Denuncia sanitaria

Pesticidi: l'esposizione sul posto di lavoro aumenta il rischio di malattie cardiache


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

pesticidi

L'esposizione sul posto di lavoro a livelli elevati di pesticidi può aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache o di avere un ictus. È quanto emerge da uno studio guidato da Zara Berg del Fort Peck Community College di Peck, nel Montana.

 

Gli studiosi hanno utilizzato i dati del Kuakini Honolulu Heart Program, istituito nel 1965 per studiare le malattie cardiache negli uomini di mezza età nippo-americani che vivono sull’isola di Oahu. I partecipanti sono nati tra il 1900 e il 1919 in Giappone o alle Hawaii e all'inizio dello studio avevano tra i 45 e i 68 anni all’inizio dello studio. I dati sono stati aggiornati fino al 1999 e ciò ha consentito fino a 34 anni di follow-up con chi è sopravvissuto.

 

Gli studiosi si sono concentrati su 7.557 uomini che avevano fornito informazioni sulla loro storia lavorativa e non avevano malattie cardiache all’inizio del periodo di studio.

 

Al fine di valutare l'esposizione ai pesticidi, il team ha utilizzato la scala di esposizione Occupational Safety Health Administration, che stima le quantità tipiche di pesticidi riscontrate in una una giornata lavorativa di otto ore e una settimana lavorativa di 40 ore in base al lavoro di un partecipante, all’età e agli anni di lavoro in quel settore, in particolare per lavoratori industriali, industriali e agricoli.

 

I ricercatori hanno quindi preso in esame le cartelle cliniche per individuare chi aveva sviluppato malattie cardiovascolari. Nel complesso solo 451 uomini avevano avuto un’esposizione elevata ai pesticidi e 410 avevano avuto un’esposizione a bassa intensità.

 

Dopo l’adattamento ad altri fattori di rischio cardiovascolare (come età, peso, attività fisica, alcol e fumo) gli studiosi hanno scoperto che gli uomini con elevata esposizione ai pesticidi avevano avuto il 42% di probabilità in più rispetto a quelli senza nessuna esposizione di sviluppare malattie cardiovascolari durante i primi 10 anni di follow-up.

 

“Un’alta esposizione durante la mezza età ha portato precocemente alle malattie cardiovascolari – ha spiegato Zara Berg – I pesticidi possono anche influenzare il colesterolo e la concentrazione di metalli pesanti nel corpo”. “Soprattutto, i lavoratori dovrebbero tenere sotto controllo le propri cartelle cliniche e documentare la potenziale esposizione, specialmente se i datori di lavoro non lo fanno – continua Berg – Indossare equipaggiamento e indumenti protettivi adeguati e richiederne alcuni se non forniti”.

 

Secondo l'autrice anche dopo la pensione i lavoratori dovrebbero continuare a monitorare la loro salute per quanto riguarda le complicazioni cardiovascolari. “I pesticidi hanno una lunga emivita e rimangono nel corpo da molto tempo, quindi gli effetti collaterali possono comparire anche 10-20 anni dopo”.

 

 

Bibliografia:

1. Berg, Z. K., Rodriguez, B., Davis, J., Katz, A. R., Cooney, R. V., & Masaki, K. (2019). Association Between Occupational Exposure to Pesticides and Cardiovascular Disease Incidence: The Kuakini Honolulu Heart Program. Journal of the American Heart Association, 8(19), e012569.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessia Ferla

A Milano il primo ospedale dedicato alla salute delle donne 4 DIC 2019 SALUTE
Sugar e plastic tax: cosa ne pensano gli italiani? 2 DIC 2019 ATTUALITà
Il Messico nega l'ingresso di mille tonnellate di glifosato nel Paese 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza e prima infanzia: buone pratiche più diffuse ma si può migliorare 27 NOV 2019 INFANZIA
Gli adolescenti di tutto il mondo sono troppo sedentari 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le aree verdi in città allungano la vita 22 NOV 2019 SALUTE
Gli animali domestici allontanano ansia e depressione 20 NOV 2019 ANIMALI
I cambiamenti climatici colpiranno la salute dei bambini che nascono oggi 18 NOV 2019 INFANZIA
I contraccettivi ormonali aumentano il rischio di ansia e depressione 18 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Leggere e scrivere protegge dalla demenza e rafforza il cervello 15 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Correre allunga la vita e riduce il rischio di morte 13 NOV 2019 SALUTE
I Pfas alterano anche la fertilità femminile 11 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno purifica il cervello eliminando le tossine 8 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Dieci buoni motivi per praticare lo yoga ogni giorno 8 NOV 2019 SALUTE
Smartphone e tablet modificano il cervello dei bambini 6 NOV 2019 INFANZIA
Salute e conflitti di interesse: studenti di Medicina corteggiati dalle aziende 4 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo sport protegge il cuore dei pazienti oncologici 30 OTT 2019 SALUTE
Cellulari e salute: la Francia sceglie la strada della precauzione 28 OTT 2019 SALUTE
Vitamina D: boom di carenza tra gli adolescenti italiani 25 OTT 2019 SALUTE
Talco cancerogeno: la Johnson&Johnson ritira 33mila confezioni con amianto 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come combattere la depressione con una dieta sana 18 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
In Italia record di decessi prematuri per inquinamento. Padova prima in Europa per PM10 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Migliaia di microplastiche nei tappi delle bottiglie di acqua minerale 16 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cancro, una lettera aperta agli oncologi: “Non si sottovaluti l'inquinamento ambientale” 14 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Tatuaggi: sostanze tossiche o cancerogene nel 20% degli inchiostri 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieta giapponese: i benefici per la salute dell'alimentazione del Sol Levante 9 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Quanta plastica beviamo con una tazza di tè? 4 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Quasi un milione di celiaci in Italia: si indaga sulle cause ambientali 30 SET 2019 SALUTE
Tumori in calo in Italia. È la prima volta 27 SET 2019 RICETTE
Bambini e stili di vita: le buone abitudini da imparare da piccoli 23 SET 2019 INFANZIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione