Denuncia sanitaria

Pfas in Veneto: “Le scuole usano ancora acqua inquinata”


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

acqua inquinata pfas

Nelle scuole hanno ripreso a cucinare i pasti utilizzando l'acqua dell'acquedotto inquinato dalle sostanze Pfas e se hanno sete durante la giornata devono bere dal rubinetto, perché solo a pranzo i bambini hanno le bottigliette d’acqua. È quanto denuncia Patrizia Zuccato, una delle madri del gruppo “mamme No-Pfas”, un gruppo di mamme di Montagnana, in provincia di Padova, che da oltre un anno si batte per la chiusura dell'azienda chimica Miteni di Trissino considerata responsabile degli sversamenti che hanno introdotto nel terreno e nelle falde sostanze perfluoroalchiliche, meglio note come Pfas e Pfoa.

 

“Il nostro è l’unico comune padovano inserito nella zona rossa, perché l’acquedotto pesca più a nord, nella falda inquinata. All’inizio del 2017 abbiamo avuto le prime notizie, quando la Regione Veneto ha annunciato lo screening sui ragazzi dai 14 anni in su. Noi in casa abbiamo cominciato a usare l’acqua minerale anche per cuocere la pasta. Ma ci siamo chieste: e a scuola? Con che acqua preparavano da mangiare in mensa? Questo volevamo sapere e quali misure avessero adottato a tutela della salute”.

 

“Siamo partite in poche -  continua in un'intervista Patrizia Zuccato - poi il movimento è cresciuto, i comitati si sono moltiplicati, pensiamo al lavoro fatto da Medicina Democratica e Legambiente. Abbiamo cominciato a documentarci, studiando anche di notte, consumando giorni di ferie. Volevamo sapere. Abbiamo scoperto che la situazione era più grave di quanto risultasse ufficialmente. E abbiamo cominciato a bussare a tutte le porte, con in mano le analisi delle acque e quelle mediche sui nostri figli. Dai Comuni alla Provincia, dagli ospedali alla Regione, fino a Bruxelles”.

 

“La nostra prima rabbia è nata dal fatto che non ci hanno informati, non hanno messo i cittadini nelle condizioni di sapere, di decidere come comportarsi”, denuncia la donna. “Non volevano creare allarmismi, non erano sicuri degli esiti… È una risposta agghiacciante. Anche sui pacchetti delle sigarette scrivono che il fumo nuoce alla salute. Noi abbiamo saputo dell’inquinamento da Pfas quando il danno era ormai fatto. Anche in assenza di certezze ce lo dovevano dire. La medicina ha dimostrato che c’è un danno di salute reale”.

 

“Prima della nostra battaglia – continua la donna - non esistevano i limiti poi fissati dal governatore Luca Zaia. Non esistevano nemmeno i progetti per realizzare i progetti di acquedotti alternativi, che portino acqua non inquinata nelle case e in tutte le comunità. Dopo il caos che abbiamo fatto anche alcune scuole si sono decise a usare l’acqua comperata in boccioni. Ma pare sia stata una vittoria di Pirro”.

 

“Con la nostra lotta cominciata un anno e mezzo fa abbiamo ottenuto risultati importanti, insperati, ma finché la fabbrica non sarà chiusa noi non ci arrenderemo”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Mezzo milione di morti in Italia per la resistenza agli antibiotici 18 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Malattie mentali in aumento nel mondo 18 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Parkinson: avremo presto una pandemia 15 FEB 2019 SALUTE
Chi ha il diabete di tipo 1 dovrebbe smettere di fumare 15 FEB 2019 SALUTE
Frutta e verdura ci rendono anche più felici 15 FEB 2019 ALIMENTAZIONE
Autismo: cinque regioni in rete per un progetto di ricerca 13 FEB 2019 AUTISMO
Trovati glifosato e metalli pesanti su api e miele 13 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Obesità: il rischio si individua già a 10 anni 11 FEB 2019 ALIMENTAZIONE
I tatuaggi possono provocare un'infiammazione degli occhi 11 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Inquinamento da plastica: il WWF lancia una petizione mondiale 8 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Aumenta il fatturato della GlaxoSmithKline: boom di vendita di vaccini 7 FEB 2019 VACCINAZIONI
Pfas in Veneto: il danno ammonta a 136 milioni di euro 6 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
La depressione? Dipende dall'intestino 6 FEB 2019 SALUTE
Spreco alimentare: quanto ci costa il cibo che buttiamo? 6 FEB 2019 ALIMENTAZIONE
Polonia: carne da bovini malati esportata in mezza Europa 4 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
OMS: “Rimuovere la cannabis dall'elenco delle sostanze più pericolose” 4 FEB 2019 SALUTE
“Caro ministro, i danneggiati da vaccino esistono. Ecco chi sono” 4 FEB 2019 VACCINAZIONI
Così l'esercizio aerobico migliora anche la mente 1 FEB 2019 SALUTE
I cambiamenti climatici danneggiano il cuore dei bimbi prima della nascita 1 FEB 2019 INFANZIA
Benessere animale? Le etichette sono ingannevoli 30 GEN 2019 ANIMALI
Il sonno è un analgesico naturale. Dormire male aumenta il dolore 30 GEN 2019 SALUTE
Bimba si ammala per il vaccino ma lo Stato non paga 30 GEN 2019 VACCINAZIONI
Vaccini scaduti ai bambini: nuovo scandalo in Cina 28 GEN 2019 VACCINAZIONI
India: no ai vaccini nelle scuole senza informazioni e consenso 28 GEN 2019 VACCINAZIONI
Ilva: Italia condannata dalla Corte Ue 25 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Camminare fa bene anche quando fa molto freddo 25 GEN 2019 SALUTE
Etichette: obbligo di indicare l'origine di tutti gli alimenti 25 GEN 2019 ALIMENTAZIONE
Glifosato: Francia vieta l'erbicida RoundUp della Monsanto 25 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Una dieta universale per salvare salute e ambiente 21 GEN 2019 ALIMENTAZIONE
Prezzi in aumento per i farmaci di uso comune 21 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione