Alimentazione

Patata OGM, il creatore: “Ora temo per la salute umana”


CATEGORIE: Alimentazione

patata

“Le mie patate hanno problemi 'nascosti', come il vaso di Pandora”. Ad ammetterlo è Caius Rommens che nel libro Pandora’s Potatoes racconta come l'entusiasmo per la sua creazione nel tempo si sia trasformato in dubbio e poi in paura per i pericoli che la tecnologia può creare. Una crisi di coscienza, insomma, sembra aver scosso lo scienziato che ha trascorso 13 anni della sua vita a sviluppare la prima patata geneticamente modificata, oggi venduta in 4.000 supermercati negli Stati Uniti.

 

Dopo aver lavorato nel colosso dell'agrobusiness Monsanto, Caius Rommens è stato dal 2000 al 2013 direttore di ricerca della Simplot Plant Sciences dove ha guidato l’équipe che sviluppava una patata ogm capace di resistere alle ammaccature e agli imbrunimenti e alla peronospora, e che potesse essere utilizzata per produrre patatine fritte meno cancerogene.

 

In seguito Rommens ha iniziato a nutrire dei dubbi proprio sul meccanismo di cui si è servito, ovvero  il silenziamento di geni chiamati RNAi. “Sono molto preoccupato per le api, non mangiano patate Ogm, ma possono utilizzare il polline per nutrire le loro larve. Sulla base della mia valutazione della letteratura, sembra che anche in questo caso potrebbero esserci alterazioni del Dna”, spiega in una intervista pubblicata su EcoWatch.

 

Inoltre le modifiche alla patata aumentano di fatto le tossine, in particolare l’alfa-aminoadipato, che in reazione con gli zuccheri produce prodotti avanzati di glicossidazione implicati in una varietà di malattie.

 

Anche per quanto riguarda la tendenza delle patate ogm a non scurirsi Rommens ha espresso delle preoccupazioni. Infatti, se in una normale patata alcune parti danneggiate vengono ben identificate e scartate in quella ogm i tessuti danneggiati sono nascosti, o parzialmente nascosti, e gran parte non vengono scartati. Con il carico di tossine che possono portarsi dietro.

 

“La soppressione dei sintomi – spiega lo scienziato - è così efficace che abbiamo creduto di aver superato il problema dei lividi. Mi ci è voluto un sacco di tempo per capire che le patate GM hanno ancora lividi – lividi invisibili – che sono altrettanto danneggiati come i lividi oscuranti delle patate normali. In altre parole, i lividi invisibili sono ancora punti di entrata per gli agenti patogeni e i punti di uscita per l’acqua, che sono due problemi importanti durante la conservazione”.

 

Ultimo problema? La patata ogm dovrebbe essere immune alla peronospora, un fungo che attacca la pianta, eppure Rommens ammette: “Nessuno sa per quanto tempo durerà questa protezione”.



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
OGM. La verità riguarda anche te!  Corinne Lepage   Il Leone Verde

OGM. La verità riguarda anche te!

Cosa vogliono farci mangiare

Corinne Lepage

Perché questo libro? L'idea mi è venuta perché speravo di convincere i cittadini del fatto che hanno voce in capitolo e possibilità di agire se la situazione risulta loro insopportabile. E che la loro azione può avere un reale riscontro. Non è la prima volta che un individuo, o un gruppo di individui, riesce a influire… Continua »
Pagine: 140, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Il Leone Verde
9,00 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Dagli scarti agricoli oli essenziali preziosi per la salute 20 FEB 2019 SALUTE
Pfas e gravidanza: rischi per mamme e neonato 20 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Mezzo milione di morti in Italia per la resistenza agli antibiotici 18 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Malattie mentali in aumento nel mondo 18 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Parkinson: avremo presto una pandemia 15 FEB 2019 SALUTE
Chi ha il diabete di tipo 1 dovrebbe smettere di fumare 15 FEB 2019 SALUTE
Frutta e verdura ci rendono anche più felici 15 FEB 2019 ALIMENTAZIONE
Autismo: cinque regioni in rete per un progetto di ricerca 13 FEB 2019 AUTISMO
Trovati glifosato e metalli pesanti su api e miele 13 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Obesità: il rischio si individua già a 10 anni 11 FEB 2019 ALIMENTAZIONE
I tatuaggi possono provocare un'infiammazione degli occhi 11 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Inquinamento da plastica: il WWF lancia una petizione mondiale 8 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Aumenta il fatturato della GlaxoSmithKline: boom di vendita di vaccini 7 FEB 2019 VACCINAZIONI
Pfas in Veneto: il danno ammonta a 136 milioni di euro 6 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
La depressione? Dipende dall'intestino 6 FEB 2019 SALUTE
Spreco alimentare: quanto ci costa il cibo che buttiamo? 6 FEB 2019 ALIMENTAZIONE
Polonia: carne da bovini malati esportata in mezza Europa 4 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
OMS: “Rimuovere la cannabis dall'elenco delle sostanze più pericolose” 4 FEB 2019 SALUTE
“Caro ministro, i danneggiati da vaccino esistono. Ecco chi sono” 4 FEB 2019 VACCINAZIONI
Così l'esercizio aerobico migliora anche la mente 1 FEB 2019 SALUTE
I cambiamenti climatici danneggiano il cuore dei bimbi prima della nascita 1 FEB 2019 INFANZIA
Benessere animale? Le etichette sono ingannevoli 30 GEN 2019 ANIMALI
Il sonno è un analgesico naturale. Dormire male aumenta il dolore 30 GEN 2019 SALUTE
Bimba si ammala per il vaccino ma lo Stato non paga 30 GEN 2019 VACCINAZIONI
Vaccini scaduti ai bambini: nuovo scandalo in Cina 28 GEN 2019 VACCINAZIONI
India: no ai vaccini nelle scuole senza informazioni e consenso 28 GEN 2019 VACCINAZIONI
Ilva: Italia condannata dalla Corte Ue 25 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA
Camminare fa bene anche quando fa molto freddo 25 GEN 2019 SALUTE
Etichette: obbligo di indicare l'origine di tutti gli alimenti 25 GEN 2019 ALIMENTAZIONE
Glifosato: Francia vieta l'erbicida RoundUp della Monsanto 25 GEN 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione