Denuncia sanitaria

Pianura Padana: l'inquinamento accorcia la vita di un anno


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

Vivere nella pianura Padana costa almeno un anno di vita. È quanto emerge da uno studio dell’Energy Policy Institute dell’Università di Chicago che ha indagato la relazione tra particolato e aspettativa di vita. Come emerge dallo studio, globalmente l’aria carica di pulviscolo riduce l’aspettativa di vita di 1,8 anni, ma la situazione è molto variegata rispetto alle aree geografiche. Secondo i ricercatori in Cina, India e Asia sud-orientale l’inquinamento atmosferico arriva a tagliare di diversi anni la longevità. In Europa mediamente si respira un’aria meno pericolosa, salvo che nelle regioni orientali e in Pianura Padana, appunto.

 

Nel dettaglio, le zone maggiormente interessate si irradiano dal centro della pianura e dal corso del Po mentre nelle zone subalpine si attenua la concentrazione di pulviscolo, la cui concentrazione è alta anche Piemonte, Liguria, Emilia, Toscana settentrionale e Triveneto. Nell’Italia centro-meridionale la qualità dell’aria risulta mediamente buona. In Pianura Padana si arriva a punte di 20-25 microgrammi, sebbene una ventina di anni fa la situazione era peggiore. Il problema, come emerge dallo studio, è che la concentrazione di particolato è molto localizzata e concentrata in Pianura Padana tanto da diminuire la longevità almeno di un anno.

 

Gli studiosi americani hanno preso in considerazione soprattutto le polveri ultrasottili ritenute molto nocive perché microscopiche e capaci di entrare nelle basse vie respiratorie e attraverso di esse nella circolazione del sangue. Sono il prodotto di combustibili fossili, utilizzati nei veicoli, impianti di riscaldamento e industrie.

 

Bisogna precisare che si tratta di stime teoriche e basate su modelli matematici che comprendono di risiedere 365 giorni l’anno in una zona con determinata concentrazione di polveri sottili e ferme altre variabili come stile di vita, alimentazione, etc.

 

Tuttavia, come sostiene il rapporto sostiene il rapporto Air Quality Life Index dell’Epic, l’aria contaminata è il più incisivo fattore di accorciamento della vita anche rispetto ad altri come il tabacco per il quale hanno calcolato 1,6 anni persi, alcool e droghe (11 mesi), acque inquinate (7 mesi), incidenti stradali (4,5 mesi), Hiv/Aids e malaria (4 mesi) e tubercolosi (3,5 mesi).

 

Un dato particolarmente preoccupante se si considera che il 75% della popolazione mondiale vive in aree che eccedono i limiti dell’Organizzazione mondiale della salute.

 

Inoltre, “mentre le persone possono smettere di fumare – sottolinea Michael Greenstone, direttore dell’Energy Policy Institute – o prendere precauzioni circa le malattie, vi è poco da fare individualmente per proteggersi dall’aria che respirano”.


“La situazione presente non è un destino ineluttabile – spiega Greenstone – quando ti guardi intorno ti rendi conto di come le politiche possano cambiare la qualità dell’aria e allungare la vita delle persone”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Tumori: il 4% dei casi causati dal sovrappeso 13 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Rischio infarto con le carni rosse: ecco perché 13 DIC 2018 ALIMENTAZIONE
Incidenti stradali: killer principale di giovani e bambini 12 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Cassazione: "Le linee guida per i medici non sono assolute”. Anche per i vaccini? 12 DIC 2018 SALUTE
Le 20 regole per evitare il diabete 10 DIC 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Ridurre l'inquinamento può salvare un milione di vite 10 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
La Toscana aggiorna e potenzia la rete delle cure palliative 7 DIC 2018 SALUTE
Pubertà precoce: sotto accusa i cosmetici delle mamme 7 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Giulia Grillo ha revocato tutti i membri non di diritto del Consiglio superiore di Sanità 5 DIC 2018 SALUTE
Sanità, D’Anna (Biologi): “Fare luce su ipotesi conflitto interesse a carico di Walter Ricciardi” 5 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
Insalate in busta contaminate da batteri resistenti agli antibiotici 3 DIC 2018 ALIMENTAZIONE
Asma: più a rischio i bambini in sovrappeso 30 NOV 2018 INFANZIA
Dieci allarmi alimentari al giorno nel 2018 30 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Sistema immunitario: conta soprattutto lo stile di vita 30 NOV 2018 SALUTE
Implant Files: giornalisti denunciano lo scandalo delle protesi killer 28 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Come affrontiamo lo stress: ecco cosa danneggia il cervello 28 NOV 2018 MEDICINA PREVENTIVA
Morbillo, coperture vaccinali ed epidemie: cosa dicono veramente i dati? 26 NOV 2018 VACCINAZIONI
Gas serra, nuovo record e nessun segnale positivo 26 NOV 2018 ATTUALITà
Franco Berrino: come prevenire le malattie cambiando alimentazione 23 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Le diossine negli alimenti preoccupano l'Europa 23 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Ostetrica licenziata perché non vaccinata? Ecco la verità 19 NOV 2018 VACCINAZIONI
Salvini. “In Italia troppi vaccini. Un favore alle case farmeceutiche?” 19 NOV 2018 VACCINAZIONI
Patata OGM, il creatore: “Ora temo per la salute umana” 15 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Sedentarietà: quasi 90mila morti ogni anno in Italia 15 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Morbillo: un caso di allarmi, smentite e propaganda 14 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'antibiotico resistenza fa strage in Italia, ma si parla solo di morbillo e vaccini 14 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Il tasso di fertilità mondiale si è dimezzato 12 NOV 2018 ATTUALITà
Vaccini: ai medici di Bologna un modulo di consenso o rifiuto 12 NOV 2018 VACCINAZIONI
Morbillo a Bari, l'Ordine Nazionale dei Biologi: “Procurato allarme... a mezzo stampa” 12 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Interferenti endocrini: la strategia Ue contro le sostanze pericolose 9 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione