Infanzia

Parto naturale e allattamento sono determinanti per il neonato


CATEGORIE: Infanzia

allattamento
Il parto naturale e l’allattamento influiscono positivamente sul microbioma del neonato

I batteri che vengono trasmessi dalla madre al figlio nelle varie fasi del parto naturale, con l'allattamento al seno e attraverso il contatto cutaneo sono determinanti per la salute del neonato. È quanto conferma uno studio coordinato da un gruppo di ricerca del Centro di Biologia integrata (Cibio) dell’Università di Trento pubblicato sulla rivista scientifica “Cell Host and Microbe”.

 

La ricerca si è concentrata sulla trasmissione di vari microrganismi dalla madre al bambino durante i primi giorni e mesi di vita.  Lo studio ha coinvolto 25 coppie di mamme con bambini reclutate dalle unità operative di ostetricia e neonatologia dell’ospedale Santa Chiara di Trento a partire dal 2014. Gli studiosi hanno mappato la trasmissione del microbioma per mostrare come i batteri provenienti dalla madre colonizzino in modo più duraturo rispetto ai batteri provenienti da altre sorgenti come l’ambiente circostante.

 

“Abbiamo capito che tutti i microbiomi che abbiamo campionato dalle diverse locazioni corporee della madre contribuiscono in modo diretto allo sviluppo del microbioma del neonato. Il bambino acquisisce microrganismi anche da sorgenti diverse dalla madre, ma abbiamo scoperto che i microorganismi provenienti dalla madre è molto più facile che rimangano stabilmente nel neonato rispetto ai microorganismi acquisiti in altro modo, da altre fonti. Questo porta anche a ipotesi intriganti perché questa preferenza per i microrganismi materni da parte del neonato potrebbe essere il frutto di un meccanismo di co-evoluzione finora poco considerato”, ha spiegato Nicola Segata, responsabile dello studio e a capo del laboratorio di metagenomica computazionale al Cibio.

 

“Lo studio – continua Segata - pone le basi per capire meglio il processo di acquisizione del microbioma, del suo impatto sulla salute del bambino, e del ruolo del parto naturale, dell’allattamento al seno e del contatto pelle a pelle”.

 

“Ora che abbiamo compreso come e quali microorganismi passano al neonato dalla madre – prosegue Segata - vogliamo capire meglio quale sia il loro impatto sulla salute del bambino e come la trasmissione del microbioma materno venga alterata da fattori quali parto cesareo, assenza di contatto cutaneo tra madre e neonato nei primi istanti di vita, alimentazione con latte in formula”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Militari vaccinati contraggono la parotite: nave USA in quarantena 18 MAR 2019 VACCINAZIONI
Omeopatia, convegno SIOMI: "Esiste una sola Medicina" 18 MAR 2019 OMEOPATIA
Il glifosato danneggia il sistema riproduttivo 15 MAR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Asma: tutti i danni del cortisone 15 MAR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Militare contrae epatite dopo i vaccini: condannato il ministero della Salute 15 MAR 2019 VACCINAZIONI
Obbligo vaccinale: bimba di 3 anni respinta dall'asilo 13 MAR 2019 VACCINAZIONI
Diabete: la sedentarietà può uccidere 13 MAR 2019 SALUTE
Allergie in aumento. Come prevenirle con l'Omeopatia 11 MAR 2019 OMEOPATIA
Come ridurre il consumo di sale? 11 MAR 2019 ALIMENTAZIONE
Triptorelina: estesa prescrivibilità ad adolescenti. Quali effetti sulla salute? 8 MAR 2019 ATTUALITà
Gorga riconfermato presidente di Omeoimprese. E Boiron entra nel gruppo 8 MAR 2019 OMEOPATIA
Vaccini, Salvini scrive alla Grillo: “Un decreto per evitare traumi ai più piccoli” 6 MAR 2019 VACCINAZIONI
Acqua, quanto devono bere i bambini? 6 MAR 2019 INFANZIA
Gli inquinanti danneggiano i polmoni già prima della nascita 6 MAR 2019 INFANZIA
Omeopatia: cresce l'uso e sale la fiducia in medici e farmacisti 6 MAR 2019 OMEOPATIA
Dentifrici e antibiotico resistenza: quale legame? 4 MAR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Italiani sempre più a rischio ansia e attacchi di panico 4 MAR 2019 SALUTE
Disabile a causa del vaccino: Ministero condannato a risarcire la famiglia 1 MAR 2019 VACCINAZIONI
Tumore del seno: l'attività fisica riduce del 24% il rischio di mortalità 27 FEB 2019 SALUTE
Celebriamo la lentezza, a partire dalla colazione 27 FEB 2019 SALUTE
Scopri tutti gli alimenti che mantengono la pelle giovane 25 FEB 2019 ALIMENTAZIONE
Influenza, il virus muta e il vaccino non basta: è allarme 25 FEB 2019 VACCINAZIONI
La Francia vieta tutti i pesticidi che uccidono le api 22 FEB 2019 ANIMALI
Psoriasi: la “crema miracolosa” è illegale 22 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, D'Anna: “Stop alle polemiche strumentali e no al blocco degli esami di stato per i biologi” 22 FEB 2019 VACCINAZIONI
Dagli scarti agricoli oli essenziali preziosi per la salute 20 FEB 2019 SALUTE
Pfas e gravidanza: rischi per mamme e neonato 20 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Mezzo milione di morti in Italia per la resistenza agli antibiotici 18 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Malattie mentali in aumento nel mondo 18 FEB 2019 DENUNCIA SANITARIA
Parkinson: avremo presto una pandemia 15 FEB 2019 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione