisa non tanto dalla maggiore forza di uno dei contendenti, quanto dai tagli di bilancio. Il futuro del greening appare, infatti, strettamente connesso con l’entità dei fondi che saranno destinati alla nuova Pac.

Ad annunciarlo è lo stesso La Via: «Se ci sarà un taglio consistente del budget, nell’ordine del 15-20%, il greening salterà del tutto. Le discussioni tra i membri del Parlamento vanno in questa direzione. Nuovi vincoli per gli agricoltori sarebbero impensabili, se non compensati da contributi adeguati».



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera) 2 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23 21 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto 3 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi) 26 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista 24 APR 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE
Gas contro biogas: uccidono l'agricoltura 13 GEN 2012 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione