Denuncia sanitaria

Pesticidi: le alternative esistono (e funzionano)

Fonte: Valori (Rivista)



pesticidi
Sono innumerevoli, ormai, gli studi che dimostrano i danni provocati dall’uso di pesticidi

Poche settimane fa l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha inserito nella lista dei «probabili cancerogeni» il glifosato, componente principale del diffusissimo pesticida Roundup, prodotto dalla multinazionale Monsanto. Nello stesso elenco sono finiti anche due insetticidi: il malathion e il diazinon. Le prove, sostiene l’organismo interno all’organizzazione mondiale della Sanità, sono ancora «limitate». ma il dubbio che possano nuocere c’è. Anche altre due sostanze, il tetrachlorvinphos e il parathion, sono citate nel rapporto dell’agenzia, che li considera «possibili cancerogeni».

Quella dell’Oms assomiglia a una presa d’atto: sono innumerevoli, ormai, gli studi che dimostrano i danni provocati dall’uso di pesticidi, sull’ambiente come sulla salute umana. E sebbene il vicepresidente di Monsanto, Philip Miller, si sia scagliato contro l’agenzia Onu, bollando come «di scarsa qualità» lo studio effettuato, il nodo del problema è legato al mero buon senso. Qualsiasi decisione dovrebbe basarsi sul principio di precauzione, tenuto conto dei numerosi aspetti (quantomeno) controversi della questione.

Le alternative, tra l’altro, non mancano: già nel 2011 la Fao aveva lanciato un ampio progetto internazionale, in Africa occidentale, per promuovere pratiche agricole sostenibili, riducendo l’uso di pesticidi tossici e aumentando al contempo sia le rese dei raccolti sia gli introiti degli agricoltori. In 100mila parteciparono al progetto, lavorando in gruppi ristretti nel quadro di “scuole pratiche” con l’obiettivo di adottare e sviluppare una cultura di buone pratiche: l’uso di insetti predatori, la scelta di varietà vegetali adatte al luogo e l’utilizzo di pesticidi naturali.

L'Europa che dice no
Ma la questione non riguarda solo l’agricoltura: anche alcune città europee hanno scelto di abbandonare i pesticidi. Versailles, in Francia, nel quadro della gestione di tutti gli spazi verdi (i giardini, i parchi, le aiuole comunali), ha ad esempio deciso di seguire la politica “zero-phyto”, ovvero l’abbandono totale dei prodotti chimici (a partire dai diserbanti). È bastato un piano ad hoc per il trattamento di erba e piante per risparmiare 128mila litri di prodotti potenzialmente in grado di contaminare il suolo e le falde acquifere.

Legato a quello dei pesticidi, c’è poi il problema dell’uso di fertilizzanti chimici. Soprattutto nei processi agroindustriali intensivi, nei quali il terreno è sottoposto a un intenso sfruttamento ad ogni ciclo produttivo, tali prodotti hanno assunto un'importanza fondamentale. E a farne le spese sono, ancora una volta, le risorse idriche che rischiano di ritrovarsi contaminate.

Eppure, anche in questo caso, le alternative esistono: una ricerca effettuata da Barilla, dall’università cattolica di Piacenza e dal Life Cycle Engineering di Torino, ha dimostrato che usando meno fertilizzanti si può ottenere un notevole risparmio economico (57 euro per tonnellata di prodotto) e perfino una resa maggiore (in media, 1,3 tonnellate di raccolto in più per ettaro).

L’analisi era stata effettuata sui campi di venticinque agricoltori che forniscono grano all’azienda, nei quali anziché usare i fertilizzanti si è optato per la semplice rotazione delle coltivazioni, tenendo conto anche dei luoghi, delle caratteristiche del suolo e del grano, nonché delle specifiche condizioni meteo.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Andrea Barolini

Il clima rovente affamerà il mondo 30 MAG 2016 ATTUALITà
Fukushima, il disastro costa 50 miliardi 10 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Le centrali a carbone "rischiano" di farla franca 10 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
In Bretagna l’eolico è cittadino e cooperativo 8 APR 2015 ATTUALITà
In Giappone si coltiva al chiuso. Vicino a Fukushima 21 GEN 2015 ALIMENTAZIONE
Anno astrale 2100. Quale Pianeta per i nostri nipoti? 17 DIC 2014 ATTUALITà
Antartico, in mille anni mai così a rischio 4 SET 2013 ATTUALITà
Gioco d'azzardo. Se il banco lo tiene la mafia 7 GIU 2013 ATTUALITà
Il solare da record negli Emirati Arabi 21 MAG 2013 ATTUALITà
Energia pulita al servizio del sociale 15 MAG 2013 ATTUALITà
Chi continua a puntare sull’energia pulita? 2 GEN 2013 ATTUALITà
Lo sporco business delle cavie umane 12 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Privatizzare non ci salverà dalla crisi 6 DIC 2012 ATTUALITà
Le attività umane prosciugano il Pianeta 28 NOV 2012 ATTUALITà
CO2: emissioni sottostimate in Cina 15 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA
A Portland il primo edificio a 'triplo zero' 4 SET 2012 ATTUALITà
Brasile, nelle favelas cibo in cambio di rifiuti 23 AGO 2012 ATTUALITà
Banche nere come il carbone 8 GIU 2012 DENUNCIA SANITARIA
Patagonia cilena, la rivolta contro il carbone 5 GIU 2012 ATTUALITà
Africa: gli speculatori all’attacco della terra 4 OTT 2011 ETICA
G20 Agricoltura. Un fallimento annunciato 3 OTT 2011 ALIMENTAZIONE
Gli scheletri finanziari della banca pubblica europea 4 LUG 2011 ETICA
Diversificare e allarmare. Big Pharma cerca nuove vie per il profitto 24 AGO 2010 DENUNCIA SANITARIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione