Denuncia sanitaria

Pianura Padana: l'inquinamento accorcia la vita di un anno


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

Vivere nella pianura Padana costa almeno un anno di vita. È quanto emerge da uno studio dell’Energy Policy Institute dell’Università di Chicago che ha indagato la relazione tra particolato e aspettativa di vita. Come emerge dallo studio, globalmente l’aria carica di pulviscolo riduce l’aspettativa di vita di 1,8 anni, ma la situazione è molto variegata rispetto alle aree geografiche. Secondo i ricercatori in Cina, India e Asia sud-orientale l’inquinamento atmosferico arriva a tagliare di diversi anni la longevità. In Europa mediamente si respira un’aria meno pericolosa, salvo che nelle regioni orientali e in Pianura Padana, appunto.

 

Nel dettaglio, le zone maggiormente interessate si irradiano dal centro della pianura e dal corso del Po mentre nelle zone subalpine si attenua la concentrazione di pulviscolo, la cui concentrazione è alta anche Piemonte, Liguria, Emilia, Toscana settentrionale e Triveneto. Nell’Italia centro-meridionale la qualità dell’aria risulta mediamente buona. In Pianura Padana si arriva a punte di 20-25 microgrammi, sebbene una ventina di anni fa la situazione era peggiore. Il problema, come emerge dallo studio, è che la concentrazione di particolato è molto localizzata e concentrata in Pianura Padana tanto da diminuire la longevità almeno di un anno.

 

Gli studiosi americani hanno preso in considerazione soprattutto le polveri ultrasottili ritenute molto nocive perché microscopiche e capaci di entrare nelle basse vie respiratorie e attraverso di esse nella circolazione del sangue. Sono il prodotto di combustibili fossili, utilizzati nei veicoli, impianti di riscaldamento e industrie.

 

Bisogna precisare che si tratta di stime teoriche e basate su modelli matematici che comprendono di risiedere 365 giorni l’anno in una zona con determinata concentrazione di polveri sottili e ferme altre variabili come stile di vita, alimentazione, etc.

 

Tuttavia, come sostiene il rapporto sostiene il rapporto Air Quality Life Index dell’Epic, l’aria contaminata è il più incisivo fattore di accorciamento della vita anche rispetto ad altri come il tabacco per il quale hanno calcolato 1,6 anni persi, alcool e droghe (11 mesi), acque inquinate (7 mesi), incidenti stradali (4,5 mesi), Hiv/Aids e malaria (4 mesi) e tubercolosi (3,5 mesi).

 

Un dato particolarmente preoccupante se si considera che il 75% della popolazione mondiale vive in aree che eccedono i limiti dell’Organizzazione mondiale della salute.

 

Inoltre, “mentre le persone possono smettere di fumare – sottolinea Michael Greenstone, direttore dell’Energy Policy Institute – o prendere precauzioni circa le malattie, vi è poco da fare individualmente per proteggersi dall’aria che respirano”.


“La situazione presente non è un destino ineluttabile – spiega Greenstone – quando ti guardi intorno ti rendi conto di come le politiche possano cambiare la qualità dell’aria e allungare la vita delle persone”.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fame, obesità e diete improprie: la malnutrizione affligge i bambini 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I dieci cibi più pericolosi venduti in Italia 14 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I PFAS interferiscono con la vitamina D e causano l'osteoporosi 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
“Farmaco antipsicotico fa crescere il seno agli uomini”: condanna record per Johnson & Johnson 9 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bambini e sport: sfatiamo i falsi miti! 7 OTT 2019 INFANZIA
Gli adolescenti italiani tra poco sport, troppo alcol e social media 4 OTT 2019 SALUTE
Dieta mediterranea: il rimedio vincente per la cura del fegato grasso 25 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Yoga della Risata: perché imparare a ridere è la chiave di tutto 23 SET 2019 SALUTE
La Germania dice “sì” alla rimborsabilità dei farmaci omeopatici 20 SET 2019 OMEOPATIA
Così l'insonnia danneggia l'intestino 20 SET 2019 SALUTE
Diabete: alcuni lavori triplicano il rischio 19 SET 2019 SALUTE
Dalla gravidanza alla terza età: così lo Shiatsu allunga la vita 19 SET 2019 SALUTE
Qualità del sonno: un parametro ignorato nei colloqui con il medico 19 SET 2019 SALUTE
Il tè difende il cervello dal declino 16 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Cinque morti al minuto per errori terapeutici 16 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'obesità aumenta di 6 volte il rischio di diabete 16 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
L'Europa sottovaluta la tossicità dei pesticidi 13 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione