Salute

Lazio: perché il parto in casa resta un miraggio?


CATEGORIE: Salute , Infanzia

gravidanza
Nel nostro Paese la gravidanza continua ad essere trattata al pari di una malattia da medicalizzare a priori

Nel nostro Paese la gravidanza continua ad essere trattata al pari di una malattia da medicalizzare a priori, come emerge da un'inchiesta del Corriere.it che fa riferimento, in particolare, alla situazione del Lazio.

Nella Regione Lazio, e in poche altre quattro regioni italiane (Toscana, Marche Emilia Romagna e Piemonte) esiste una legge che permette alle donne che decidono di partorire in casa di richiedere un rimborso economico. Una donna che partorisce in casa, infatti, costituisce per il servizio sanitario un risparmio, dal momento che si evitano il ricovero, la degenza e gli interventi medicalizzati.

Il 1 aprile 2011 Renata Polverini, la Presidente del Lazio in qualità di Commissario ad acta, ha firmato infatti il decreto n. 29 che ha per oggetto “Parto a domicilio e in Case Maternità - Approvazione di Profilo Assistenziale per l’assistenza al travaglio e parto fisiologico extraospedaliero in Case maternità e a domicilio”. Un decreto che, in pratica, dovrebbe incentivare i parti al di fuori degli ospedali.

Nel Decreto si stabilisce un rimborso, ma non l’entità, la cui definizione è rimandata ad un successivo provvedimento amministrativo il compito. Eppure, a distanza di tre anni dalla firma del decreto, non è ancora stato fatto nulla. Inoltre, mentre nelle altre parti del mondo i protocolli del parto a domicilio prevedono, per motivi di sicurezza, una distanza di 30/40 minuti della casa del parto da un ospedale, nel decreto laziale si parla di 7 Km e 20 minuti: parametri che di fatto rendono inidonee al parto quasi tutte le case del Lazio.

Nei fatti rimane dunque difficile porre rimedio all'eccessiva medicalizzazione del parto e della gravidanza. Già nel 1995 l'Oms riferiva che soltanto un 10-15% di parti hanno bisogno di ricorrere al taglio cesareo a causa di patologie legate al nascituro o alla madre, che il luogo primo della nascita è la casa, poi la Casa Maternità, poi i reparti ospedalieri di I° livello e, solo in ultima istanza, il ricorso a Ospedali di II° e III° livello, ovvero quelli dotati di rianimazione neonatale e per adulti.

Eppure in Italia il ricorso al taglio cesareo è passato dall’11% del 1980 al 38% del 2008, vale a dire primi in Europa, mentre il Portogallo è secondo al 33%. In fondo alla classifica l’Olanda al 15% e la Slovenia al 14%. In Olanda, poi, il 40% dei parti avviene in casa.










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessia Ferla

Correre allunga la vita e riduce il rischio di morte 13 NOV 2019 SALUTE
I Pfas alterano anche la fertilità femminile 11 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno purifica il cervello eliminando le tossine 8 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Dieci buoni motivi per praticare lo yoga ogni giorno 8 NOV 2019 SALUTE
Smartphone e tablet modificano il cervello dei bambini 6 NOV 2019 INFANZIA
Salute e conflitti di interesse: studenti di Medicina corteggiati dalle aziende 4 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo sport protegge il cuore dei pazienti oncologici 30 OTT 2019 SALUTE
Cellulari e salute: la Francia sceglie la strada della precauzione 28 OTT 2019 SALUTE
Vitamina D: boom di carenza tra gli adolescenti italiani 25 OTT 2019 SALUTE
Talco cancerogeno: la Johnson&Johnson ritira 33mila confezioni con amianto 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come combattere la depressione con una dieta sana 18 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
In Italia record di decessi prematuri per inquinamento. Padova prima in Europa per PM10 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Migliaia di microplastiche nei tappi delle bottiglie di acqua minerale 16 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cancro, una lettera aperta agli oncologi: “Non si sottovaluti l'inquinamento ambientale” 14 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Tatuaggi: sostanze tossiche o cancerogene nel 20% degli inchiostri 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieta giapponese: i benefici per la salute dell'alimentazione del Sol Levante 9 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Pesticidi: l'esposizione sul posto di lavoro aumenta il rischio di malattie cardiache 7 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Quanta plastica beviamo con una tazza di tè? 4 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Quasi un milione di celiaci in Italia: si indaga sulle cause ambientali 30 SET 2019 SALUTE
Tumori in calo in Italia. È la prima volta 27 SET 2019 RICETTE
Bambini e stili di vita: le buone abitudini da imparare da piccoli 23 SET 2019 INFANZIA
Dal cioccolato alla barbabietola, dalla natura un valido aiuto contro le malattie 9 SET 2015 ALIMENTAZIONE
Kazakistan: il mistero dell'epidemia di sonno a Kalachi 27 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Non c'è posto in 3 ospedali di Catania. La neonata Nicole muore in ambulanza 13 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vitamina D: i consigli per fare il pieno in estate 6 GIU 2014 SALUTE
Torino: donna muore dopo aborto con Ru486. Si indaga sulle cause del decesso 11 APR 2014 ATTUALITà
Sigarette: ecco le 40 malattie provocate dal fumo 24 GEN 2014 SALUTE
Erbe medicinali cinesi, un aiuto naturale contro il diabete 20 GEN 2014 SALUTE
Omeopatia, un valido aiuto contro ansia e disturbi del sonno 13 GEN 2014 OMEOPATIA
Sanità in tempi di crisi: gli italiani rinunciano a cure mediche e dentista 12 DIC 2013 SALUTE

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione